Come Usare Le Piante Spontanee per lavare

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Esistono rimedi alternativi molto efficaci per lavare i tessuti senza ricorrere al classico detersivo fatto con sostanze chimiche che inquinano l'ambiente. Si può ad esempio utilizzare le piante spontanee, comuni che, contenendo saponina, sostanza simile al sapone, questa ha potere lavante. Anche i pavimenti hanno bisogno di essere lavati frequentemente e con prodotti adatti, anche in questo caso si possono utilizzare le foglie che la natura mette a disposizione per avere pavimenti brillanti e ben trattati. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad usare le piante spontanee per lavare.

27

Occorrente

  • Saponaria
  • Frutti dell'ippocastano
  • Edera comune
  • Erba medica
  • Acqua
37

Nelle piante spontanee è contenuta la saponina, sostanza schiumogena che ha le stesse doti di un tensioattivo e del sapone, essa si trova nelle radici di erba medica, nell'edera, nella saponaria e nei frutti dell'ippocastano. Da tutte queste piante si può ottenere il tuo detersivo naturale ma attenzione, perché trattandosi di piante, il liquido ottenuto va utilizzato nel breve periodo.

47

Partiamo dall'erba medica, è una pianta erbacea molto diffusa anche qui in Italia, ha i fiori viola-azzurro e dalle sue radici, raccolte in qualsiasi stagione, si ricava la saponina. Come? Dovremo lavarle, seccarle e tagliarle a pezzetti e poi farle bollire in acqua poco calcarea per mezz'ora.

Continua la lettura
57

Dell'edera (quella comune) dovremo usare invece le foglie, essendo molto resistente, potremo potarla tranquillamente, quindi raccogliere le foglie (circa 50) che ci servono e metterle a sbollire per 10 minuti in un litro di acqua calda già bollente. Lasciamo raffreddare il tutto e poi spremiamo le foglie con il passaverdura dentro il liquido che abbiamo ottenuto, filtrandolo prima di usarlo.

67

La saponaria è la pianta spontanea da cui potremo ottenere più saponina. Raccogliamo la pianta, laviamo le radici e secchiamo tutto insieme. Per le dosi ricordiamoci che servono 100 grammi di saponaria per ogni litro di acqua. Il procedimento da seguire è lo stesso che per l'erba medica, solo che dovremo far bollire solo per 10 minuti. Alla fine aggiungiamo i fiori e le foglie ed ecco la nostra saponina pronta per l'uso.

77

Infine potremo utilizzare l'ippocastano, i suoi frutti, detti "castagne matte", sono ideali per i tessuti scuri. Prendiamo 300 grammi di castagne matte per ogni litro di acqua, sbucciamole e trituriamole, poi mettiamole nell'acqua bollente per un'ora. Alla fine filtriamo il liquido che, così ottenuto, sarà pronto per i nostri lavaggi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire le macchie di olio dalla seta

A tutte le casalinghe è successo almeno una volta di imbrattare un tessuto delicato come una camicia, un pantalone o una cravatta di seta: per risolvere il dilemma spesso si corre in lavanderia augurandosi di salvare il capo in questione, ma volendo...
Economia Domestica

Come utilizzare le pentole in pietra ollare

La pietra ollare, nota anche come steatite o pietra saponaria, è una roccia di origine vulcanica, costituita prevalentemente da magnesite e talco. Duttile e facilmente lavorabile, presenta un colore che può variare dal grigio al verde scuro, con sfumature...
Pulizia della Casa

Come smacchiare la seta colorata

Gli abiti più belli sono solitamente quelli più eleganti, spesso creati con tessuti molto pregiati come la seta o il raso. Chi ha un abito realizzato con questo tessuto come ad esempio la seta, deve naturalmente fare molta attenzione a non rovinarlo,...
Pulizia della Casa

Come smacchiare la moquette

Quando si parla di moquette si fa riferimento ad un complemento d'arredo molto utilizzato, soprattutto nelle zone anglosassoni. Al giorno d'oggi, la moquette ha assunto un ruolo importante anche nel resto d'Europa. Si tratta di un pavimento alternativo...
Pulizia della Casa

Come smacchiare i capi di seta

La seta è una delle fibre tessili maggiormente impiegate nella realizzazione di capi pregiati. Oggigiorno, molti tessuti vengono composti da una mescolanza di seta vergine con altri materiali, organici od artificiali. Smacchiare questa tipologia di filati...
Pulizia della Casa

Come smacchiare poltrone e divani

Le operazioni di pulizia della propria casa si possono complicare nel momento in cui dobbiamo concentrare i nostri sforzi su determinate aree delicate della nostra abitazione. Per cui è fondamentale prendere le giuste precauzione onde evitare possibili...
Arredamento

Come arredare casa con i legni chiari

Il legno è un materiale molto resistente e particolarmente apprezzato per arredare la propria casa. Infatti, esso si adatta adeguatamente a tutti gli ambienti e a tutti gli stili, da quelli più tradizionali a quelli più moderni. Il colore del legno...
Esterni

Come abbellire un muro esterno con l'edera

Chi possiede un giardino sa bene quanto sia importante avere le giuste attenzioni e soprattutto adottare le giuste metodiche che ci consentono di mantenerlo rigoglioso e verde. Esistono tantissime varietà di piante che possiamo inserire nel nostro spazio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.