Come conservare al meglio le more

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le more sono delle bacche molto versatili per realizzare molte ricette tra cui torte e crostate e la natura ne provvede a profusione. Quando vengono raccolte, solitamente sono già molto mature e quindi vanno consumate in pochissimo tempo. Se si desidera prolungarne il sapore e il loro colore vellutato, senza che marciscano, ci sono dei modi per riuscirci. Vediamo allora in questa guida come conservare al meglio le more.

25

Occorrente

  • More
35

Conservazione a temperatura ambiente

Per chi vuole consumare le more in un paio di giorni, basta conservarle in un contenitore a temperatura ambiente o magari in frigorifero messe tutte su un unico strato perché se vengono messe alla rinfusa, si schiacciano tra loro. Evitate accuratamente di lavarle perché si deteriorano più facilmente e marciscono anche nel giro di poche ore.

45

Conservazione in freezer

Le more si possono anche conservare in freezer in un sacchetto per i surgelati. Lasciatele indurire un po' nel freezer appoggiate su carta forno e poi inseritele in un sacchetto per surgelati e chiudetele privandole dell'aria. Una volta scongelate devono essere consumate in giornata. Durante la fase preliminare di conservazione, è importante eliminare tutte le parti molli per evitare che possano recare diffondere l'umidità alle altre. C'è un modo insolito per prolungare la conservazione delle more è aggiungere uno strato di zucchero a velo Quest'ultimo è molto appropriato in quanto a contatto con l’acqua naturale delle m che svolge una funzione antibatterica. Naturalmente una volta che aggiungete lo zucchero le more diventano più caloriche e non sono più adatte per una dieta.

Continua la lettura
55

Conservazione in forma di gelatina

Le more si possono conservare anche trasformandole in gelatina. La ricetta è molto semplice. Gli ingredienti sono 2kg di more, 1,50 g di zucchero, 2 limoni medi, 450 g di mele sbucciate e 1 stecca di vaniglia. Iniziate spezzettando le mele a spicchi, mettetele in una casseruola in alluminio (evitare le casseruole in acciaio), aggiungete le more lavate e il succo di un limone. Mettete ora la casseruola sul fuoco, fate bollire il contenuto per 9/10 minuti a fuoco alto e mescolate il composto frequentemente cercando di ridurre in poltiglia le more e le mele. Togliete dal fuoco la casseruola e filtrate il succo che fuoriesce spremendo il composto. Al succo ottenuto aggiungete il limone e lo zucchero per poi rimetterlo a bollire per circa 20/25 minuti finché non si addensa. Quando il succo si sarà addensato, versatelo quando è ancora caldo nei contenitori e attendete che si raffreddi prima di richiudere con i coperchi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Arredare con il color porpora

Siete stufi della vostra casa in cui il colore principale è il marrone? Siete stanchi di vedere tutto bianco e nero? Cucina bianca, piastrelle nero e l'unica nota di colore è il grigio dei cuscini? È arrivata l'ora di cambiare! Perché non pensare...
Ristrutturazione

5 suggerimenti per creare un bagno moderno

Avete trovato la casa dei vostri sogni ed ora, dopo esservi occupati di arredare tutti gli ambienti, siete alle prese con il bagno? O più semplicemente volete rinnovare un bagno già esistente? Niente paura, con i nostri 5 suggerimenti per creare un...
Arredamento

Come riconoscere mobili della corrente razionalista

Il Movimento Moderno (in Italia, "Razionalismo") è quel periodo collocato tra le due guerre mondiali, volto al rinnovamento dei caratteri, della progettazione e dei principi dell'architettura, dell'urbanistica e del design. Negli anni '30 e '40 decorazioni...
Pulizia della Casa

Come togliere le macchie di frutta

Nel momento di dedicarsi al lavaggio della biancheria e degli indumenti, il dramma di ogni massaia è quello di trovarsi di fronte a dei capi che presentano macchie ostinate e difficili da togliere. Quante volte, ritornando indietro con la memoria, le...
Pulizia della Casa

Come sbrinare il freezer

Durante il corso del tempo, il ghiaccio che si viene a formare all'interno del freezer, non permette una corretta conservazione degli alimenti in esso contenuti, in quanto occupa spazio e purtroppo fa consumare molta più energia elettrica. Tuttavia,...
Economia Domestica

Come evitare la formazione di ghiaccio nel freezer

La formazione di ghiaccio nel freezer non permette una corretta chiusura del portello e occupa dello spazio prezioso per la conservazione dei vostri alimenti. Tutto questo comporta lo sviluppo di odori sgradevoli all'interno del vostro elettrodomestico...
Pulizia della Casa

Come eliminare i cattivi odori dal freezer

La cucina, è uno degli ambienti più frequentati in tutte le famiglie del mondo, e di conseguenza, senza ombra di dubbio, deve allo stesso tempo essere, uno dei luoghi più puliti nella nostra abitazione. A maggior ragione, il frigorifero, che come elettrodomestico...
Pulizia della Casa

5 metodi per sbrinare il freezer

Con il passare del tempo e i cibi accumulati nel vostro congelatore, possono rendere quest'ultimo maleodorante e soprattutto pieno di ghiaccio in eccesso, che non solo possono rovinare quello che c'è all'interno del freezer, ma può addirittura influire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.