10 consigli contro lo spreco alimentare

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

I dati sono davvero allarmanti: secondo quanto affermato dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO), nei paesi più sviluppati si sprecano ogni anno circa 220 milioni di tonnellate di generi alimentari. Una cifra davvero esagerata che rischia di determinare conseguenze molto negative per l'economia mondiale e per la spesa pubblica di ogni nazione. Si fa quindi sempre più viva l'esigenza di combattere lo spreco alimentare. Ciascuno di noi, nel suo piccolo, può fare qualcosa di molto importante a tal proposito. In questa guida vi forniremo 10 utili consigli contro lo spreco alimentare.

211

Non gettare il cibo in eccedenza

Primo consiglio da dare è quello di non gettare mai nella spazzatura l'eventuale cibo in eccedenza. Esistono altri modi, molto più intelligenti e razionali, di conservare o consumare il cibo che non si è mangiato in un primo momento. Vediamo ora quali sono queste modalità che ogni famiglia, a prescindere dal suo tenore di vita, dovrebbe scrupolosamente seguire.

311

Cucinare gli avanzi

Un primo modo di agire concretamente contro lo spreco alimentare sempre più dilagante è quello di cucinare di nuovo gli avanzi. Magari rielaborando con essi dei piatti o delle pietanze diverse, da arricchire con altri ingredienti. Gli avanzi, così cucinati, possono quindi essere consumati il giorno dopo, con grande soddisfazione per il proprio palato e fornendo un utile contributo contro gli sprechi.

Continua la lettura
411

Conservare gli avanzi

Inoltre va consigliato anche di conservare gli avanzi. La conservazione in frigorifero dei cibi è un'esigenza sempre crescente. Vi suggeriamo quindi, ad esempio, di congelare gli avanzi per averli egualmente freschi anche alcuni giorni dopo. Un cibo congelato non perde le sue proprietà e può essere consumato anche a distanza di qualche tempo.

511

Consumare i cibi scaduti

Sulle etichette dei cibi di solito è apposta la data di scadenza, che indica il mese e l'anno nel quale "preferibilmente" quel cibo deve essere consumato. Il segreto sta proprio in quel "preferibilmente". Un consiglio è quello di consumare anche un cibo scaduto da qualche giorno, perché anche tale cibo mantiene intatte le proprie caratteristiche. Quindi, non gettate mai cibi che sono scaduti solo da pochissimi giorni!

611

Non eccedere negli acquisti

Altro elemento contro lo spreco è rappresentato da un comportamento sempre responsabile al momento dell'acquisto dei cibi presso un qualsiasi supermercato. Occorre non eccedere negli acquisti ed è necessario comprare solo prodotti alimentari necessari al fabbisogno individuale o della famiglia.

711

Fare ruotare i cibi

Contro lo spreco alimentare può essere utile anche provvedere ad una rotazione dei cibi da cucinare. Preparare pasti sempre nuovi, diversi e vari, arricchirà il vostro risparmio perché vi consentirà di fare solo acquisti veramente necessari. Ogni giorno, dunque, preparate un menù diverso ed impegnatevi nella cottura di alimenti sempre differenti.

811

Fare una spesa oculata

Contro lo spreco alimentare occorre fare una spesa che sia il più possibile oculata. Quando vi recate al supermercato, ad esempio, portatevi sempre dietro una lista della spesa in cui vi siano accuratamente segnate solo le cose di cui avete realmente bisogno. E non lasciatevi attrarre da improbabili offerte speciali, che di "speciale" non hanno proprio nulla o che, magari, non vi servono affatto perché non rientrano nei gusti alimentari della vostra famiglia.

911

Preparare cibi semplici

Risparmiare significa anche preparare ogni volta cibi il più possibile semplici o comunque poco elaborati. Di solito, infatti, i cibi semplici sono anche quelli più economici e che incontrano il gradimento migliore. Sarà così più facile consumarli interamente, senza dover ricorrere ad avanzi o a scarti alimentari.

1011

Fare la raccolta differenziata

Vi raccomandiamo inoltre di combattere lo spreco alimentare operando un'attenta e giudiziosa raccolta differenziata dei rifiuti e prestando grande attenzione soprattutto agli scarti di cibi umidi. Essi dovranno essere trattati e smaltiti secondo le regole. Sarà un segno di intelligenza, buon senso e civiltà.

1111

Trasformare il cibo in concime

Ed infine, il consiglio più originale: per ridurre lo spreco è possibile anche trasformare gli avanzi in concime per le piante. Proprio così. Come fare? È molto semplice: basterà collocare il cibo in eccedenza in un comune tritarifiuti ed aggiungervi del fertilizzante. Dopo alcuni giorni di conservazione questo preparato potrà essere utilissimo come concime per le piante del vostro giardino o del terrazzo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

10 consigli per risparmiare sulla spesa alimentare

Oggi giorno risparmiare sulla spesa alimentare è molto importante e vitale per una semplice famiglia, qualsiasi esso sia il numero effettivo dei componenti in casa. Farla infatti non è per niente un compito facile sia per la donna che per l'uomo, perché...
Economia Domestica

Come evitare lo spreco di acqua

Come tutti sappiamo, al giorno d'oggi è molto importante evitare i consumi inutili, in particolare quelli che riguardano l'acqua. L'acqua è un bene primario molto prezioso, ma soprattutto, è un bene dalle riserve limitate. È dunque doveroso farne...
Economia Domestica

Vasca in muratura: pro e contro

Le vasche da bagno in muratura rappresentano una delle ultime tendenze in fatto di design moderno. Sono pregevoli e di grande impatto estetico. Viste da lontano sembrano legarsi alle pareti che le sostengono fino ad essere, con un grande effetto di illusione...
Economia Domestica

Come risparmiare sulla spesa di tutti i giorni

Ultimamente il famiglie italiane sono costrette a fare i conti con la crisi economica. Alcune persone arrivano a fine mese riducendo i consumi di gas ed energia elettrica, di carburante, di vizi e capricci. Da una recente indagine risulta che gli italiani...
Economia Domestica

Termostufa a pellet: pro e contro

La termostufa a pellet rappresenta una soluzione di riscaldamento pratica e moderna. Ottima anche sotto l'aspetto del design, questo particolare tipo di calorifero deve essere conosciuto molto bene per poter sfruttare al meglio le proprie capacità. In...
Economia Domestica

Vasca da bagno in acrilico: pro e contro

Se avete appena programmato di rimodernare la vostra stanza da bagno e siete indecisi sulla scelta della vasca, è importante sapere che oltre alle classiche ovvero le smaltate e in acciaio, esistono anche quelle di tipo acrilico. In riferimento a queste...
Economia Domestica

Gommapiuma come isolante termico: pro e contro

In commercio esistono numerosi materiali che consentono di coibentare la propria casa e proteggerla da suoni molesti e da perdite di calore. Grazie ai pannelli di polietilene, di lana di roccia e di poliuretano, è possibile isolare ogni parete. Tra tutti...
Economia Domestica

Controsoffitti in granito: pro e contro

I controsoffitti vengono solitamente installati e realizzati in una casa, per migliorare l'ambiente non solo a livello estetico, ma anche acustico. I controsoffitti sono inoltre in grado di creare un certo calore all'ambiente e possono essere realizzati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.