5 consigli per curare i mobili in pelle

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I mobili da sempre vengono realizzati in diversi modi; infatti, oltre che con il tradizionale legno, si possono trovare anche in ferro, alluminio, plastica e tanti altri materiali compresa la pelle. In riferimento a quest'ultima, se in casa abbiamo dunque dei mobili moderni o antichi, con un rivestimento totale o parziale, li possiamo curare seguendo i 5 consigli che troviamo nei passi successivi di questa lista.

26

Usare il grasso animale

Il grasso animale è il prodotto naturale ideale da usare per curare la pelle, lucidandola senza che rimanga unta e con vistose ed antiestetiche chiazze. L'uso del grasso serve anche per evitare che si possa infeltrire, con conseguente formazione di crepe a forma di ragnatela che a lungo termine tendono ad aprirsi.

36

Rimuovere immediatamente gli aloni

Se abbiamo un mobile antico come ad esempio una calatoia, il cui ripiano si avvale della copertura in pelle, bisogna rimuovere immediatamente gli aloni rilasciati da oggetti vari, tipo una tazzina di caffè o di latte, così come di altri liquidi che sono tracimati attraverso il contenitore imbrattando la pelle. Agire immediatamente, significa farlo soltanto con un po' di ovatta mista ad acqua, anzichè usare poi sostanze detergenti troppo aggressive.

Continua la lettura
46

Evitare l'esposizione a fonti di calore

La pelle con cui vengono rivestiti i mobili specie se è sintetica, è soggetta a deformazione o a variazione di colore. In genere questi fenomeni, si manifestano in presenza di eccessive fonti di calore, per cui è da evitare l'esposizione ai raggi del sole così come a quella diretta di faretti o lampade alogene. Tale precauzione serve quindi per tenere la pelle dei mobili sempre lucida, mai molle e soprattutto senza che subisca degli scolorimenti.

56

Lucidare i mobili in pelle con la cera

Per curare in modo adeguato la pelle di cui si compongono alcuni mobili della nostra casa, è consigliabile periodicamente lucidarla con la cera. L'ideale è quella di qualità che si usa per le scarpe o le cinture, quindi naturale e possibilmente priva di sostanze solventi, che potrebbero tendenzialmente creare delle antiestetiche chiazze in chiaroscuro.

66

Evitare l'uso di sostanze acide

Curare in modo adeguato i mobili realizzati completamente in pelle o rivestiti parzialmente con questo materiale, significa come si evince da quanto descritto nei passi precedenti della lista, non utilizzare sostanze acide. Evitarne l'uso, è infatti l'ideale per preservare a lungo la pelle di un mobile, con un conseguente risparmio economico, in quanto ci evita di rivolgerci ad un ebanista o ad un tappezziere, per rimediare alla nostra mancata manutenzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come curare il giardino e l'orto

Il giardino e l'orto non sono solo un luogo di produzione di ortaggi, ma costituiscono una finestra aperta sulla natura. Se si impara a seguire l’evoluzione delle piante, a conoscere il terreno e le sue varietà si può coltivare al meglio un orto familiare....
Economia Domestica

Come rimuovere le macchie d'inchiostro dai mobili

Le macchie d’inchiostro sono piuttosto difficili da rimuovere su quasi tutte le tipologie di superfici. Chi ha a che fare con bambini piccoli sa bene cosa voglia dire avere il tavolo in legno di salotto pieno di tracce di penna biro, o il mobile di...
Economia Domestica

Come proteggere i mobili in legno di cipresso

Il legno di cipresso è spesso usato per l'arredo esterno perché è altamente resistente alla decomposizione. Inoltre, il cipresso contiene un olio naturale chiamato "cipressina", che allontana gli insetti, i funghi e altre fonti di degrado. Nonostante...
Economia Domestica

Come proteggere un divano in pelle dalle screpolature

L'acquisto di un divano in pelle è un passo importante. Si tratta, molto spesso, di prodotti altamente costosi, che necessitano di una manutenzione continua per evitare screpolature ed ulteriori segni d'usura. Nello specifico, la pelle si costituisce...
Economia Domestica

Come pulire un portafoglio di pelle

Alcuni accessori vengono utilizzati quotidianamente, magari in più occasioni in una sola giornata, e questo accade in particolare maniera con i portafogli: pur avendone cura e trattandoli con il dovuto riguardo, è praticamente impossibile mantenerli...
Economia Domestica

5 piante da appartamento facili da curare

Le piante in casa sono un complemento d'arredo, però devono avere sempre un aspetto vigoroso, altrimenti danno un senso di tristezza e anche di trascuratezza all'ambiente nel quale vengono poste. Se abbiamo già il pollice verde certamente questo non...
Economia Domestica

Come togliere la muffa dai capi in pelle e camoscio

Ogni cambio di stagione porta con sé la necessità di rinnovare l'abbigliamento, permettendo di togliere dall'armadio i vestiti che non verranno più messi nei mesi successivi e di riporvi quelli più adatti al clima stagionale. Quando si effettua questa...
Economia Domestica

Divano in camoscio: consigli per la manutenzione

Acquistare un divano in pelle, è una scelta all'insegna dello stile, del comfort e dell'eleganza. Si tratta di un elemento d'arredo di valore, ma non per questo inaccessibile. Inoltre, il suo essere senza tempo, lo rende adatto sia ad ambienti classici,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.