Trucchi per pulire le padelle

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le padelle sono degli strumenti che fanno parte ormai della vita quotidiana, e sono utilizzati in cucina. Questi utensili hanno subito numerose modifiche durante gli anni, a tal punto da poter cambiare metodo di riscaldamento, cioè passando dal fuoco all'induzione elettromagnetica. Molte di queste perdono molte delle loro proprietà a causa dell'usura e di una cattiva pulizia, e per questo è utile sapere alcuni trucchi per pulire bene le padelle.

27

Occorrente

  • Bicarbonato.
  • Acqua.
  • Aceto.
  • Spugna morbida.
37

Occorre sapere che pure non perdere le varie proprietà di una padella, non si deve mai mettere questa sotto l'acqua fredda appena finita la cottura. Infatti, una padella molto calda sotto un getto gelido di acqua tende a perdere le sue qualità antiaderenti. Inoltre, raschiare le padelle con una spugna abrasiva elimina il rivestimento esterno, causando l'attaccamento dei cibi e l'eccessiva cottura degli stessi, ed è quindi consigliabile strofinarli con una morbida e usare sostanze agenti sullo sporco.

47

Facendo una buona miscela di acqua e di bicarbonato si sarà in grado di pulire ogni elemento con la massima cura. Si deve semplicemente versare della polvere dell'ingrediente al suo interno, dove poi si deve aggiungere la sostanza liquida e lasciare in posa per circa un paio di ore. Successivamente si deve pulire la padella con una spugna morbida e tutte le incrostazioni spariranno con estrema facilità.

Continua la lettura
57

Nel caso in cui l'elemento sia molto incrostato, lo si deve riempire con dell'acqua e portarlo ad ebollizione. Successivamente, vi si deve aggiungere un cucchiaio di bicarbonato insieme a mezzo bicchiere di aceto. Si deve lasciare il composto sui fornelli per circa 10 minuti, terminati i quali, si deve aspettare che si raffreddi e la si deve lavare in maniera accurata.

67

Se le pentole sono eccessivamente grasse, una volta che sono fredde, si devono riempire con dell'acqua calda e si devono posizionare sul fuoco. Si deve portare il tutto ad ebollizione per circa 5 minuti. Grazie al calore, tutto lo sporco e i residui delle pietanze insieme al grasso, si staccheranno dalla superficie e sarà più semplice rimuoverli successivamente. Per il lavaggio si può usare del semplice detersivo per piatti e una spugna.

77

Se la padella non risulta essere perfettamente antiaderente e si vuole evitare che lo sporco si attacchi, si può usare un altro trucco. Si può scaldare sui fornelli e successivamente vi si può mettere all'interno del sale, Appena esso scurisce, lo si deve togliere e vi si deve passare un panno asciutto. A questo punto, si può continuare a cucinare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come sostituire le padelle antiaderenti

Se in cucina abbiamo un set di padelle antiaderenti ed intendiamo sostituirle, lo possiamo fare scegliendone altre di diversa composizione. Le padelle antiaderenti infatti, sono indubbiamente comode, poiché non consentono ai cibi di attaccarsi sul fondo,...
Economia Domestica

Come usare le padelle in pietra

Per cuocere al meglio i cibi, la pietra è un materiale davvero perfetto. Molte padelle in commercio sono difatti disponibili in questo materiale che resiste alle alte temperature. Una buona padella in pietra consente di portare a termine una cottura...
Pulizia della Casa

Come pulire le padelle e le pentole annerite

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà andremo a parlare di pentole e di padelle. Nello specifico, in questo caso, ci addentreremo nel tema inerente alle modalità di pulizia delle stesse.Come si fa a pulire le padelle e le pentole che...
Pulizia della Casa

Come pulire le padelle in ghisa

La ghisa è una lega ferro-carbonio; materiale perfetto sia per la cottura alla piastra, sia per zuppe e stufati perché trattiene il calore e lo diffonde lentamente, distribuendolo in modo omogeneo. C'è da dire che la ghisa smaltata trattiene abbastanza...
Pulizia della Casa

Come pulire le padelle di ferro

Le padelle di ferro sono particolarmente adatte per rosolare e grigliare qualsiasi tipo di carne o pesce, per scottare le verdure e per friggere gli alimenti. Esse non rilasciano sostanze nocive all’organismo, non inquinano l’ambiente e non si usurano...
Pulizia della Casa

Come pulire le padelle di teflon

Il teflon, conosciuto anche come politetrafluoroetilene o PTFE, è diventato il nome comune per pentole e padelle antiaderenti. È considerato l'unica sostanza grazie alla quale il cibo non si attacca e richiede pochissimo lubrificante. Qualche cura supplementare...
Economia Domestica

Come sistemare le pentole in cucina

Gli amanti della cucina, non solo del mangiare ma anche del cucinare, sanno bene che ogni piatto necessita delle rispettive pentole per poterlo cucinare e ottenere buoni risultati. Ma nell'ambito culinario esistono tantissime tipologie di padelle e pentole,...
Pulizia della Casa

Come pulire una padella in ghisa

In cucina si possono utilizzare pentole e padelle antiaderenti di ultima generazione. Queste padelle, possono essere di: ceramica, acciaio o di altro materiale. Esistono anche delle padelle in ghisa, cioè, quelle molto pesanti. Le padelle in ghisa, però,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.