Come arredare uno studio grafico

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il mercato del lavoro è molto cambiato negli ultimi anni. Alcuni mestieri molto diffusi un tempo sono ormai del tutto scomparsi, o quasi, mentre se ne sono creati di nuovi, legati per lo più alle moderne tecnologie. L'uso sempre più massiccio della rete, ad esempio, ha condotto alla creazione di figure professionali specializzate nella realizzazione di pagine web; e anche il tradizionale mestiere del grafico è molto cambiato, grazie ai nuovi supporti informatici.
Vediamo dunque, con questa guida, come arredare uno studio grafico.

26

Occorrente

  • Studio
  • Dispositivi multimediali
  • Stampante
  • Connessione ad internet
36

Per arredare uno studio grafico, i primi aspetti da valutare, ancora prima di iniziare a studiare l'arredo, ovvero al momento di scegliere l'ambiente che ospiterà lo studio, sono luminosità e dimensioni. Se si ha intenzione di eseguire solo il lavoro di pura progettazione grafica, e non di stampa su grandi formati, basteranno pochi metri quadri; ma se si valuta l'acquisto di un plotter, o di stampanti di grandi dimensioni, saranno necessarie superfici più ampie. La luce, poi, è fondamentale: oltre a quella artificiale, che andrà studiata ad hoc, sarebbe bene che ci fossero ampie finestre, e che lo studio sia orientato in modo tale da poter usufruire del maggior numero di ore diurne che sia possibile.

46

L'arredo base per uno studio grafico, così come per qualunque altro ufficio, sono mobili come scrivanie, seggioline con ruote e schienale ergonomico, e tutti i complementi utili, come cestini per la carta straccia e portapenne. Fondamentale sarà anche la presenza di una libreria o di uno schedario, per conservare i manuali di istruzione dei software che si usano sui computer, i volumi di grafica da cui trarre ispirazione, e in cui archiviare in faldoni i documenti cartacei che vengono prodotti.

Continua la lettura
56

Fondamentale importanza è da dare alla scelta delle attrezzature multimediali. In molti prediligono il Mac della Apple rispetto ai sistemi operativi Windows, ma questo sta alla scelta personale di ognuno. Serviranno ovviamente tanti terminali quanti sono i grafici che lavoreranno nello studio, più uno di riserva, e una connessione internet, oltre che una rete locale, con router e modem necessari a tal fine. In ultimo, sarà sicuramente necessaria una stampante, per produrre copie da mostrare ai clienti. Se ci si affida ad una tipografia esterna per la stampa vera e propria, basterà una qualunque stampante laser o a getto d'inchiostro; in caso contrario, ci si dovrà procurare un'attrezzatura professionale e completa con plotter e stampanti ad alta precisione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come arredare uno studio dentistico

Questa guida è rivolta a tutti quei dentisti che vogliono iniziare un'attività in proprio ed hanno bisogno di qualche consiglio per arredare lo studio. È bene sapere che arredare uno studio dentistico richiede gli stessi accorgimenti necessari per...
Arredamento

5 consigli per arredare un piccolo studio

Quando si abita in un appartamento dalle modeste dimensioni creare uno studio per poter lavorare tranquillamente anche da casa. Può sembrare difficile riuscire ad adattarsi ma bisogna sfruttare al meglio gli spazi ed avere la giusta creatività per renderlo...
Arredamento

Come arredare lo studio

A differenza delle altre aree della casa, lo studio è la parte che maggiormente richiede di essere personalizzata in base alle proprie esigenze, per offrirci uno spazio di lavoro pratico e adatto ad accogliere in modo piacevole tutti i nostri clienti....
Arredamento

Come arredare un angolo studio

Ricavare una zona studio dallo spazio della propria casa è un'ottima idea sia per spronare i propri figli a studiare in maniera tranquilla e senza distrazioni, sia per poter gestire al meglio i conti della casa e organizzare tutti i documenti, nonchè...
Arredamento

Come arredare lo studio in stile industrial

Lo stile indutrial chic si sta diffondendo sempre di più, con le sue caratteristiche finiture rustiche come il mattone a vista e il legno grezzo. A questo si abbina un arredamento in acciaio e altri metalli, con un oggettistica che ricorda sempre più...
Arredamento

Come arredare uno studio creativo in casa

La creatività è una piacevole passione che va coltivata quotidianamente. Per far ciò occorrerebbe avere in casa uno spazio apposito, che sia una stanza piuttosto che un angolo. Infatti avere uno spazio pensato ad hoc, dedicato al nostro estro, ci permetterà...
Arredamento

Come arredare un soggiorno con angolo studio

Al giorno d'oggi, sempre più soluzioni d'arredamento si orientano verso la realizzazione di un angolo studio all'interno del soggiorno. Un'idea davvero originale, ma soprattutto una scelta pratica e funzionale da parte di chi vuole ottimizzare tutti...
Arredamento

Come arredare uno studio minimal

Sobrietà, eleganza, funzionalità. Sono questi gli aggettivi che meglio si adattano allo stile minimalista, che si tratti di architettura, arredamento o stile di vita. Arredare una casa o uno studio con l'arte minimal, non è così semplice come possa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.