Come conservare al meglio la zucca

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
19

Introduzione

La zucca è un frutto dal sapore succoso e dolciastro, molto utilizzato nella cucina tradizionale italiana e mondiale per preparare piatti succulenti e ricchi di sapore. Se dunque vi piace cucinare, sicuramente saprete che ogni stagione ha dei particolari prodotti naturali che si possono utilizzare per la preparazione di moltissimi piatti differenti, ma se volessimo utilizzare questi ingredienti fuori dalla stagione, dovremmo adottare particolari tecniche per poterlo fare. Infatti sarà praticamente impossibile trovare ad esempio prodotti tipici dell'estate in inverno e lo stesso vale anche per le altre stagioni. Esistono però alcuni metodi che ci consentiranno di conservare correttamente i vari prodotti caratteristici di una stagione, in modo da poterli utilizzare in qualunque momento. Una di queste è appunto la zucca. In questa guida vogliamo dunque illustrarvi come conservare al meglio questo coloratissimo frutto.

29

Occorrente

  • Contenitore per alimenti
  • Tovaglioli
  • Pentola capiente
  • Acqua
  • Coltello
  • Tagliere
39

Ungete con olio d'oliva

Innanzitutto è opportuno osservare come la zucca sia un ortaggio davvero molto resistente. Pensate che è possibile conservarla in casa per ben tre mesi. In alcuni casi, però, si possono notare delle piccole macchioline, che evidenziano la presenza di muffa. Esse vanno ad ammorbidire la zucca, fino a comprometterne l'integrità. Per scongiurare quindi la possibilità di un deperimento della zucca, a causa delle muffe, possiamo semplicemente proteggere la parte esterna ungendola con dell'olio d'oliva.

49

Tenete in luogo asciutto

Dopo aver effettuato questo intervento di conservazione preliminare, dovrete decidere se conservare la zucca intera o a fette. Qualora optiate per la prima ipotesi, sappiate che avrete la possibilità di conservare la zucca anche per tutto l'inverno. In che modo? Tenete la zucca intera in un luogo asciutto, ad una temperatura di 20 gradi circa. L'importante è che la zucca sia collocata in una zona al buio, mentre dovrete evitare di riporla in frigorifero, perché l'umidità prodotta da questo elettrodomestico potrebbe deteriorarla irreparabilmente.

Continua la lettura
59

Avvolgete con pellicola trasparente

Ma un ottimo modo di conservazione è anche quello di tagliare la zucca a fette. In questo caso, dovrete invece metterla in frigorifero, avvolgendola con una pellicola trasparente, in modo che non si asciughi troppo. Con questo metodo di conservazione, la zucca durerà almeno 3-4 giorni. Oppure, potreste sbucciarla e tagliarla a piccoli quadratini. Asciugate bene i quadratini e collocateli in sacchetti di plastica trasparenti, per poi metterli nel congelatore. Seguendo tale modalità, la zucca durerà circa 4-5 mesi.

69

Disidratate il frutto

Infine, ecco alcune indicazioni generali utili alla conservazione della zucca. Per poter riuscire a conservare nel miglior modo possibile la zucca, bisogna incominciare andandola a lavare in maniera precisa, accertandoci conseguentemente di aver eliminato tutte le presenti tracce di sporco e di terra. Successivamente, dovrete asciugarla del tutto, eliminando conseguentemente l'umidità, che andrebbe altrimenti a far proliferare la comparsa delle muffe. Quando avrete terminato con l'asciugatura della zucca, dovrete dedicarvi a trattare la parte esterna con l'olio. Per stenderlo possiamo versarne una piccola quantità su un tovagliolo di carta o un panno pulito, passiamo il fazzoletto imbevuto di olio su tutta la superficie della zucca. Al termine dell'operazione, con un fazzoletto pulito, rimuoviamo l'olio in eccesso, questo perché la zucca dovrà essere appena lucida e non grassa al tatto. Un altro metodo molto utile per conservare al meglio la zucca è quello di disidratarla e per farlo dovremo portare a bollore una pentola piena di acqua. Nel frattempo andiamo a sbucciare la zucca quindi rimuoviamo tutti i semi. A questo punto non ci resta che tagliarla grossolanamente e andarla ad immergere nell'acqua bollente. Lasciamola bollire per circa 10 minuti.

79

Congelate nel freezer

Andiamo quindi a scolare la zucca e a disporla sopra un vassoio, lasciando un minimo di spazio tra i vari pezzi. Lasciamo che la zucca si raffreddi completamente, quindi andiamo a disporre i pezzi negli appositi contenitori sottovuoto. Ora possiamo congelarla. All'occorrenza sarà sufficiente far reidratare la zucca per circa 15 minuti in acqua bollente. La vostra zucca, opportunamente conservata, sarà dunque pronta per essere assaporata o utilizzata in ogni momento, senza tuttavia mai perdere la sua caratteristica di turgidità e dolcezza.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Dopo aver acquistato la zucca, decidete se conservarla intera oppure tagliarla a spicchi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come riciclare i semi di zucca

La zucca è un alimento che ritroviamo sua sulle tavole imbandite come cibo oppure come decorazione durante la sera di Halloween. Oltre a fare una bella figura, questo alimento possiede numerose proprietà e benefici che vengono sfruttati pienamente nelle...
Economia Domestica

5 modi per conservare i cibi

Ci sono diversi metodi di conservazione dei principali prodotti alimentari che è possibile attuare a casa e che aiutano a conservare in modo più efficace il cibo a lungo termine. Questi includono l'inscatolamento, il congelamento, l'essiccazione, il...
Economia Domestica

Come conservare i cosmetici in estate

Nonostante possa sembrare banale, conservare i trucchi in estate nel modo giusto è fondamentale, soprattutto se si desidera mantenere nel tempo l'efficacia e la capacità coprente di determinati prodotti cosmetici (ad esempio di fondotinta, rossetti...
Economia Domestica

Come conservare e riutilizzare gli avanzi di cibo

Può capitare di preparare un pasto abbondante o di avere meno fame del previsto. Ci ritroviamo così con degli avanzi di cibo che non sappiamo come conservare e riutilizzare. È necessario pensare a cosa farne. Ma è importante anche sapere come conservarli....
Economia Domestica

Come conservare le olive

Le olive sono delle bacche tipicamente mediterranee, e vengono coltivate nella maggior parte delle regioni italiane ma anche in Grecia e Spagna per produrre dell'ottimo olio apprezzato in tutto il mondo. La loro maturazione avviene in tardo autunno o...
Economia Domestica

Come conservare i semi di lino macinati

I semi di lino sono ideali per curare alcune patologie; infatti, producono un olio che si rivela particolarmente adatto per preparare delle tisane. Per ottimizzare il risultato, è però necessario prima essiccarli e poi macinarli in modo che si possano...
Economia Domestica

Come conservare il pesce

In Italia, una delle attività più praticate è sicuramente la pesca. Essendo un paese, al centro del Mediterraneo, le specie di pesce che vengono pescate sono davvero molteplici, quindi è molto facile avere sempre del pesce fresco a tavola. C'è...
Economia Domestica

Come conservare il basilico appena raccolto

In questa guida ti spiegherò in tre semplici passi come conservare il basilico appena raccolto. Infatti, spesso si hanno problemi con la conservazione del basilico, proprio per i seguenti motivi. Il basilico è una pianta dalle foglioline piccole e delicate....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.