Come antichizzare gli armadietti bianchi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come vedremo nel corso di questo tutorial, se avete un certo grado di dimestichezza manuale con il decoupage, realizzare lavori di ristrutturazione è semplice ed economico, basta un po' di pazienza ed impegno per creare dei lavori eleganti e chic utilizzando la tecnica del fai da te. Se dunque siete interessati a scoprire come sia possibile antichizzare gli armadietti bianchi con pochi e semplici passi, seguite con attenzione i suggerimenti di seguito, vi fornirò una serie di dritte utili.

26

Prepara l'armadietto

Tenete conto innanzitutto, che prima di antichizzare l'armadietto è necessario prepararlo adeguatamente, provvedendo a rimuovere le ante e le altre parti del mobile. Successivamente vi consiglio di raschiare il mobile con una buona carta vetrata, rimuovendo adeguatamente lo smalto superficiale. Al termine pulite il mobile con uno straccio umido, in modo da rimuovere tutta la polvere.

36

Scegli la tecnica

Per antichizzare gli armadietti concretamente, possono essere usate diverse tecniche manuali, ad esempio il distressing (una tecnica che consente di invecchiare il legno creando segni di usura sul mobile), o la smaltatura (che consiste nell'applicazione di una vernice diluita, chiamata smalto). Scegliete la tecnica in base ai vostri gusti personali e alle vostre esigenze personali, anche se vi consiglio di ricorrere alla smaltatura, la tecnica più semplice e veloce.

Continua la lettura
46

Prepara lo smalto

Per antichizzare l'armadietto con la tecnica della smaltatura è necessario preparare una miscela derivante dalla combinazione di alcuni colori (il marrone e il color ambra miscelati con l'acqua ad esempio). Per realizzare la miscela è sufficiente preparare 1 parte di acqua e 3 parti di colore, aggiungendo l'acqua in base al colore che si desidera ottenere (in alternativa potete comprare delle miscele già pronte, presso un negozio di ferramenta).

56

Stendi lo smalto

Per stendere lo smalto sull'armadietto è necessario utilizzare una spugna da tinteggio o un pennello piccolo (per togliere la vernice in eccesso può essere utilizzato uno straccio umido). Per ottenere un effetto migliore vi consiglio di stendere la vernice all'interno delle fessure del mobile, aiutandovi con un pennello piccolo. Ripetete la smaltatura nuovamente, fino a raggiungere il risultato sperato, cercando di stendere la miscela sulle crepe e sugli angoli.

66

Stendi la vernice antichizzante

Durante questa fase del lavoro è necessario stendere la vernice antichizzante sul mobiletto, successivamente fate asciugare per circa 3/4 ore e noterete i primi risultati (con il passare delle ore la vernice tende ad asciugarsi erodendo il colore sottostante, creando un elegante effetto invecchiato).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come antichizzare la parete

Antichizzare una parete rappresenta il modo migliore per valorizzarla in modo esclusivo: se disponete di un'abitazione dall'arredamento classico ed antico, rendere antiche anche le pareti è una soluzione di certo da tenere sempre in considerazione. In...
Ristrutturazione

Come ristrutturare il bagno

Il bagno può diventare una stanza nella quale poter esprimere i propri gusti personali, proprio come nel resto della casa, abbandonando il ruolo di semplice luogo in cui svolgere le proprie funzioni fisiologiche e diventando un'oasi di intimità, in...
Ristrutturazione

Come dividere la mansarda in zone funzionali

Le case che hanno al loro interno una mansarda, al giorno d'oggi, sono davvero tante, ma la maggior parte di esse, non riescono a utilizzarla nel miglior modo possibile. L'obiettivo che si pone questa guida, sarà darvi alcuni spunti su come dividere...
Ristrutturazione

Come creare la zona bucato in casa

Avete una casa piccola e non sapete dove posizionare tutto l'occorrente per poter fare facilmente il vostro bucato? Volete che la zona bucato sia funzionale e discreta, ma allo stesso tempo che occupi poco spazio? Ecco a voi qualche idea e suggerimento...
Ristrutturazione

Come Migliorare Le Condizioni Di Un Vecchio Fregio In Stile Luigi Filippo

Qualsiasi oggetto antico è sempre prezioso. Anche se le sue condizioni non sono tra le migliori, tutto questo non va ad inficiare il suo valore. Infatti il valore di un vecchio oggetto, antico oppure vintage, può essere anche abbastanza elevato. Possiamo...
Ristrutturazione

Come recuperare porte molto rovinate

Se abbiamo delle porte in legno molto compromesse non bisogna scoraggiarsi. Spesso esse possono essere recuperate e si può realizzare qualcosa di molto interessante ed originale. A volte il primo pensiero è quello di rinunciare a questa idea e comprare...
Ristrutturazione

Come applicare il gessolino su mobili e serramenti

Le bacchette o i bordini di gessolino da applicare alle pareti sono elementi discreti che spesso non si notano nemmeno, ma svolgono un ruolo importante: quello di rompere la monotonia di una parete (o di un soffitto) per poter procedere a tinteggiature...
Ristrutturazione

Come rimodellare il bagno per un anziano

Talvolta può essere necessario ristrutturare il bagno al fine di ospitare persone anziane, magari prevedendo lo spazio per un facile accesso e per la manovrabilità di un'eventuale sedia a rotelle. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo proprio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.