Come accendere il caminetto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Con l'arrivo della stagione fredda, si cominciano ad utilizzare indumenti più pesanti e in casa si iniziano ad accendere i riscaldamenti. Se nella propria abitazione è presente un caminetto, è necessario recuperare la legna necessaria al suo funzionamento. Questo infatti, oltre a donare tepore all'abitazione, crea un'atmosfera calda e accogliente. Saperlo accendere è molto importante per evitare di impiegarci troppo tempo, molta carta e parecchia legna a tale scopo. La maggior parte dei prodotti utilizzati per realizzare tale operazione è sicuramente facilmente reperibile. Se abitate in montagna, infatti, sarà più semplice procurarvi la legna. Se siete interessati a tale argomento, nella guida che segue vi sarà spiegato come poter accendere il caminetto.

26

Occorrente

  • Legna
  • Carta
  • Accendino o fiammiferi
36

Accartocciate il foglio di carta

Come prima cosa accertatevi di avere a portata di mano dei fogli di carta, un accendino o dei fiammiferi e della legna. Una volta che il materiale sarà vicino, prendete il foglio di carta e accartocciatelo ponendolo al centro del camino. A questo punto procuratevi dei rametti secchi e dei piccoli pezzi di legna. Adagiate quest'ultimi sulla carta. Realizzate una sorta di piramide, al cui centro dovrete inserire i fogli di giornale. Sui pezzetti di legna più piccoli appoggiate quelli un po' più grandi senza metterne troppi. Questo è necessario per far partire bene l'accensione del caminetto.

46

Avvicinata la carta alla legna

Prendete quindi un altro foglio di carta e utilizzatelo come una sorta di miccia. Accendete un'estremità con l'ausilio di un accendino o dei fiammiferi e avvicinatela alla carta disposta sotto la legna. In questo modo la carta comincerà a prendere fuoco trasmettendo calore alla legna. Pian piano noterete sicuramente il divampare della fiamma anche sui pezzi di legna più grandi. A questo punto l'ideale sarebbe chiudere gli sportelli oppure mettere un parascintille di fronte al camino. Quando ormai il fuoco sarà stabile, potete aggiungere altri pezzi di legna.

Continua la lettura
56

Inserite dei tronchi più grandi e massicci

Successivamente ricaricate con costanza il fuoco per evitare che esso si spenga e che si debba riaccenderlo nuovamente. Nel caso in cui nel frattempo si sia generata molta brace, inserite dei tronchi più grandi e massicci. Se dovesse capitare che il fuoco perde calore, inserite nuovamente dei piccoli pezzi di legno per fargli riacquistare vigore. Seguendo questi semplici passi avrete sicuramente il piacere di godere di un fuoco scoppiettante per tutto il tempo in cui il caminetto resterà acceso. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se dovesse capitare che il fuoco perde calore, inserite nuovamente dei piccoli pezzi di legno per fargli riacquistare vigore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come costruire un caminetto per esterni

Con un po' di pazienza e con una somma economica poco elevata, è possibile realizzare autonomamente un camino per esterni, creando così nel proprio spazio un oggetto davvero bello e funzionale, capace di conferire al giardino un aspetto ancora più...
Pulizia della Casa

Come pulire velocemente i vetri del caminetto

Il camino, oltre a rendere l’ambiente domestico più caldo e accogliente durante i mesi invernali, rappresenta un importante oggetto d’arredamento. In commercio ne esistono numerose tipologie: possono essere alimentati a legna o a pellet e podsono...
Economia Domestica

Come sistemare la legna nel garage

Con l'arrivo dell'inverno comincia il desiderio di accendere il proprio caminetto, a causa delle basse temperature che cominciano a farsi sentire. Chi ha la fortuna di avere un bel camino in casa, deve però provvedere a conservare bene tutta la legna...
Pulizia della Casa

Come pulire la ghisa del caminetto

Se abbiamo un caminetto in ghisa ed intendiamo pulire questa parte in modo accurato senza asportare la sua caratteristica patina rustica, possiamo usare alcuni prodotti naturali da preferire a quelli chimici poiché non nocivi. Inoltre sono necessari...
Esterni

Come proteggere la legna da ardere dall'umidità

Sicuramente, a causa della grandissima crisi economica che al giorno d'oggi colpisce il nostro paese e soprattutto il portafoglio di ciascuno di noi, chi può affermare di non aver pensato a qualche sistema per poter risparmiare un po' di soldi? Fortunatamente...
Economia Domestica

Guida alla manutenzione del camino

Un caminetto è un fantastico elemento di arredo nonché uno strumento per generare calore. Ma per funzionare al meglio necessita di una manutenzione costante che prevede l' asportazione della cenere dal focolaio e la pulizia del vetro, nonché la pulizia...
Pulizia della Casa

Come pulire il termocamino

il termocamino, a differenza del camino tradizionale, è un sistema che alimenta il riscaldamento domestico (termosifoni, stufe, etc.) utilizzando solo ed esclusivamente il calore prodotto dalla combustione della legna all'interno del camino stesso. Si...
Pulizia della Casa

Come utilizzare la cenere della stufa o del camino

Se in casa abbiamo un caminetto o una stufa a legna, dobbiamo sapere che possiamo sfruttare il prodotto della combustione del legno o della carta come materiale di riciclo. Quindi, se abbiamo intenzione di riciclare la cenere che il nostro caminetto o...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.