Come arredare il giardino con l'arte topiaria

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Arredare il giardino con delle particolari composizioni davvero molto raffinate e nel contempo originale, si può; infatti, nello specifico parliamo della cosiddetta arte topiaria. Si tratta di arredarlo quindi non con i soliti mobili in rattan o in legno, bensì con delle figure erbacee ricavate con arte da esperti maestri del giardinaggio che possono eseguire il lavoro direttamente in loco o vendere i loro manufatti già ben delineati. In riferimento a ciò, vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e come arredare il giardino con l’arte topiaria.

24

Praticare potature ad arte

Per realizzare questi originali manufatti in genere si usano delle piante particolari come ad esempio il Ligustro o il bosso. Si tratta infatti, di specie che consentono grazie alla loro folta chioma, di praticare delle potature ad arte, e senza seguire la struttura della pianta stessa, bensì effettuando tagli irregolari a seconda della figura che si intende creare. Per ottenere un lavoro del genere è dunque necessario affidarsi ad un esperto dell’arte topiaria, che potrà suggerire determinate figure, oppure svilupparle in base ai gusti personali del committente.

34

Scegliere la camelia giapponese

Un altro importante elemento da prendere in considerazione quando si devono scegliere le suddette piante da far modificare, riguarda l’altezza che deve essere almeno di 40 cm per figure leggermente più basse, e che man mano devono risultare più alte se ad esempio si sceglie di farsi realizzare un animale grande come un elefante. Per creare una figura di un animale come lo stesso elefante, oppure un cavallo o ancora una farfalla gigante, un obelisco o una semplice siepe rettangolare e ben rifinita, basta anche scegliere una pianta come ad esempio la camelia del Giappone, oppure utilizzare come base da modellare un leccio, entrambe ideali per ottenere una figura in grado di arredare in modo davvero unico e raffinato un giardino.

Continua la lettura
44

Realizzare siepi e figure

Per quanto riguarda le figure, si possono scegliere praticamente tutte, ovvero sia quelle del regno animale che vegetale. Un esempio tipico può essere un manto verde ben livellato con il prato tagliato ai minimi termini in tipico stile inglese, e come contorno al perimetro, si possono far realizzare dai maestri dell'arte topica, delle siepi quadrate o rettangolari, e al centro sbizzarrirsi invece con figure di animali, ma anche di obelischi, piramidi o cerchi concentrici che ispirano l'artista. Quest'ultimo tuttavia è in grado di eseguirne altre con grande maestria e dietro specifico suggerimento del cliente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come arredare il giardino in stile industriale

In questa guida vi andrò a spiegare come arredare il giardino in stile industriale. Lo stile industriale ricorda un po' il mondo delle industrie per l'appunto. Infatti, esso comprende elementi prettamente industriali. Questi ricordano un po' l'architettura...
Esterni

Come arredare il giardino con le fioriere

Durante le calde giornate estive, chi ha un giardino all'interno della propria abitazione, ha sicuramente una grande fortuna. Avere uno spazio verde e soprattutto all'aria aperta, dove potrete trascorrere del tempo senza soffrire il caldo, è sicuramente...
Esterni

Come arredare un giardino con giochi per bambini

Essendo noi molto attenti alle esigenze dei nostri bambini, abbiamo pensato di proporre proprio un articolo, che vuole fungere da guida, mediante cui poter capire ed imparare come arredare, con gusto e stile, un giardino con dei giochi proprio per bambini.Questo...
Esterni

Come arredare il giardino in stile inglese

Molt spesso per arredare i nostri giardini preferiamo rivolgerci a degli esperti per essere sicuri di ottenere un risultato perfetto, spendendo però in alcuni casi, cifre molto elevate. In alternativa, potremo provare ad arredare da soli i nostri giardini...
Esterni

Come arredare il giardino in modo ecosostenibile

Arredare il giardino in modo ecosostenibile è estremamente semplice e vi consentirà di riutilizzare moltissimi oggetti che, altrimenti, avreste gettato in pattumiera o accatastato inutilmente. L'ecosostenibilità consente di salvaguardare l'ambiente...
Esterni

Come arredare il giardino con il legno

Arredare il giardino non è proprio una cosa semplice da fare: per potere godere appieno di questo spazio all'aperto, oltre ai fiori e alle piante, è importante scegliere dei mobili e complementi d'arredo che vi diano la possibilità di godere in tutta...
Esterni

Come arredare il giardino in stile arabo

Possedete un giardino e siete alla ricerca di qualche idea originale su come arredarlo? Una buona soluzione potrebbe essere quella di organizzarlo seguendo lo stile arabo. Uno stile in cui trame preziose, raffinatezza e buon gusto si sublimano per dare...
Esterni

Come arredare il giardino con il fai da te

Se avete appena acquistato casa, sicuramente penserete prima ad arredarla internamente, lasciando per ultimi gli spazi esterni. Ecco però che il tempo passa e il vostro bel giardino è ancora completamente spoglio: forse è arrivato il momento di arredarlo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.