Come conservare gli spinaci bolliti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quante volte vi è capitato di andare al mercato per acquistare un chilo di insalata, per poi tornare a casa con tre borse di verdura comprata a basso prezzo e quindi irresistibile dal punto di vista economico? Niente paura, sono cose che possono succedere. In questi casi, la cosa più importante è sapere come trattare la verdura in modo da farla durare più a lungo possibile. In questa guida utilissima vi spiego come conservare nel modo migliore gli spinaci bolliti. Questo tipo di vegetale può infatti essere utilizzato anche alcuni giorni dopo il suo acquisto, se viene trattato nel modo più corretto. Buona lettura e buona preparazione dei vostri piatti, amiche carissime!

25

Lavaggio

Gli spinaci sono una verdura deliziosa che si presta molto bene ad essere conservata. Questi deliziosi vegetali contengono numerose vitamine, specialmente la K e la A, ed il prezioso ferro, che combatte l'anemia. Conservare gli spinaci è molto semplice, basta soltanto conoscere la tecnica più corretta. Gli spinaci tendono per natura a trattenere molta terra, e per questo motivo prima della cottura devono essere lavati molto bene in acqua corrente, aggiungendo mezzo cucchiaino di bicarbonato per ogni litro d'acqua. Per un lavaggio migliore vi consiglio di eseguire questa operazione almeno tre volte, per avere la sicurezza di eliminare ogni traccia di terriccio dalle foglie. Il bicarbonato, tuttavia, è necessario soltanto nel primo lavaggio, per eliminare lo sporco ed i detriti. Quando le foglie di spinaci sono pulite e l'acqua resta limpida, potete scrollare l'acqua in eccesso sopra un tovagliolo, in attesa dell'operazione di bollitura.

35

Bollitura

Portate a bollore una pentola d'acqua, fate cuocere gli spinaci per pochissimi minuti: solitamente, una quarantina di secondi sono più che sufficienti per cuocere gli spinaci mantenendo il loro colore acceso. Scolate gli spinaci con molta cura per eliminare la maggior quantità di acqua possibile, e per terminare l'operazione tuffate gli spinaci in un'altra pentola o contenitore piena di acqua freddissima e cubetti di ghiaccio. Dopo pochi secondi scolate nuovamente gli spinaci e strizzateli molto bene con le mani.

Continua la lettura
45

Conservazione

Quando gli spinaci sono strizzati molto bene ed hanno perso tutta l'acqua in eccesso, metteteli dentro gli appositi sacchetti di plastica per alimenti. Ricordatevi di usare soltanto i sacchetti da freezer, perché sono nati per questo scopo e quindi garantiscono una conservazione maggiore. Cercate di togliere tutta l'aria dai sacchetti e chiudeteli con gli appositi laccetti. Gli spinaci conservati nel freezer durano circa dieci mesi.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se il vostro freezer funziona perfettamente gli spinaci si possono conservare anche dodici o tredici mesi: basta soltanto farli cuocere bene dopo la scongelazione

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come Conservare Le Verdure Fresche Nel Freezer

Abbastanza spesso, vi succede di ritrovare in cucina molte verdure fresche e non sapere assolutamente come farle, al punto che la metà diventa cattiva da mangiare e deve essere buttata nel cestino? Non vi preoccupate troppo, perché esiste un metodo...
Economia Domestica

5 modi per conservare i cibi

Ci sono diversi metodi di conservazione dei principali prodotti alimentari che è possibile attuare a casa e che aiutano a conservare in modo più efficace il cibo a lungo termine. Questi includono l'inscatolamento, il congelamento, l'essiccazione, il...
Economia Domestica

Come conservare i cosmetici in estate

Nonostante possa sembrare banale, conservare i trucchi in estate nel modo giusto è fondamentale, soprattutto se si desidera mantenere nel tempo l'efficacia e la capacità coprente di determinati prodotti cosmetici (ad esempio di fondotinta, rossetti...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

Come conservare i semi di lino macinati

I semi di lino sono ideali per curare alcune patologie; infatti, producono un olio che si rivela particolarmente adatto per preparare delle tisane. Per ottimizzare il risultato, è però necessario prima essiccarli e poi macinarli in modo che si possano...
Economia Domestica

Come conservare il pesce

In Italia, una delle attività più praticate è sicuramente la pesca. Essendo un paese, al centro del Mediterraneo, le specie di pesce che vengono pescate sono davvero molteplici, quindi è molto facile avere sempre del pesce fresco a tavola. C'è...
Economia Domestica

Come conservare il basilico appena raccolto

In questa guida ti spiegherò in tre semplici passi come conservare il basilico appena raccolto. Infatti, spesso si hanno problemi con la conservazione del basilico, proprio per i seguenti motivi. Il basilico è una pianta dalle foglioline piccole e delicate....
Economia Domestica

Come conservare le foglie di menta

Per ottenere dei piatti saporiti in cucina, molto spesso è richiesto l'utilizzo delle spezie e delle erbe aromatiche. Le spezie e gli aromi di cucina, donano sicuramente un sapore diverso ad ogni piatto, regalando profumi e sensazioni davvero gradevoli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.