Come affrontare un corto circuito in casa

Tramite: O2O 16/08/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Alla maggior parte di noi, prima o poi, può capitare di imbattersi nei disagi causati da un corto circuito nella propria abitazione. Un evento che certamente si può evitare dotando la propria abitazione di tutti quei sistemi di sicurezza che, da soli, bastano per evitare il problema. Lo Stato Italiano, non a caso, ha regolamentato in più occasioni la normativa riguardante l'installazione degli impianti elettrici ai fini di scongiurare danni alle strutture o lesioni alle persone, in primo luogo con la direttiva 46/90 e poi con il decreto 37/08: oggi, fortunatamente, quasi tutte le abitazioni sul territorio italiano risultano omologate secondo i criteri stabiliti dalla legge. Qualora anche il rispetto delle norme di sicurezza non fosse sufficiente a scongiurare il verificarsi di un improvviso corto circuito, occorrerà intervenire con tempestività per risolvere il problema. In questa guida vedremo come affrontare un corto circuito in casa e come risolverlo con successo e tempestività.

27

Occorrente

  • Guanti di protezione
  • Estintore
37

Capire la causa del cortocircuito

Non sarà necessario essere degli elettricisti, ma per affrontare un corto circuito in casa occorre innanzitutto avere bene in mente di che cosa si sta parlando. Un corto circuito si verifica in un impianto elettrico quando la corrente elettrica veicolata all'interno di un circuito si trasferisce da un punto ad un altro senza incontrare alcuna resistenza. Questo fenomeno si può verificare nella più "banale" applicazione dell'energia in ambito domestico, come l'accensione di una lampadina. Priva di qualsiasi resistenza, la corrente può quindi raggiungere valori elevati, surriscaldando l'intero impianto ed esponendoci a molteplici rischi: scosse, pericolosi sovraccarichi, incendi di origine elettrica, malfunzionamenti di apparecchiature elettriche. In primo luogo, dunque, va conosciuta la causa che determina il cortocircuito, perché sarà proprio dall'analisi della causa che occorrerà partire per approntare un intervento davvero risolutivo.

47

Verificare lo stato dell'interruttore salvavita

Il corto circuito si verifica soprattutto in impianti elettrici ormai obsoleti a causa di cavi che hanno perso il loro isolamento con il tempo, per un malfunzionamento di prese fisse, fili, o elettrodomestici. Nei vecchi impianti il rischio più frequente era la formazione di incendi prodotti, perché i cavi con scarso isolamento venivano a contatto con il calore per effetto juole. Il tutto era influenzato dal fatto che per contrstare la formazione di corti circuiti, nei vecchi impianti, venivano usati i fusibili, rimedio non sufficiente per proteggere il sistema. Oggi questi fusibili non vengono più utilizzati. Per ridurre il pericolo, la legge ha imposto da tempo la presenza di un interruttore salvavita ad uso domestico, obbligando inoltre le imprese costruttrici a soggiacere a determinati requisiti di sicurezza nella costruzione delle nuove abitazioni. Sarebbe buona norma quella di verificare periodicamente lo stato di funzionamento del salvavita, onde evitare problemi in futuro. Se non vi sentite sufficientemente ferrati in materia, è sconsigliabile agire da soli. La raccomandazione, in questi casi, è quella di rivolgersi ad un personale esperto. Ma se avete qualche buona conoscenza in materia, potreste anche pensare di cavarvela da soli, sempre mantenendo come basilari le più elementari norme di sicurezza. Per il resto, ecco come è possibile intervenire per risolvere un corto circuito nella propria abitazione.

Continua la lettura
57

Agire sul salvavita

Il salvavita è dunque quel piccolo dispositivo in grado di proteggerci da un corto circuito: interrompe il flusso elettrico dell'impianto, genera un black out e ci pone al riparo da seri rischi. Comunemente chiamato così, è un interruttore che permette di interrompere l'energia nel caso si verifichi un sovraccarico. Una volta che il salvavita sarà entrato in funzione, ci ritroveremo con una casa priva di elettricità per intero o solo su determinate stanze (dipende dal numero di impianti elettrici autonomi e dai salvavita associati a questi).

