5 tipologie di stufa ecologica

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Viviamo in un periodo in cui l'inquinamento ha raggiunto tassi elevatissimi, ed è quindi necessario ricercare, soprattutto nell'ambito del riscaldamento, delle alternative alle nocività prodotte nel corso dei secoli. Cercheremo quindi di descrivere 5 tipologie di stufa ecologica, per dimostrare che al giorno d'oggi è possibile, ed anche semplice, scaldarsi senza inquinare.

27

Stufa a legna

La stufa a legna veniva impiegata già molto tempo fa, in quanto permetteva, e permette tutt'ora, di riscaldare ambienti e, contemporaneamente, di cucinare. È infatti dotata di un piano, normalmente di ghisa, sul quale è possibile preparare cibi e anche di un forno. Questa tipologia di stufa è alimentata a legna: garantisce quindi un tasso basso di inquinamento, anche se richiede spazio a sufficienza per l'accumulo della legna stessa.

37

Stufa a pellet

Il pellet viene ricavato dalla segatura essiccata e rappresenta lo scarto derivante dal legno, rispetto al quale presenta però notevoli vantaggi. Risulta infatti essere meno ingombrante e più facilmente trasportabile. Altre note positive riguardano invece l'inquinamento: nonostante renda addirittura quasi il doppio della generica legna, esso produce un quantitativo di ceneri relativamente basso. Inoltre, la produzione di pellet non è strettamente legata all'abbattimento di alberi in quanto esso può essere prodotto dall'utilizzo di tutti gli scarti derivanti dalle lavorazioni di falegnameria, e rappresenta quindi il risultato di un vero e proprio riciclo.

Continua la lettura
47

Stufa a mais

La stufa a mais prevede l'utilizzo dei chicchi di mais sgranati come combustibile. Questi risultano facilmente trasportabili e non richiedono lavorazioni particolari. Ciò che suscita forti interrogativi è però l'utilizzo del mais in questa modalità, in quanto esso potrebbe risultare una fonte vitale di sostentamento nei paesi del Terzo mondo.

57

Stufa a bioetanolo

Le stufe a bioetanolo stanno pian piano entrando nelle case di un numero crescente di italiani. Sfruttando questo "carburante ecologico", queste non producono fumo ma soltanto una bassa quantità di anidride carbonica e di umidità, e provvedono in maniera ottimale al riscaldamento di ambienti. Stufe di questo tipo non prevedono nessuna canna fumaria e sono caratterizzate da un'accensione semplice e rapida.

67

Stufa senza canna fumaria

Come ultima tipologia affronteremo quella della stufa senza canna fumaria, che prevede la dispersione del calore negli ambienti circostanti. Il calore viene infatti fatto confluire o in tubi che percorrono l'intera abitazione (un utilizzo molto appropriato è quello del pavimento riscaldato), oppure in apposite strutture volte alla conservazione del calore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come risparmiare con una stufa a petrolio

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una crescita esponenziale la preferenza per i sistemi di riscaldamento con una stufa a petrolio rispetto a quello tradizionale. Il riscaldamento con stufa a petrolio ha delle limitazioni che influiscono molto sulla...
Economia Domestica

Come installare una stufa senza canna fumaria

In commercio esistono diverse tipologie di stufe, alcune delle quali si installano senza la canna fumaria. In alcuni edifici la canna fumaria non esiste nemmeno, e non sempre è possibile realizzarne una. Le stufe senza la canna fumaria riescono a ricreare...
Economia Domestica

Come regolare una stufa a pellet

Oggi le stufe a pellet sono un "sistema" di riscaldamento alternativo molto diffuso all'interno delle abitazioni. La stufa a pellet infatti, più pulita e più pratica della tradizionale stufa a legna, sotto certi aspetti si rivela anche decisamente più...
Economia Domestica

Come detrarre l'acquisto di una stufa pellet dalla dichiarazione dei redditi

La stufa a pellets è un ottimo sistema di riscaldamento eco-sostenibile. Chi sceglie di acquistare una stufa o un camino a pellet, può fruire della detrazione dall’Irpef dal 50% al 65%. Grazie alle normative che permettono la detrazione fiscale sui...
Economia Domestica

Come installare una stufa a mais

La stufa a mais riscontra successi e polemiche negli ultimi anni; essa è spesso criticata per l’utilizzo di una fonte alimentare come combustibile. La stufa a mais è la risposta al consumo ecosostenibile: ottima resa termica, bassi livelli di umidità,...
Economia Domestica

Come scegliere una stufa in ghisa

Riscaldarsi in inverno è molto importante, e ultimamente il miglior modo per farlo nel nostro paese è utilizzando una comodissima quanto efficiente stufa. Il costo dei materiali e l'utilizzo che se ne fa la rendono davvero conveniente. Soprattutto per...
Economia Domestica

Come organizzare un'area ecologica di condominio

Se abitiamo in un condominio abbastanza grande come ad esempio un parco oppure ne svolgiamo la mansione di amministratore, possiamo proporre ad inquilini e proprietari di organizzare un'area ecologica atta a consentire ai bambini di giocare, agli anziani...
Economia Domestica

Come scegliere una stufa alogena

Il periodo invernale non è sempre facile da affrontare e presenta varie difficoltà. Il freddo può rendere problematiche molte operazioni quotidiane, e combatterlo solo con indumenti pesanti non è sempre sufficiente. Se non si possiede un impianto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.