Come collegare un interruttore a tre vie

Tramite: O2O 29/02/2016
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

In questa guida dedicata al mondo dell'elettronica, vedremo come collegare un interruttore a tre vie. L'impianto si rivela molto utile quando i punti di contatto sono vicini tra loro, ma il punto luce è lontano. Prima di procedere, è indispensabile scollegare il quadro elettrico. La procedura è piuttosto difficile, quindi segui con attenzione ogni passaggio.

25

Come collegare un interruttore a tre vie? Per prima cosa, determina l'esatta dimensione dei cavi. Essi devono avere lo stesso diametro. Sceglili di rame se provengono da quadri elettrici o da scatole di fusibili. La dimensione minima è di 12 mm, ed è adatta per potenze pari a 20 ampere. Per un fusibile di 15v ampere, opta per un cavo di 14 mm di diametro. Ricorda che se utilizzi la corrente proveniente da una presa adiacente, dovrai scegliere cavi del medesimo diametro.

35

Ricorda che ogni filo della messa a terra deve avere morsetti o dadi omologati. Fai entrare il cavo a due vie nella scatola elettrica, facendolo passare dalla parte inferiore. Collega poi il filo nero della fase all'interruttore di deviazione, che si trova nel terminale a tre vie. Fissa il cavetto nero appena inserito con una vite al terminale rimasto libero. Sempre con un morsetto, unisci i due cavetti rossi, facendo attenzione a non rovinare la guaina di rivestimento. Nel secondo interruttore troverai il filo nero, derivante dal primo collegamento. Uniscilo con un pezzo di nastro isolante al filo bianco adiacente. I due terminali liberi li collegherai al cavetto rosso. Infine, unisci il fascetto formato dal filo bianco e nero precedentemente isolato all'ultimo terminale dell'interruttore. Come vedi, collegare un interruttore a tre vie non è semplice. Tuttavia, se segui con attenzione tutti i passi, otterrai un risultato professionale.

Continua la lettura
45

Ora installa un cavetto a tre vie nell'alimentazione elettrica. Per facilitare i successivi cablaggi, quando lo tagli, lasciane 20 cm circa all'interno della scatoletta del primo interruttore. Successivamente, unisci con un morsetto di adeguata dimensione il cavo di messa a terra con il circuito di massa corrispondente. Nel caso in cui la corrente derivi dal quadro elettrico o dal fusibile, taglia il cavo in una lunghezza tale da poter essere collegato alla presa più distante. In questo modo, non dovrai eseguire alcuna giunta. Se vi è una spina di massa separata, collega il filo di messa a terra a questo elemento. Diversamente, inserisci tutti i fili di messa a terra alla spina principale e quelli bianchi ad uno spinotto alternativo. A questo punto, inserisci il cavetto di colore nero all'interruttore magnetotermico, mentre quello bianco alla presa neutra del quadrante elettrico.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricorda che non è possibile collegare più di un filo alla vite presente sui vari terminali
  • Preferisci sempre i terminali a vite piuttosto che quelli ad inserimento posteriore: sono più sicuri e facili da installare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come collegare a terra una presa di corrente

Collegare a terra una presa di corrente può sembrare un’operazione difficile ma, come vedremo nel corso di questa guida, può in realtà rivelarsi una misura che può essere effettuata autonomamente se disponete di un po’ di manualità e tempo. Questo...
Ristrutturazione

Come montare un impianto fotovoltaico

Il sole costituisce un'immensa fonte di energia e ciò è dimostrato dalle numerose installazioni di impianti fotovoltaici: essi, come sappiamo, servono a consumare meno energia elettrica per risparmiare ed aiutare il nostro pianeta a diventare più pulito...
Ristrutturazione

Come sostituire una presa elettrica a parete

Come tutti i dispositivi anche le prese elettriche ad un certo punto si guastano, e quando ciò accade è necessario sostituirle. In commercio ne esistono di svariate tipologie ed ognuna con una particolare caratteristica. Per fare un esempio, ci sono...
Ristrutturazione

Come sostituire lo scaldabagno

Lo scaldabagno di casa non funziona? Niente paura! Se volete cambiarlo ma non sapete come fare, questa guida fa proprio al caso vostro. Non tutte le abitazioni, in effetti, hanno un impianto a gas dotato di caldaia domestica, che produca sia il riscaldamento...
Ristrutturazione

Come installare sensori magnetici a porte e finestre

Al giorno d'oggi è molto importante avere una casa a prova di ladro. Uno dei tanti sistemi esistenti per proteggere la propria casa dalle intrusioni di ladri, consiste nell'installare un sistema di sensori magnetici a circuito chiuso. Questi sensori...
Ristrutturazione

Come ristrutturare l'impianto elettrico di casa

Se ci capita di comprare una vecchia casa che bisogna rimodernare e ristrutturare completamente, nella maggior parte dei casi l'impianto elettrico sarà interamente da sostituire; questo non solo per una questione di sicurezza, ma anche per mettersi in...
Ristrutturazione

Come sostituire lo scaldabagno elettrico

Se dallo scaldabagno elettrico fuoriesce qualche goccia d'acqua probabilmente la caldaia che si trova al suo interno si è corrosa. A questo punto è necessaria la sostituzione dell'intero oggetto prima che la perdita d'acqua aumenta e crea dei danni...
Ristrutturazione

Come sostituire un vecchio citofono

Molto spesso la nostra abitazione necessita di alcuni piccoli lavoretti di manutenzione che nel corso del tempo sono inevitabilmente necessari. Esistono svariati ambiti nei quali possiamo intervenire, tutti comunque necessitano di competenze e conoscenze...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.