Come applicare lo stucco veneziano sui mattoni

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La chiave per l'uso dello stucco veneziano sta principalmente nell'applicare degli strati sottili, creando così l'impressione di profondità e lucentezza simile a quella del marmo. Questa tecnica richiede non solo una speciale applicazione dell'intonaco, ma anche degli strumenti appropriati. Se poi la superficie è composta da mattoni, è necessario eseguire anche una preparazione preliminare. Vediamo allora come applicare lo stucco veneziano sui mattoni.

26

Occorrente

  • Stucco veneziano
  • Malta
  • Spugna
  • Raschietto giapponese
  • Levigatrice
  • Pennello a setole morbide
36

Applicazione della malta

Per applicare con successo lo stucco veneziano su una superficie di mattoni, occorre prima riempire con la malta tutte le giunzioni tra i mattoni stessi ed eventuali crepe. Mescolare la malta con l'acqua ed applicare la miscela alla superficie di mattoni, facendo in modo che questa risulti liscia ed uniforme; poi lasciare asciugare ed esaminare la superficie per rilevare la presenza di eventuali bolle, detriti ed irregolarità. Qualora fosse necessario, applicare un nuovo strato di malta e levigare con la levigatrice. Se ci sono creste o punti elevati, appianarli fino a quando la superficie appare liscia ed omogenea. Rimuovere tutte le polveri e detriti con un pennello morbido o con una spugna umida.

46

Applicazione dello stucco

Utilizzare un raschietto giapponese per applicare lo stucco veneziano. Questo strumento aiuterà ad evitare la formazione di creste e punti elevati durante l'applicazione. Iniziare ad applicare lo stucco in uno degli angoli superiori della parete, stendendone soltanto una piccola quantità in strati sottili, in maniera tale che possa asciugarsi più rapidamente. Lo stucco veneziano deve essere applicato prima in una direzione, poi nella direzione inversa, accarezzando l'intonaco col raschietto fino ad ottenere una superficie perfettamente liscia. Quindi procedere all'applicazione della zona successiva, assicurandosi di non lasciare linee o strati spessi. Lavorare rapidamente su ogni zona in quanto lo stucco si asciugherà molto rapidamente.

Continua la lettura
56

Levigatura dello stucco

Una volta aver applicato il primo strato di stucco sulla superficie di mattoni, lasciarlo asciugare dopodiché utilizzare la levigatrice per levigare eventuali spigoli o parti non uniformi. La superficie deve essere liscia dopo ogni applicazione di stucco e levigatura. In definitiva, dovrebbe essere lucida quasi come una superficie di marmo. Infine, applicare una seconda mano sempre sottile e liscia come la prima e, quando sarà asciutta, levigare nuovamente per un risultato perfetto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare lo stucco veneziano

lo stucco veneziano ovvero una miscellanea di vernici nella tonalità pastello, è il fiore all'occhiello della tradizione artistica e pittorica della città lagunare. Un parete rifinita con dello stucco antico, può essere costantemente restaurata,...
Ristrutturazione

Come rimuovere lo stucco veneziano cerato

Se avete appena preso casa e notate che le pareti trattate con dello stucco veneziano cerato sono malridotte, prima di provvedere ad una nuova tinteggiatura o usare della carta da parati, è importante rimuovere la suddetta sostanza, poiché non è in...
Ristrutturazione

Come realizzare uno stucco veneziano

A causa della crisi spesso ci si deve privare di tantissime cose ma grazie ai materiali fai-da-te sempre meno costosi e ad Internet che contiene milioni di guide su ogni cosa, in molti si cimentano a costruire da sé oggetti che è impossibile creare,...
Ristrutturazione

Come applicare lo stucco al soffitto

Se avete deciso di imbiancare la vostra casa e avete notato la presenza di macchie, crepe o fori su pareti e soffitto, la prima cosa che dovete fare è quello di eliminarli in modo che una volta imbiancata la stanza risulti senza imperfezioni. In questa...
Ristrutturazione

Come decorare le pareti con stucco colorato

Per vivacizzare le stanze e donare loro un nuovo aspetto che regali comfort e serenità, si può pensare di decorare le pareti con dello stucco colorato. In questo progetto decorativo la calda sfumatura color terracotta dell'intonaco fresco è permeata...
Ristrutturazione

Come si utilizza lo stucco francese

Nella guida che segue vi sarà spiegato come si utilizza lo stucco francese, una tipologia davvero originale. Questa pasta è molto semplice da applicare perché non c'è bisogno di miscelare alcun ingrediente ed è di facile stesura. Potete acquistarla...
Ristrutturazione

Come Tinteggiare I Mattoni Del Camino

Tutti noi amiamo stare seduti davanti al camino in inverno, con il fuoco acceso e magari una tazza di cioccolata calda da sorseggiare mentre ci rilassiamo, Tuttavia, anche il camino richiede manutenzione, e chi ne possiede uno lo sa perfettamente. Molto...
Ristrutturazione

Come pulire e verniciare lo stucco

Lo stucco è un materiale tradizionalmente impiegato in campo edilizio, sia all'interno che all'esterno degli edifici. È noto soprattutto per la sua durata, per la versatilità, perché è economico e facile da applicare. Tuttavia, per garantirne una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.