5 modi per sterilizzare il biberon

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nei suoi primissimi mesi di vita, il bambino è molto sensibile agli attacchi di microrganismi. Germi e batteri sono una minaccia costante e possono provocare disturbi e malanni di vario genere. Il bambino resterà molto vulnerabile finché non avrà compiuto un anno. Possiamo cercare di tenere il più possibile pulito tutto quello che lo circonda, ma il contatto con i germi è inevitabile. Per questo motivo è meglio farsene una ragione e non trasformare questa preoccupazione in una mania. Il biberon, ad esempio, andrebbe sterilizzato una volta a settimana. Dovremo però sterilizzare il biberon ogni giorno in caso il bambino sia malato e ricordarci di farlo sempre prima di usare un biberon nuovo. Vediamo insieme 5 modi per sterilizzare il biberon.

26

Utilizzate uno sterilizzatore elettrico

Se siete in possesso di uno sterilizzatore elettrico, non dovrete far altro che attenervi alle istruzioni. Smontate il biberon e sistemate i pezzi nello sterilizzatore. Una volta disinfettati, teneteli da parte in modo che restino sterili il più possibile. Vi suggeriamo di lasciarli dentro allo sterilizzatore. Alcuni sterilizzatori in commercio hanno una funzione che vi permetterà un'asciugatura pìu veloce.

36

Sterilizzate il biberon con il forno a microonde

Per sterilizzare il biberon è sufficiente anche un forno a microonde. Potete procedere in due modi: inserite il biberon in un contenitore apposito pieno d'acqua e lasciatelo dentro al forno acceso per un minuto e mezzo. Il vapore che si genererà sterilizzerà il biberon. Il secondo metodo consiste nel riempire il biberon stesso d'acqua. In una scodella a parte, immergete la tettarella e le altre parti piccole. L'acqua dentro al microonde arriva a bollore e disinfetterà ogni componente del biberon. Anche in questo caso il microonde va settato a un minuto e mezzo.

Continua la lettura
46

Sterilizzate il biberon mediante bollitura

Se non avete un microonde potrete procedere alla più tradizionale bollitura. Adibite un pentola o una padella esclusivamente a questa funzione. Immergete bene tutti i pezzi del biberon nell'acqua e fate attenzione a non lasciare delle bolle d'aria. Coprite la pentola con un coperchio. Una volta raggiunto il bollore, lasciate sul fuoco per 5 minuti. L'inconveniente, rispetto al microonde, è che sarà necessario un po' di tempo in più. Attenzione a non scottarvi estraendo i componenti del biberon e fateli asciugare sottosopra.

56

Utilizzate una soluzione sterilizzante

Sterilizzare il biberon è possibile anche senza usare l'acqua bollente. Smontate il biberon e immergete tutto in una scodella con acqua fredda. Aggiungete un'apposita soluzione sterilizzante e attenetevi scrupolosamente alle quantità e alla tempistica. Essendo una sterilizzazione di tipo chimico, meglio fare attenzione ed essere precisi.

66

Sterilizzate il biberon con luce ultravioletta

Infine è possibile sterilizzare il biberon anche con una luce a raggi ultravioletti. Questo metodo è usato già per la purificazione dell'acqua, perché molto efficace contro le muffe e i batteri. È una scelta sempre più in voga anche per disinfettare altri oggetti per neonati e si sposa perfettamente con i biberon di ultima generazione. L'unico inconveniente è che dovrete sottoporre alla luce ultravioletta i componenti del biberon singolarmente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come sterilizzare i barattoli

Chi è appassionato di cucina, spesso si cimenta nella preparazione di conserve come marmellate, contorni sottolio, oppure yogurt e molto altro. Tutti questi alimenti si mantengono in barattolo e, per una conservazione duratura, è necessario sterilizzare...
Economia Domestica

5 modi per utilizzare il dentifricio secco

Spesso capita che il tubetto di dentifricio alla fine si secca, e il resto del prodotto non riusciamo più a premerlo sullo spazzolino. Per evitare di buttarlo, possiamo tuttavia sfruttarlo in altri modi, sia per l'igiene intima che per alcuni interventi...
Economia Domestica

5 modi per conservare le verdure per l'inverno

Le verdure vengono classificate come dei nutrienti essenziali dell'alimentazione. Esse sono una fonte di vitamine, minerali e sono ricche di antiossidanti. Queste non devono mai mancare a tavola per tante motivazione positive. Il vantaggio maggiore viene...
Economia Domestica

5 modi per usare un plaid di lana

In inverno, tra i vari materiali tirati fuori dall'armadio, c'è sicuramente un plaid di lana, ovvero un elemento indispensabile per scaldarci nel letto e non solo. I plaid di lana sono infatti molto soffici, e si possono sfruttare nel migliore dei...
Economia Domestica

5 modi per riciclare un vecchio reggiseno

Se state pensando di mettere ordine negli armadi e di disfarvi dei reggiseni lisi o non più indossati che giacciono dimenticati in fondo ai cassetti e che costituiscono ormai un inutile ingombro, sarete lieti di sapere che tale capo di lingerie si presta...
Economia Domestica

5 modi per insegnare ai bambini ad essere generosi

Essere generosi non è una vera e propria dote naturale di ciascun soggetto umano. Tuttavia, alcuni di essi manifestano una certa predisposizione verso questo stato di nobiltà d'animo. Ma il complesso degli elementi che determinano la personalità di...
Economia Domestica

5 modi per eliminare l'odore di broccoli e cavoli

Alcune tra le verdure più salutari sono sicuramente i broccoli e i cavoli, che forniscono al corpo moltissime vitamine e altrettanti minerali, oltre a un effetto benefico su tutto l'apparato digerente. Un'altra qualità è la presenza di antiossidanti,...
Economia Domestica

5 modi per riutilizzare l'olio da cucina usato

L'olio è, di sicuro, l'alimento che utilizziamo di più in cucina, presente in quasi tutte le ricette, sia dolci che salate. Un buon olio è, però, anche costoso ed è importante, per il risparmio delle spese domestiche, non sprecarlo. Ci sono vari...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.