Come calcolare le calorie occorrenti per riscaldare una casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il dimensionamento di un impianto di riscaldamento di una casa, è importante al fine di garantire una buona resa, sia in termini di utilizzo (mantenimento della temperatura interna) che in termini energetici ed economici. Il primo passo, in tale dimensionamento, è quello di calcolare le calorie occorrenti a riscaldare e mantenere una determinata temperatura di un ambiente interno (fabbisogno termico). Tale calcolo vi consentirà di valutare, in seguito, nel caso dei termosifoni, il numero di elementi da posizionare in ogni ambiente. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • planimetria
  • tabella dei valori della trasmittanza limite U
  • tabella dei valori delle temperature esterne
36

Come prima cosa, il calcolo verrà fatto andando a considerare la dispersione di calore sulle superfici che racchiudono l'ambiente tramite la formula: Q = U x S x T dove Q = calore disperso (calorie occorrenti) [watt] S = superficie totale [mq] (pareti pavimenti, solaio, infissi), T= (ti-te) [°C] differenza di temperatura interna (ti) esterna U = trasmittenza [W/mq °C] (è la capacità isolante dei materiali e avrà un valore tanto più bassa quanto più alto sarà l'isolamento). Una volta definita la formula, ed esservi muniti della planimetria dell'ambiente da valutare e quindi delle misure, passate al calcolo della Q, valutando le dimensioni delle superfici di ogni elemento: pareti (misure prese a netto degli infissi), solaio ed il pavimento.

46

Per esempio, dato un locale di 2,90 x 4,37 m con altezza h = 2,70 m, le rispettive superfici sono: parete 1 S1 = 2,90 x 2,7=7,83 mq, parete 2 (è presente una finestra) S2 = 4,37 x 2,7 - 0,8 x 1,00 = 11 mq, pavimento e solaio S4 = 4,37 x 2,90 = 12,67 mq e così via. Una volata che conoscete le dimensioni delle superfici, passate al calcolo delle temperature. Per legge, la temperatura interna viene presa ti = 20° mentre per quella esterna, esiste una tabella di valori in base alle principali località, basta considerare quella più vicina (ad esempio, nel caso di Bologna, la zona climatica è di -5°C).

Continua la lettura
56

Successivamente, resta da calcolare soltanto la trasmittanza U. Tale valore, dipende principalmente dal tipo di materiali, dall'esposizione e da altri valori (trascurati nel vostro calcolo, ma non di fondamentale importanza). Voi però potrete basarvi sulla "Tabella dei Valori limite" che, come le t, è divisa in zone climatiche. Una volta ottenuti i valori, andranno aumentati del coefficiente di esposizione (5% sud, 10% est, 15% ovest, 20 % nord) ottenendo così la trasmittanza netta che utilizzerete nel vostro calcolo. Con quest'ultima operazione, avrete ottenuto tutti i valori necessari per il calcolo completo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Anche se tale calcolo può darvi un idea abbastanza reale dei valori di dispersione termica, è consigliato rivolgersi ad un tecnico per avere dati più rigorosi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come riscaldare casa spendendo poco

Durante il periodo invernale, le nostre abitazioni devono essere riscaldate in maniera adeguata per poter far fronte alle temperature rigide dell'inverno. È risaputo, che le bollette del riscaldamento incidono in maniera sensibile sul budget familiare....
Economia Domestica

Come riscaldare la casa con gli specchi

Nell'ultimo periodo tecnici, architetti e designers hanno studiato sempre nuovi strumenti per rendere le nostre abitazioni confortevoli, esteticamente eleganti e tecnologicamente avanzate, il tutto con un occhio al risparmio. Il classamento energetico...
Economia Domestica

Come riscaldare una casa con il soffitto alto

Scegliere il sistema di riscaldamento più opportuno alle proprie esigenze è difficile poiché occorre tenere conto di molteplici fattori come l'ampiezza dell'ambiente, tanto più se la casa in questione ha un soffitto alto. Infatti si potrebbe incorrere...
Economia Domestica

Come riscaldare la casa a infrarossi

La maggioranza delle abitazioni hanno dei sistemi di riscaldamento per ogni stanza, o un numero limitato di camere con una zona unica di riscaldamento: ci sono diverse scelte disponibili per riscaldare in modo efficace i locali che hanno temperature varie....
Economia Domestica

Come riscaldare una veranda

Spesso capita che durante l'inverno alcuni ambienti della nostra casa vengano poco utilizzati per ovvi motivi (primo tra tutti logicamente è l'elevato costo del riscaldamento). A tale proposito oggi scriveremo una semplicissima e pratica guida su come...
Economia Domestica

Riscaldare casa: come regolare il termostato per risparmiare

Al giorno d'oggi cercare di risparmiare in casa è diventata un'azione fondamentale. I costi della vita infatti sono aumentati sensibilmente ed è sempre più difficile riuscire a mettere qualche soldo da parte. Pertanto è necessario avviare tutta una...
Economia Domestica

Come installare i pannelli solari per riscaldare una piscina

Se si riscalda una piscina con il solo ausilio della corrente elettrica i costi posso essere molto elevati durante tutto il periodo dell'utilizzo della piscina. Se invece vengono utilizzati dei pannelli fotovoltaici per effettuare la stessa operazione,...
Economia Domestica

Come riscaldare la casa senza il gas

I sistemi di riscaldamento a gas sono più frequenti negli appartamenti, all'interno di palazzi sia nuovi che datati. Ciò in quanto l'installazione di un impianto a gas tramite caldaia, termosifoni, bombolone centralizzato o metanodotti sotterranei comporta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.