Come collegare il tubo corrugato al pluviale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se sul nostro terrazzo intendiamo collegare un tubo al pluviale, dobbiamo innanzitutto verificare quest'ultimo come è composto; infatti, nella maggior parte si tratta di modelli cosiddetti corrugati, ovvero con una serie di anelli della stessa misura e intervallati tra loro da una parte piatta. All'interno, questi tubi sono perfettamente lisci e il materiale usato è il PVC. Per eseguire l'operazione in modo corretto e funzionale, è dunque necessario usare una prolunga della stessa tipologia. Premesso ciò, ecco una guida con alcuni consigli su come collegare il tubo corrugato al pluviale.

25

Occorrente

  • Tubo corrugato
  • Seghetto manuale
  • Giunto tubolare in plastica
  • Nastro isolante
  • Stucco epossidico
  • Forbici
35

Usare un apposito giunto

Per collegare un tubo corrugato a quello che fuoriesce dal pluviale, ci sono tre modi tutti funzionali e facili da mettere in pratica. Il primo consiste nell'usare un apposito giunto di plastica liscio sia all'interno che all'esterno e di forma circolare, di pochissimo superiore come diametro ai due tubi corrugati da collegare. In tal caso basta soltanto interporlo ad incastro e ad una profondità di tre centimetri circa tra le due estremità e poi sigillarlo con del nastro isolante.

45

Praticare un taglio sulle due estremità dei tubi

Un altro modo anch'esso funzionale per collegare un tubo corrugato ad un pluviale con le sesse caratteristiche, consiste nel praticare un taglio sulle due estremità. Nello specifico sul primo, va eliminato soltanto l'ultimo anello lasciando ben visibile la parte piatta, mentre sul secondo si elimina proprio quest'ultima evidenziando solo un anello. In tal modo si creano le condizioni per ottenere un ottimo incastro, che una volta eseguito e sigillato con del nastro isolante ci consente di ottimizzare il risultato. In questo caso il taglio deve essere preciso (con un seghetto manuale), e per garantirci una maggior tenuta dell'incastro, possiamo anche preventivamente usare dello stucco epossidico prima di congiungere i due lembi dei tubi, dopodichè utilizziamo anche il suddetto nastro isolante.

Continua la lettura
55

Allargare il nuovo tubo

Il terzo modo si rivela anch'esso ottimo, quando capita che il tubo corrugato corrispondente al pluviale è di diametro maggiore rispetto a quello da collegare. Per massimizzare il risultato, il procedimento è abbastanza semplice e veloce; infatti, con una forbice basta praticare un taglio in verticale proprio sul tubo nuovo e di una lunghezza di almeno 8 centimetri. Tale operazione ci consente di allargare il nuovo tubo, e farlo diventare addirittura di diametro maggiorato rispetto a quello del pluviale, e quindi con la possibilità di procedere all'incastro con le stesse metodologie descritte in precedenza, ovvero sigillando il tutto prima con dello stucco epossidico e poi con del nastro isolante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come aggiungere un pluviale a una grondaia esistente

Nel caso in cui ci si ritrova nella situazione di dover sostituire una parte di grondaia come ad esempio un pluviale, poiché si trova in pessime condizioni bisogna procedere e svolgere delle opere di manutenzione. Stessa cosa vale se ci si rende conto...
Esterni

Come collegare i pluviali a gomito

I tubi pluviali insieme alle grondaie sono utilizzati per la raccolta delle acque e per convogliarle negli scarichi della fognatura bianca o altro pozzo di raccolta. I più diffusi sono in rame o in PVC ma si possono trovare anche in alluminio, e acciaio...
Esterni

Come scollegare i pluviali a gomito

I pluviali sono utilizzati, unitamente alle grondaie, per la racconta dell'acqua piovana. Sono importanti per far sì che l'acqua decadente dai tetti scenda al suolo attraverso una guida. Solitamente sono in pvc ma talvolta si trovano dei pluviali anche...
Esterni

Come installare una grondaia su un tetto piano

Quando si tratta di restaurare la casa, un elemento che spesso viene trascurato è la grondaia, la quale può arrugginirsi provocando delle perdite d'acqua che a loro volta potrebbero danneggiare le pareti esterne e dare origine alla formazione della...
Esterni

Come creare un'illuminazione all'aperto

L'illuminazione all'aperto affascina ma contemporaneamente apporta un problema tecnico nell'idearla. Infatti, all'aperto la sorgente luminosa va a illuminare il buio. Non esistono soffitti, non abbiamo pareti, oppure sitano lontane o vengono date dalla...
Esterni

Come pulire i pluviali di rame

I pluviali sono quei tubi esterni in rame, acciaio, alluminio zincato o PVC, che percorrono l'altezza di un fabbricato ed hanno come scopo principale quello di raccogliere le acque meteoriche. Essi sono fissati perpendicolarmente alle grondaie, una sorta...
Esterni

Come sturare tubi e grondaie

Se in inverno durante le giornate piovose e fredde, notate che da alcuni tubi di discesa collegati alle grondaie non fuoriesce l’acqua, vuol dire che ci sono dei brutti ingorghi causati da foglie e rami. Qualora non si proceda con lo sblocco dell'ingoorgo,...
Esterni

Come installare l'illuminazione da giardino

Per dare un po di luce al nostro giardino e renderlo più accogliente, ricordiamo che in commercio esistono diverse tipologie d'illuminazione, sta a noi scegliere quella più consona alle nostre esigenze. Se abbiamo un minimo di esperienza per questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.