5 rimedi naturali per cucinare senza odori

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Cucinare può essere a volte uno dei lavori domestici più complicato e stancante e lo diventa ancora di più se quando si rientra stanchi dal lavoro si deve cominciare a preparare il pranzo o la cena. Tutto questo è contornato dal dopo-pranzo in cui la cucina è impregnata di odori che rendono l'aria della casa poco cristallina. Esistono però circa 5 rimedi naturali per cucinare senza odori, grazie ai quali senza spendere grandi cifre in profumatori per ambiente e senza inoltre inquinare l'aria potrete mantenere la vostra casa pulita e fresca anche dopo aver preparato fritture o alimenti che rilasciano forti odori.

27

Aceto e pane

Per evitare che la vostra cucina puzzi per esempio potreste far bollire, mentre preparate i pasti, dell'acqua insieme a dell'aceto bianco, infatti l'aceto assorbe l'odore e pulisce l'ambiente. Anche del pane inzuppato in dell'acqua bollita ha degli effetti analoghi, il pane, anche se può sembrare strano, assorbe le fragranze sgradevoli, soprattutto quelle delle verdure.

37

Bicarbonato e limone

Potrete oppure far bollire l'acqua con del limone che possiede caratteristiche simili a quelle dell'aceto, infatti assorbe le puzze di cucinato. Anche il bicarbonato è uno degli elementi principali per mantenere profumata la vostra cucina, basta aggiungerne un cucchiaio nell'acqua di cottura. Sia il bicarbonato che il limone potrete utilizzarli in più per sgrassare i fornelli, inzuppando di acqua calda una spugna e versandoci sopra del bicarbonato o qualche goccia di limone potrete strofinare con facilità la vostra cucina ottenendo dei fornelli brillanti e privi di grasso così da non rilasciare cattivi odori.

Continua la lettura
47

Mela e sedano

Evitare di friggere per paura dei cattivi odori di fritto non è il massimo. La puzza di fritto però si può "fregare"! Potrete per esempio immergere una fetta di mela o del sedano nell'olio di frittura quando è ancora freddo, sia la mela che il sedano infatti neutralizzano gli odori.

57

Prezzemolo e chiodi di garofano

Una spezia che catalizza il fumo dell'olio fritto è il prezzemolo: basta metterne qualche ciuffo e l'impatto del fumo diminuirà notevolmente. Inoltre si può far bollire accanto alla padella una pentolina d'acqua con dei chiodi di garofano che sconfiggono l'odore della frittura.

67

Patate e latte

Le verdure sono ricche di fibre e sali e minerali che fanno bene alla salute, cucinandoli però, spesso, la nostra cucina si impregna di cattivi odori. Per evitare che ciò avvenga si può aggiungere nell'acqua di cottura una patata e delle foglie di alloro, oppure un bicchiere di latte che oltre ad eliminare i cattivi odori evita che alcune verdure, come il cavolfiore, anneriscano.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come eliminare i cattivi odori dalla scarpiera

Se volete mettere in ordine le vostre scarpe ma non volete che la vostra scarpiera sia un puzzolente rifugio di batteri avete trovato la guida che fa per voi. Infatti vi insegnerò come eliminare i cattivi odori dalla scarpiera e come prevenirli per tenere...
Economia Domestica

5 rimedi contro gli acari

Gli acari della polvere possono essere causa di allergia. Provocano rinite, lacrimazione e fastidiosi pruriti. Nei casi più gravi, possono dare origine anche a tosse secca, congiuntiviti e forme asmatiche. Mediante una serie di accortezze è comunque...
Economia Domestica

Come cucinare una sola volta alla settimana

Se siete stanchi di cucinare ogni giorno e di scervellarvi su cosa preparare, che spesa fare, che ricetta inventare ecc., esistono dei semplici trucchetti che vi permetteranno di cucinare una sola volta alla settimana, per avere molto più tempo libero...
Economia Domestica

Come cucinare correttamente con il forno a microonde

Quando si cucina al micro-onde, la cottura dei cibi avviene sopra una fonte di calore aperta che non genera fumo, che conferisce un sapore particolare al prodotto. Il forno a microonde, rispetto ad un forno tradizionale, offre una veloce e sana alternativa...
Economia Domestica

Come cucinare su una griglia a infrarossi

La cottura ad infrarossi è diventata una delle caratteristiche più popolari delle cucine moderne. Cucinare ad infrarossi, inoltre, è divertente, ma ci vuole un po' di sperimentazione prima di cimentarsi. Siccome alcune zone di cottura possono variare...
Economia Domestica

Come cucinare col wok

Il wok è un tegame molto usato nei paesi asiatici con una forma arrotondata ed i lati lunghi inclinati, la cui superficie può essere riscaldata a temperature molto elevate e utilizzando poco gas. Il wok è comunemente associato alla tecnica di frittura,...
Economia Domestica

Come cucinare con il forno a microonde

Insieme a fornelli, grill, forni elettrici o a gas, considerati tradizionali sistemi di cottura, troviamo anche il forno a microonde. Esso è uno strumento per scongelare e riscaldare rapidamente pietanze già cotte. Non si rivela adatto, tuttavia, alla...
Economia Domestica

Come cucinare una torta al microonde in pochi minuti

Oggi la tecnologia ci regala degli elettrodomestici in grado di fare praticamente di tutto, e quindi di facilitarci di molto il lavoro manuale. Se infatti abbiamo appena acquistato un forno a microonde multifunzionale, lo possiamo sfruttare per cucinare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.