Come colorare il nylon

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Come vedremo in seguito, il nylon è un materiale piuttosto semplice da tingere. È sufficiente infatti reperire gli strumenti adeguati per tingerlo senza particolari difficoltà, con un po' di impegno e un minimo di pazienza. Se desiderate conoscere come sia possibile colorare il nylon seguite con attenzione i suggerimenti di questa guida, vi indicherò come fare.

27

Occorrente

  • Nylon
  • Colorante in polvere
  • Pentole
  • Acqua
  • Aceto
37

Tenete conto innanzitutto, che per tingere il nylon possono essere usati coloranti naturali o al contrario artificiali. Per una buona riuscita del progetto tuttavia, vi consiglio di usare i secondi, che peraltro sono meno aggressivi e consentono di ottenere un risultato ottimale. Come prima cosa dunque provvediamo a preparare il colorante.

47

Prendiamo dunque il colorante in polvere e provvediamo a scioglierlo in acqua tiepida. Per mescolare il colore vi consiglio di prendere una ciotola capiente di plastica o di acciaio. Per decidere le quantità di colore da utilizzare, vi consiglio di leggere attentamente le istruzioni presenti sulla confezione (tenete conto comunque, che in genere una busta di colorante in polvere è sufficiente per colorare 400 grammi di tessuto). Ricordate inoltre che il colore in polvere dovrà essere sciolto in 500 ml di acqua tiepida.

Continua la lettura
57

Adesso prendete una pentola e riempitela d'acqua; immergete nella stessa il nylon e portate l'acqua ad una temperatura di 30 gradi, al termine rimuovete il tessuto dalla pentola. Prendete adesso il colore ed aggiungetelo alla pentola con l'acqua calda, mescolando con attenzione.

67

Adesso possiamo procedere alla colorazione vera e propria del nylon. Prendiamo dunque il tessuto ed immergiamolo nel colore, così come preparato precedentemente. Continuiamo a mescolare a fuoco medio e dopo circa 5/8 minuti, versiamo dentro la pentola un po' di aceto (per 10 litri d'acqua è sufficiente versare 200 ml di aceto bianco). Per un risultato ottimale il nylon dovrà essere lasciato in ammollo per circa 25 minuti, lasciando bollire l'acqua fino a raggiungere una temperatura di 60 gradi (ricordate che più lascerete in nylon in ammollo, più il risultato finale sarà ottimale). A questo punto non ci resta che risciacquare il nylon.

77

Per risciacquare il nylon, prendiamo un recipiente capiente e sciacquiamolo diverse volte, utilizzando abbondante acqua calda. Per evitare di intaccare la colorazione del tessuto, ma al contempo sciacquarlo adeguatamente, vi consiglio di utilizzare acqua bollente ad una temperatura di 60 gradi. Se avete seguite attentamente le operazioni sopra indicate, avete sicuramente colorato il tessuto in modo ottimale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come sbiancare il nylon

Il nylon è un tessuto che tende a diventare giallo nel tempo, anche quando viene trattato con cura. Questo tessuto, soprattutto quando è bianco è un vero e proprio magnete in grado di attirare salsa, caffè e qualsiasi altro materiale liquido. Se si...
Pulizia della Casa

Cosa fare in caso di umidità in appartamento

Alcune volte si possono verificare delle situazioni di umidità all'interno di un appartamento. Qualora si dovessero presentare, è necessario intervenire prima che la situazione degeneri. Non dobbiamo assolutamente scordare che l'umidità risulta dannosa...
Pulizia della Casa

Come pulire le finestre di alluminio ossidate

Le ossidazioni sulle finestre in alluminio hanno l'aspetto di macchie polverose, color grigio-bianco, oppure marrone opaco. Le macchie bianche e polverose dovute all'ossidazione sono legate chimicamente all'alluminio e lo proteggono da ulteriori corrosioni....
Esterni

Come coltivare le gardenie

Le gardenie sono piante ornamentali originarie della Cina, del Giappone e dell'Africa. Appartengono alla famiglia delle Rubiacee e in Italia se ne contano varie specie. Sono arbusti sempreverdi, dalle foglie di un bel colore smeraldo scuro, lucidissime,...
Economia Domestica

Come lavare le tende in base al tessuto

La cura della casa comincia dalla pulizia delle tende, un accessorio indispensabile che completa l'arredamento della casa, dando quel tocco in più proteggendo la casa dalla luce e dagli sguardi indiscreti. Perché si mantengano belle come appena acquistate,...
Esterni

Come curare i bordi del prato

Il prato, è un elemento di grande effetto decorativo. Una reggia o una comune abitazione diventa un luogo piacevole e rassicurante se si circonda con questo verde manto erboso. Per un aspetto rigoglioso e ordinato è necessario controllare anche la crescita...
Arredamento

Le migliori decorazioni fai da te per il Natale

Le decorazioni per il Natale rendono accogliente la casa e ricreano la giusta atmosfera delle feste; infatti, senza le luci, i profumi e soprattutto i colori tipici di questo periodo non ci si sentirà mai partecipi di questa grande e allegra festa. Per...
Pulizia della Casa

Come Realizzare Una Spugna Da Bagno A Treccia Col Riciclo

Con i materiali di recupero è possibile creare tantissimi oggetti utilissimi in casa. Al giorno d'oggi riuscire a riciclare e riutilizzare più materiali possibili, è importantissimo per l'ambiente e soprattutto per le nostre tasche. Con la retina...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.