Come conservare al meglio le more

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le more sono delle bacche molto versatili per realizzare molte ricette tra cui torte e crostate e la natura ne provvede a profusione. Quando vengono raccolte, solitamente sono già molto mature e quindi vanno consumate in pochissimo tempo. Se si desidera prolungarne il sapore e il loro colore vellutato, senza che marciscano, ci sono dei modi per riuscirci. Vediamo allora in questa guida come conservare al meglio le more.

25

Occorrente

  • More
35

Conservazione a temperatura ambiente

Per chi vuole consumare le more in un paio di giorni, basta conservarle in un contenitore a temperatura ambiente o magari in frigorifero messe tutte su un unico strato perché se vengono messe alla rinfusa, si schiacciano tra loro. Evitate accuratamente di lavarle perché si deteriorano più facilmente e marciscono anche nel giro di poche ore.

45

Conservazione in freezer

Le more si possono anche conservare in freezer in un sacchetto per i surgelati. Lasciatele indurire un po' nel freezer appoggiate su carta forno e poi inseritele in un sacchetto per surgelati e chiudetele privandole dell'aria. Una volta scongelate devono essere consumate in giornata. Durante la fase preliminare di conservazione, è importante eliminare tutte le parti molli per evitare che possano recare diffondere l'umidità alle altre. C'è un modo insolito per prolungare la conservazione delle more è aggiungere uno strato di zucchero a velo Quest'ultimo è molto appropriato in quanto a contatto con l’acqua naturale delle m che svolge una funzione antibatterica. Naturalmente una volta che aggiungete lo zucchero le more diventano più caloriche e non sono più adatte per una dieta.

Continua la lettura
55

Conservazione in forma di gelatina

Le more si possono conservare anche trasformandole in gelatina. La ricetta è molto semplice. Gli ingredienti sono 2kg di more, 1,50 g di zucchero, 2 limoni medi, 450 g di mele sbucciate e 1 stecca di vaniglia. Iniziate spezzettando le mele a spicchi, mettetele in una casseruola in alluminio (evitare le casseruole in acciaio), aggiungete le more lavate e il succo di un limone. Mettete ora la casseruola sul fuoco, fate bollire il contenuto per 9/10 minuti a fuoco alto e mescolate il composto frequentemente cercando di ridurre in poltiglia le more e le mele. Togliete dal fuoco la casseruola e filtrate il succo che fuoriesce spremendo il composto. Al succo ottenuto aggiungete il limone e lo zucchero per poi rimetterlo a bollire per circa 20/25 minuti finché non si addensa. Quando il succo si sarà addensato, versatelo quando è ancora caldo nei contenitori e attendete che si raffreddi prima di richiudere con i coperchi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare i cosmetici in estate

Nonostante possa sembrare banale, conservare i trucchi in estate nel modo giusto è fondamentale, soprattutto se si desidera mantenere nel tempo l'efficacia e la capacità coprente di determinati prodotti cosmetici (ad esempio di fondotinta, rossetti...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

Come conservare i semi di lino macinati

I semi di lino sono ideali per curare alcune patologie; infatti, producono un olio che si rivela particolarmente adatto per preparare delle tisane. Per ottimizzare il risultato, è però necessario prima essiccarli e poi macinarli in modo che si possano...
Economia Domestica

Come conservare il pesce

In Italia, una delle attività più praticate è sicuramente la pesca. Essendo un paese, al centro del Mediterraneo, le specie di pesce che vengono pescate sono davvero molteplici, quindi è molto facile avere sempre del pesce fresco a tavola. C'è...
Economia Domestica

Come conservare il basilico appena raccolto

In questa guida ti spiegherò in tre semplici passi come conservare il basilico appena raccolto. Infatti, spesso si hanno problemi con la conservazione del basilico, proprio per i seguenti motivi. Il basilico è una pianta dalle foglioline piccole e delicate....
Economia Domestica

Come conservare le foglie di menta

Per ottenere dei piatti saporiti in cucina, molto spesso è richiesto l'utilizzo delle spezie e delle erbe aromatiche. Le spezie e gli aromi di cucina, donano sicuramente un sapore diverso ad ogni piatto, regalando profumi e sensazioni davvero gradevoli...
Economia Domestica

Come conservare gli alimenti sottovuoto

Quando si sceglie di conservare gli alimenti sottovuoto, si decide di voler adottare una tecnica molto facile e davvero utilissima: essa consente al cibo di mantenere inalterate le sue caratteristiche organolettiche e nutrizionali, ma anche il suo sapore....
Economia Domestica

Come conservare i vasetti di pesto

Preparare in casa delle conserve è un ottimo modo per mangiare sempre in modo sano ed equilibrato. Utilizzando degli ingredienti freschi e genuini è possibile preparare qualsiasi salsa, che può essere utilizzata per condire la pasta, dei crostini,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.