Come coltivare la cipolla rossa

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

La cipolla rossa è un ortaggio tipico del nostro paese, in cui cresce soprattutto nelle regioni meridionali, in particolar modo in Calabria (famosissima è infatti la cipolla rossa di Tropea). Per questo motivo, non è difficile trovarla nei supermercati di tutta Italia ad un prezzo relativamente modico, ma è altrettanto facile coltivarla nel proprio orto. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come coltivare la cipolla rossa.

24

Procurarsi i bulbi

Innanzitutto dovremo acquistare dei bulbi o dei semi di cipolla rossa. Una volta procurati gli ingredienti fondamentali, possiamo procedere con la coltivazione. Quando si parla di giardinaggio, bisogna tenere presente che ogni pianta o simile ha un suo periodo di coltivazione. Per la cipolla rossa, tale periodo è aprile/maggio e a seguire fino al periodo in cui si effettuerà il raccolto. Gli attrezzi fondamentali per la coltivazione della cipolla rossa sono: un rastrello, una piccola zappa e in fine un po' di concime. Iniziamo livellando il terreno e drenandolo con l'aiuto del rastrello. Una volta finita la preparazione del terreno possiamo passare alla preparazione del letto di coltivazione.

34

Interrare i bulbi

Procediamo ora tracciando un solco dalla lunghezza abbastanza profonda da ricoprire completamente i bulbi. Il secondo passo è quello di irrigare nuovamente la terra poiché il processo di solcatura potrebbe averla resa troppo secc. A questo punto possiamo posizionare il concime lungo il buco facendo attenzione a disporlo equamente in spazi e quantità. Compattiamo la terra insieme al concime e lasciamo riposare la terra per mezz'ora.

Continua la lettura
44

Come far germogliare le cipolle

Dopo aver riposato mezz'ora, la terra dovrebbe essersi del tutto assestata. Il riposo serve a eliminare l'aria sotto il terreno che spesso è la prima causa di un raccolto fallimentare. Per questo motivo è importante compattare per bene senza lasciare spazi neanche per insetti o altri animali. Dovremo disporre i bulbi in fila, ad una distanza di circa 7 cm uno dall'altro. Una volta disposti tutti nostri bulbi, ricopriamoli con la terra ai lati del solco. Livelliamo il terreno a mani nude e compattiamolo per bene. Se la terra è stata inumidita in modo corretto, possiamo evitare di metterle acqua per un paio di settimane. Nelle settimane successive procederemo annaffiando manualmente la terra o servendoci di sistemi automatici di irrigazione. Dopo un mese circa dalla coltivazione, le cipolle rosse saranno pronte per il raccolto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come coltivare le piante rampicanti

Come vedremo nel corso di questa guida, coltivare le piante rampicanti non richiede un lavoro lungo e complesso, è sufficiente infatti un po' di pazienza e impegno per coltivare le piante efficacemente e senza errori. Se pertanto avete il pollice verde...
Esterni

Come coltivare i cetrioli in vaso

Se sei un amante del pollice verde e desideri scoprire come sia possibile coltivare gli ortaggi in vaso autonomamente, ti consiglio di seguire con pazienza i suggerimenti di questo tutorial, in quanto ti fornirò preziosi consigli su come in particolare...
Esterni

Come coltivare verdura sul balcone

Sembra incredibile ma l'uso di coltivare verdura sui balconi viene dalle metropoli, dove spesso i prezzi della materia prima diventano proibitivi mentre abbondano gli spazi sui tetti piani dei grattacieli che prima rimanevano inutilizzati. In questa guida...
Esterni

Come coltivare il topinambur in vaso

Il topinambur, spesso detto anche pianta tedesca o carciofo di Gerusalemme, è una pianta di cui la parte commestibile è la radice. La radice somiglia per molti aspetti allo zenzero. Il topinambur viene usato per parecchie ricette. Possiede innumerevoli...
Esterni

Come coltivare le gardenie

Le gardenie sono piante ornamentali originarie della Cina, del Giappone e dell'Africa. Appartengono alla famiglia delle Rubiacee e in Italia se ne contano varie specie. Sono arbusti sempreverdi, dalle foglie di un bel colore smeraldo scuro, lucidissime,...
Esterni

Come coltivare il cavolo rapa

Come vedremo nei pochi passi di questo interessante tutorial, nonostante possa sembrare difficile e impegnativo, coltivare il cavolo rapa è in realtà un lavoro semplice e veloce, basta infatti seguire una serie di dritte basilari e alcuni consigli apparentemente...
Esterni

Come coltivare l'agapanto sul balcone

Se amate i fiori ed in particolare quelli di rara bellezza e con colori vivaci, potete ad esempio coltivare l'agapanto sul balcone di casa. Si tratta di un lavoro di giardinaggio non difficile, e che richiede soltanto l'applicazione delle tecniche fondamentali...
Esterni

Come coltivare in vaso l'acero giapponese

L'acero giapponese, che appartiene alla famiglia delle aceracee, è uno degli alberi più usati per creare giardini o balconi ornamentali. La sua caratteristica più evidente è data dal fogliame, che ha un bel colore rosso scuro. Specialmente in autunno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.