5 dritte per usare al meglio un termometro da cucina

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molti sono gli utensili da cucina che vengono utilizzati non solo per cuocere gli alimenti, ma anche per crearne alcuni di vario tipo come ad esempio dolci, primi piatti o secondi deliziosi. Tra i vari attrezzi da poter utilizzare all'interno della propria cucina per poter cuocere gli alimenti in maniera perfetta, esiste il termometro da cucina che non tutti riescono ad utilizzare. Il termometro da cucina è uno strumento molto delicato e non è sicuramente facile da usare per chi non ha esperienza con tale oggetto, ma attraverso alcuni consigli, è possibile usarlo nella maniera corretta. Di seguito troverete 5 dritte molto interessanti e utili per usare al meglio un termometro da cucina in casa.

26

Fare attenzione alle temperature della carne

Quando si utilizza un termometro da cucina bisogna sempre fare attenzione alla gradazione del termometro per non rendere la carne eccessivamente stopposa. Per la carne di manzo è necessario impostare il termometro a circa 60 gradi, per la carne di maiale e per il pollo a 90 gradi, per l'agnello a 70 gradi e per la carne congelata a circa 50 gradi se la carne viene precedentemente scongelata.

36

Cuocere le verdure alle giuste gradazioni

Quando si utilizza il termometro da cucina per la cottura delle verdure, in generale bisogna fare attenzione alle gradazioni di cottura e alle varie tempistiche. Per le fave, i fagiolini, i broccoli, i cavoletti di Bruxelles, i cavolfiori e i piselli, andrebbe impostato il termometro a circa 40 gradi e la cottura dovrebbe essere di 6 minuti al massimo.

Continua la lettura
46

Cuocere i legumi nei tempi corretti

Il termometro da cucina può essere ovviamente utilizzato anche per la cottura dei legumi. I legumi andranno sempre cotti a circa 60 gradi per un'ora, non dovranno mai essere cotti per tempistiche più lunghe e con gradazioni eccessivamente alte per evitare di scuocersi e sfaldarsi.

56

Fare attenzione alle cotture del riso

Il termometro da cucina viene da molti esperti utilizzato anche per la semplice cottura del riso. In base alla tipologia di riso infatti dovrete stare attenti alla temperatura e al tempo di cottura. Se si tratta di un riso integrale, la cottura e la temperatura dovranno essere sicuramente maggiori rispetto da un semplice riso basmati, che richiede una cottura molto più breve e una gradazione di cottura più bassa.

66

Regolare le temperature per la frittura

Per finire, il termometro da cucina deve essere naturalmente utilizzato per verificare la temperatura dell'olio durante la frittura. Il cibo deve essere fritto all'interno di una padella piena di olio, soltanto quando la temperatura raggiunge i 180 gradi. Una temperatura più alta potrebbe provocare una cottura poco uniforme.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

5 dritte per tenere la casa sempre pulita

Tenere la casa sempre pulita non è facile, specie se la famiglia è numerosa e ci sono bambini e animali domestici. Per evitare di fare delle pulizie radicali ogni volta, è quindi opportuno attenersi ad alcune regole ben precise che servono a massimizzare...
Economia Domestica

5 dritte per tenere in ordine la cantina

In ogni abitazione la cantina è sempre il luogo in cui vengono conservate tutte le cose che si utilizzano di meno in casa. All'interno di una cantina si trovano spesso gli oggetti più strani e nella maggior parte dei casi, si accumulano troppe cose...
Economia Domestica

10 dritte per organizzare una festa di Carnevale

Con l'arrivo di Febbraio si avvicina la festa più pazzerella dell'anno: il Carnevale. Sebbene si tratti di un periodo importante per i religiosi, il Carnevale racchiude anche un lato più "profano". Le celebrazioni sono caratterizzate da feste ricche...
Economia Domestica

5 dritte per pulire i paralumi in stoffa

I paralumi sono delle coperture che vengono impiegate nelle lampade e nei lampadari con il compito di impedire la diffusione diretta della luce, filtrandola e permettendo un'illuminazione migliore. Affinché possano svolgere la loro funzione nel modo...
Economia Domestica

5 dritte per tenere in ordine l'armadio

Il disordine nell'armadio non è solo una questione estetica. Un armadio in disordine rallenta le nostre azioni quando ci accingiamo a vestirci. Spesso scombussola i nostri piani perché non ci permette di trovare, in fretta o per niente, il capo che...
Economia Domestica

I principali termometri da cucina

La cucina si sa, è un'arte, e come tale richiede professionalità e maestria. Se un tempo le massaie sapevano come cucinare e quale temperature erano adatte per particolari cibi, attualmente la tecnologia ha soppiantato l'intuito facilitando gran parte...
Economia Domestica

Come utilizzare le pinze da cucina

In cucina molto spesso si utilizzano tantissimi strumenti molto utili. Per preparare al meglio una pietanza, occorre però avere una certa padronanza in cucina. Infatti sfruttare al meglio gli strumenti ci permette di ottenere un risultato migliore. In...
Economia Domestica

10 consigli per ottimizzare lo spazio in cucina

Come vedremo nel corso di questa guida, con un po' di diligenza e pazienza, è possibile ottimizzare lo spazio della vostra cucina seguendo una serie di accorgimenti apparentemente banali (alcuni consigli possono tornarvi utili, soprattutto se avete una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.