67

Individuare l'elettrodomestico che ha provocato il danno

La cosa più importante è non farsi prendere dal panico. A questo punto, cercheremo innanzitutto di individuare le possibili cause del corto circuito, ponendoci le domande più banali: quali e quanti elettrodomestici erano accesi? Le lampade funzionano? Se il salvavita è scattato per un motivo apparentemente inesistente e scatta ancora nel momento in cui proviamo a riattivarlo significa a che un qualche elettrodomestico ha provocato il corto, in questo caso basterà individuare l'elettrodomestico e staccarlo dalla corrente. Se invece avvertiamo un acre odore di bruciato, dobbiamo avvicinarci alle prese di corrente e verificare che l'odore non provenga da quelle. Se così fosse dovremo staccare immediatamente la corrente e rivolgerci ad un elettricista. Se notiamo fumo o addirittura fiamme, procediamo a spegnere con l'estintore ricordandoci di non utilizzare nella maniera più assoluta l'acqua per evitare di rimanere fulminati. Durante l'operazione di scollegamento, la sicurezza sarà la nostra priorità: bisognerà impiegare tutti i dispositivi di sicurezza e assicurarsi di avere le mani asciutte poiché un residuo di tensione potrebbe essere comunque presente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come riparare un'aspirapolvere

La guida che svilupperemo nei tre passi che andremo a stilare, si occuperà di riparazioni fai da te. Nello specifico, ci occuperemo di spiegare a voi lettori la procedura per riuscire a riparare un aspirapolvere. Cominciamo immediatamente a comprendere...
Economia Domestica

Come riciclare i vecchi bicchieri di vetro

Chissà perché se guardiamo nello scolapiatti e dentro gli stipetti della cucina ci ritroviamo quattro o cinque serie di bicchieri spaiati? Uno lungo, uno corto, uno bianco ed uno ancora verde. I bicchieri si rompono facilmente e i servizi da dodici...
Economia Domestica

Riscaldare casa: come regolare il termostato per risparmiare

Al giorno d'oggi cercare di risparmiare in casa è diventata un'azione fondamentale. I costi della vita infatti sono aumentati sensibilmente ed è sempre più difficile riuscire a mettere qualche soldo da parte. Pertanto è necessario avviare tutta una...
Economia Domestica

Come tenere la contabilità di casa

Nella vita di tutti i giorni si hanno sempre mille impegni e riuscire a gestire tutto, alle volte, diventa davvero complesso. Nel tempo le entrate domestiche possono subire delle variazioni. Ciò avviene per molteplici motivi, che vanno dalla perdita...
Economia Domestica

Come usare il condizionatore di notte

Chi vive in zone con un clima particolarmente caldo e umido, le notti estive possono essere davvero un incubo. Il caldo e l'umidità, infatti, possono farci girare e rigirare nel letto per ore, facendoci alzare già stanchi la mattina seguente. Per questo...
Economia Domestica

Come scegliere una bistecchiera elettrica

Se per la vostra casa avete bisogno di una bistecchiera elettrica è importante sapere che sul mercato sono disponibili di svariate forme e dimensioni, oltre che con molteplici funzionalità. Per l'acquisto avete tra l'altro diverse opportunità di scelta,...
Economia Domestica

Come misurare una dispersione di corrente

Negli impianti elettrici domestici i conduttori di corrente che portano la rete-luce alle varie prese, interruttori e punti-luce della casa sono essenzialmente 2. Uno di questi è chiamato "fase" e l'altro "neutro". La tensione ai capi di questi 2 conduttori...
Economia Domestica

Gli svantaggi del piano cottura ad induzione

Ormai sempre più diffuso nelle cucine di nuova generazione, il piano cottura ad induzione rappresenta l'evoluzione moderna dei vecchi fornelli a gas, fedeli alleati in cucina delle nostre nonne e mamme. Risulta molto gradito soprattutto ad un pubblico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.