Come aprire un riccio di mare

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I ricci di mare sono dei particolari organismi marini rinomati per il loro forte e inconfondibile sapore quando vengono cotti. Tuttavia data la loro particolare conformazione, risulta decisamente complicato aprirli. In questa guida vogliamo illustrarvi come aprire un riccio di mare e gustarlo in tutta la sua inimitabile bontà.

25

Occorrente

  • Riccio di mare, coltellino, forbici, forchetta.
35

Utilizzare una forchetta

Ci sono diversi modi per aprire i ricci di mare. Il più semplice è quello di far entrare un dente di una forchetta attraverso il guscio vicino alla bocca del riccio, ed iniziare un movimento rotatorio proprio come fosse un apriscatole. Quando il cerchio è completo, l'intero fondo si stacca in due parti. Alcune persone per aprire un riccio di mare preferiscono utilizzare un vecchio coltello o delle forbici; tuttavia se abbiamo le mani morbide e delicate e non vogliamo rischiare di essere trafitti dalle spine del riccio, potremmo indossare un guanto robusto sulla mano che tiene fermo il riccio.

45

Fare leva con un coltello

Un ulteriore tecnica consiste nel prendere un coltello a seghetto del tipo utilizzato per tagliare il pane ed iniziare ad intaccare la superficie del riccio con un'incisione a croce. Al termine, con una pietra, basterà colpire un punto qualsiasi del riccio e l’involucro si spaccherà. In questo modo, aiutandoci con una forchetta infilata all'interno del guscio, potremo asportare la polpa e riporla in un bicchierino prima di consumarla. A questo punto se amiamo mangiare i ricci di mare al naturale, non ci resterà che gustarli con un cucchiaino prelevando tutta la polpa, magari facendoci sopra una spremuta di limone per stemperare il sapore leggermente dolciastro. Questo è in assoluto il miglior modo per aprire un riccio di mare e godere di tutto il sapore genuino, senza farsi male o correre il rischio di pungersi con le sue naturali spine che in mare servono al riccio per arrampicarsi, camminare e proteggersi dai predatori marini.

Continua la lettura
55

Prelevare la polpa

A questo punto se amiamo mangiare i ricci di mare al naturale, non ci resterà che gustarli con un cucchiaino prelevando tutta la polpa, magari facendoci sopra una spremuta di limone per stemperare il sapore leggermente dolciastro. Questo è in assoluto il miglior modo per aprire un riccio di mare e godere di tutto il sapore genuino, senza farsi male o correre il rischio di pungersi con le sue naturali spine che in mare servono al riccio per arrampicarsi, camminare e proteggersi dai predatori marini. Come visto, vi sono diversi modi che è possibile utilizzare per aprire un riccio marino. Ma non scoraggiatevi alle prime difficoltà: questa operazione infatti, decisamente non semplice, verrà certamente affinata nel tempo. È solo una questione di pratica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare l'attrezzatura da mare

Quando la stagione calda giunge alle ultime battute, già si pensa a come conservare gli accessori e la roba utilizzata al mare. Se per gli oggetti in plastica risulta semplice trovare un angolo della casa dove riporli all'interno di uno scatolone, il...
Economia Domestica

Come ricavare acqua potabile dall'acqua di mare

Quante volte sarà capitato di organizzare un campeggio nei minimi dettagli scordando, all'ultimo istante, una delle cose fondamentali? Una di queste può essere proprio l'acqua potabile, utile per dissetarci. Accorgersi in itinere può risultare problematico...
Economia Domestica

Come aprire un barattolo sottovuoto

Aprire un barattolo sigillato, è sempre stata un'operazione difficile, soprattutto per i meno forzuti e per i più fragili fisicamente. Chi di voi, infatti, non ha mai riscontrato alcuna difficoltà ad aprire un barattolo sottovuoto di sottaceti o di...
Economia Domestica

5 cose da sapere prima di andare in affitto al mare

Andare al mare è ormai diventato un'abitudine per tutti gli italiani. Soprattutto per i giovani che vogliono passare una vacanza con gli amici e senza genitori o parenti. In periodo di crisi è diventata un'abitudine affittare una casa per qualche settimana...
Economia Domestica

Come riscaldare la casa senza il gas

I sistemi di riscaldamento a gas sono più frequenti negli appartamenti, all'interno di palazzi sia nuovi che datati. Ciò in quanto l'installazione di un impianto a gas tramite caldaia, termosifoni, bombolone centralizzato o metanodotti sotterranei comporta...
Economia Domestica

Come conservare il sale

Il sale, chimicamente parlando, è un composto cristallino a base di cloruro di sodio, reperibile in natura e di uso molto comune; tra i suoi utilizzi più diffusi, ricordiamo l’esaltazione dei sapori delle pietanze e la conservazione degli alimenti...
Economia Domestica

Come risparmiare sul parrucchiere

Si sa che la doma ama recarsi dal parrucchiere ogni volta che ne ha il tempo. Purtroppo, però, negli ultimi anni a causa della grave crisi economica, questo hobby è diventato sempre più un lusso che non tutti possono permettersi. Questa fastidiosa...
Economia Domestica

10 errori da non fare quando si fa la doccia

Fare la doccia, è un momento di relax, di benessere e di estremo piacere. Non sempre però, quando si fa la doccia, si eseguono passi corretti e spesso infatti si commettono errori anche rischiosi che possono mostrarsi pericolosi se non si sta ben attenti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.