5 modi per pulire l'argento

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'argento è un metallo versatile e bello, grazie alla sua lucentezza aggiunge un tocco di eleganza a piatti, posate, e gioielli. Pulire l'argento è facile, economico e veloce poiché non è necessario alcun attrezzo speciale. È infatti possibile pulirlo in pochi minuti con elementi semplici che sicuramente si hanno in casa. I vostri gli oggetti sono ricoperti da una patina nera? Nessun problema, suggeriamo qui di seguito 5 modi per far tornare a splendere l'argenteria senza fatica.

25

Dentifricio bianco

Per pulire l'argento, è possibile utilizzare del dentifricio bianco: coprite l'oggetto con il dentifricio e strofinate con un panno pulito o con uno spazzolino con setole morbide. Trascorsi pochi minuti, lavate con cura i vostri oggetti e asciugate con un panno in cotone morbido. I vostri oggetti d'argento saranno splendenti in pochi minuti. Il dentifricio infatti è leggermente abrasivo quindi asporta l'ossido in modo meccanico.

35

Patata e bicarbonato di sodio

Si può pulire l'argento facendo bollire delle patate che producono un residuo che appunto pulisce l'appannamento. Dopo la bollitura, togliere le patate e lasciare gli oggetti nell'acqua per circa un'ora. Trascorsa l'ora, sciacquate e asciugate. È inoltre consigliabile aggiungere nell'acqua delle patate un cucchiaio di aceto. Bisogna poi ricordare che il bicarbonato è ottimo per la pulizia periodica di argenteria e gioielli in argento. È necessario riscaldare dell'acqua in una pentola versandovi del bicarbonato. Fate raffreddare l'acqua e immergete i vostri oggetti d'argento fino alla scomparsa del nero dell'ossidazione. Conserverete in questo modo la brillantezza dell'argento nel tempo!

Continua la lettura
45

Sale grosso e limone

Altro metodo consiste nell'utilizzare sale grosso e alluminio: bisogna munirsi di un grande contenitore di vetro che andrà ricoperto con l'alluminio. Andranno poi versate delle manciate di sale grosso, riponendovi infine gli oggetti da pulire. Bisogna versare dell'acqua calda, lasciando in immersione l'argenteria per circa un'ora. Si tratta di un metodo particolarmente efficace per ciondoli e posate difficili da pulire. Si consiglia infine di pulire l'argento con il limone: è necessario mescolare del succo di limone con il bicarbonato di sodio. Il composto che otterrete andrà strofinato sulle superfici con un panno di cotone o con una spugnetta per circa 5 minuti. In questo modo andrete a rimuovere la parte ossidata che appare di colore verdastro. Eliminate le macchie, sciacquate gli oggetti e asciugate.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare le posate d'argento

Sicuramente ognuno di voi avrà ereditato qualche oggetto d'argento, ma purtroppo non tutti sanno come mantenere pulito questo materiale e soprattutto come conservarlo per evitare di rovinarlo e di farlo annerire. Le posate d'argento ad esempio, ormai...
Economia Domestica

5 modi per pulire i vetri senza detersivo

I vetri. L'invenzione più bella che potessero creare. Grazie a loro possiamo ammirare i paesaggi mentre siamo in viaggio, per disegnarci su quando si appannano, o semplicemente per ammirare il nostro giardino comodamente seduti sul divano! Tanto belli...
Economia Domestica

Come riparare oggetti in argento

Con il passare degli anni può capitare che un oggetto in argento si deteriori e si rompa. Alcune volte succede a causa di negligenze del proprietario, altre per il normale corso del tempo. L'ideale sarebbe, quando questo succede, di essere in grado di...
Economia Domestica

5 modi per riutilizzare l'olio da cucina usato

L'olio è, di sicuro, l'alimento che utilizziamo di più in cucina, presente in quasi tutte le ricette, sia dolci che salate. Un buon olio è, però, anche costoso ed è importante, per il risparmio delle spese domestiche, non sprecarlo. Ci sono vari...
Economia Domestica

5 modi per utilizzare il dentifricio secco

Spesso capita che il tubetto di dentifricio alla fine si secca, e il resto del prodotto non riusciamo più a premerlo sullo spazzolino. Per evitare di buttarlo, possiamo tuttavia sfruttarlo in altri modi, sia per l'igiene intima che per alcuni interventi...
Economia Domestica

Come pulire la teiera e la caffettiera

Uno degli inconvenienti più sgradevoli che le normali caffettiere presentano, è lo sgradevole sapore che conferiscono al caffè quando vengono usate dopo un periodo lungo di inutilizzo, o quando vengono usate per la prima volta. La caffettiera ha delle...
Economia Domestica

Come pulire velocemente il Bimby

Il Bimby è un robot da cucina capace di svolgere la funzione di ben 12 elettrodomestici, velocizzando e semplificando di molto il lavoro passato in cucina. L'unico suo fastidio è quello di doverlo pulire ad ogni utilizzo, per non intaccare la sua integrità....
Economia Domestica

5 modi di piegare i tovaglioli

La mise en place, cioè il modo di preparare la tavola, è molto importante quando si hanno ospiti. Una tavola ben curata e ricca di dettagli di classe ti renderà una padrona di casa orgogliosa e allora, oltre a sfoderare la tua tovaglia più bella,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.