Come conservare gli gnocchi fatti in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se amate realizzare in casa della pasta fresca come ad esempio gli gnocchi, ed intendete poi conservarne un buon quantitativo senza cuocerli, potete adottare alcuni semplici e funzionali accorgimenti. Si tratta infatti, di seguire delle linee guida ben precise in modo da ottimizzare il risultato. In riferimento a ciò, nei passi successivi troverete le istruzioni su come conservare correttamente gli gnocchi fatti in casa.

25

Occorrente

  • Saccheti per alimenti
  • Utensile e sacchetti per il sottovuoto
35

Controllare l'essiccazione degli gnocchi

Dopo aver realizzato l'impasto e modellato gli gnocchi su una superficie antiaderente, adagiateli su di un panno pulito oppure della carta oleata in modo che si essicchino perfettamente. Quando ciò avviene, è necessario controllare che siano effettivamente asciutti, e quindi si possono prendere in mano senza che si attacchino tra loro. La pasta fresca in genere per asciugarsi del tutto richiede almeno 24 ore se è posta in un luogo asciutto, altrimenti se è umido ci vuole maggior tempo.

45

Riporre gli gnocchi in un scacchetto

A questo punto prendete gli gnocchi ed uno ad uno riponeteli in un sacchetto adatto per gli alimenti, dopodichè aggiungete qualche pugno di farina, e successivamente sigillatelo con un elastico, agitandolo poi allo stesso modo di quando zuccherate il pandoro classico. In tal caso, gli gnocchi non rimarranno attaccati tra loro una volta scongelati. Di fondamentale importanza è aggiungere sul sacchetto un talloncino adesivo indicante la data di preparazione, poiché la pasta fresca in genere e quindi anche gli gnocchi fatti in casa, possono durare fino a tre giorni se conservati nei ripiani del frigo e per tre mesi nel congelatore. In alternativa ai sacchetti, potete anche usare dei vassoi di polistirolo specifici per alimenti che sono facilmente reperibili nei supermercati, oppure li chiedete al banco macelleria.

Continua la lettura
55

Ottenere il sottovuoto

Un altro metodo funzionale per conservare al meglio gli gnocchi freschi fatti in casa, è di metterli da subito sottovuoto, ma non prima di averli essiccati come descritto in precedenza. Per eseguire questa operazione specie se amate fare spesso della pasta in casa, potete acquistare un utensile con tale funzionalità che in genere viene venduto corredato anche di sacchetti per alimenti. Una volta inseriti gli gnocchi ben secchi e stavolta senza l'aggiunta di farina, basta soltanto aspirare l'aria con il suddetto utensile ed ottenere il sottovuoto, che vi consente di conservarli per almeno una decina di giorni nel ripiano del frigo senza necessariamente congelarli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare i biscotti fatti in casa

Gli amanti della cucina, che adorano preparare ricette sempre nuove e fantasiose dal salato al dolce, sono soliti dedicarsi anche alla preparazione di dolci fatti in casa, molto più buoni e genuini di quelli acquistati. Tra le ricette di dolci più semplice...
Economia Domestica

Idee per regali di Natale fatti a mano

Con l'avvicinarsi del Natale, nasce la preoccupazione di cosa regalare ai propri amici e familiari. La tecnica del fai da te va molto di moda ultimamente! Con essa è possibile realizzare vere e proprie opere d'arte con le proprie mani. Conserve, biscotti,...
Economia Domestica

Come conservare i semi di lino macinati

I semi di lino sono ideali per curare alcune patologie; infatti, producono un olio che si rivela particolarmente adatto per preparare delle tisane. Per ottimizzare il risultato, è però necessario prima essiccarli e poi macinarli in modo che si possano...
Economia Domestica

5 modi per conservare i cibi

Ci sono diversi metodi di conservazione dei principali prodotti alimentari che è possibile attuare a casa e che aiutano a conservare in modo più efficace il cibo a lungo termine. Questi includono l'inscatolamento, il congelamento, l'essiccazione, il...
Economia Domestica

Come conservare i cosmetici in estate

Nonostante possa sembrare banale, conservare i trucchi in estate nel modo giusto è fondamentale, soprattutto se si desidera mantenere nel tempo l'efficacia e la capacità coprente di determinati prodotti cosmetici (ad esempio di fondotinta, rossetti...
Economia Domestica

Come conservare le nocciole nel miele

Hai fatto una scorta incredibile di nocciole e ora non sai come conservare quelle che ti avanzano. Ma il mondo della cucina è vasto e ricco di segreti per ogni evenienza. Se non vuoi perdere le tue nocciole o lasciarle nel cesto in vimini sino a quando...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

Come conservare il pesce

In Italia, una delle attività più praticate è sicuramente la pesca. Essendo un paese, al centro del Mediterraneo, le specie di pesce che vengono pescate sono davvero molteplici, quindi è molto facile avere sempre del pesce fresco a tavola. C'è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.