Come unire due appartamenti adiacenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se è stato affittato oppure comprato un appartamento adiacente al proprio si può avere la possibilità di unirli tra loro, senza fare dei grossi interventi di muratura. Si tratta in questo caso di raddoppiare in metri quadri l'unità abitativa; così facendo si ha la possibilità di avere più spazio a disposizione. Esso può essere diviso per ottenere quindi una cameretta per i bambini, una per il cucito della moglie ed un'altra per gli hobby. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile unire due appartamenti adiacenti.

24

Creazione porta d'ingresso

Se il ballatoio si trova all'ultimo piano per cui non si ha il passaggio di altri condomini è possibile realizzare una porta d'ingresso in cima all'ultimo scalino. In questo modo si può avere l'accesso eliminando quelle corazzate che si trovano negli appartamenti da unire. In alternativa è possibile installarne una sfruttando anche il ballatoio per mettere un salottino in vimini, una cappelliera oppure delle piante. Questo procedimento permette di far diventare questa parte della casa l'ingresso principale.

34

Unire le porte

Unire due appartamenti adiacenti non richiede grandi interventi di muratura; è ovvio che in sostituzione delle due vecchie porte d'ingresso bisogna metterne delle altre in legno. In questo caso è opportuno rivolgersi all'ebanista oppure all'azienda che ha realizzato quelle che sono presenti nella casa principale per farne costruire altre due uguali. Successivamente bisogna solo inserire le porte nei rispettivi vani, previo nuovi controtelai. Questi ultimi servono per rimpicciolire i telai visto che quelli delle porte d'ingresso sono sempre più grandi. A questo punto il grosso è fatto; invece di aggiungere altre opere murarie per unire i due appartamenti adiacenti si possono abbattere alcune pareti sottili. Così facendo si crea un unico salone grande oppure un ambiente cucina meno angusto.

Continua la lettura
44

Quando non si devono unire e porte

Quando la casa adiacente si trova ad un piano leggermente rialzato rispetto a quella già in proprio possesso non esiste il problema di unirle. Infatti, dopo che sono state abbattute le pareti divisorie si può installare una piccola scaletta in legno. In questo modo è possibile realizzare stesso all'interno delle due case una sorta di piano ammezzato. Quest'ultimo dà la possibilità, contro ogni ottimistica previsione iniziale, di aggiungere un'altra metà di metri quadrati per far fronte alle proprie esigenze.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come arredare un corridoio con gli specchi

In questa guida andrete a vedere come arredare un corridoio con gli specchi. I passaggi sono semplici, ma state bene attenti. Provate a seguire queste istruzioni, usando anche la vostra creatività. Cercate di soddisfare i vostri bisogni con la creatività...
Arredamento

Errori da evitare nella ripartizione delle stanze

Vi trovate nella situazione di dover rivoluzionare e dividere i vari ambienti della casa. Ebbene la ripartizione delle stanze deve essere sempre pensata e non casuale poiché si rischia di avere problemi quando si vive all'interno dell'abitazione. Ebbene...
Economia Domestica

Come ottimizzare gli spazi in un piccolo appartamento

A volte si pensa che il progresso e la modernità, vadano di pari passo con concetti quali: minimalismo, ampliamento ed estensione. Concezione, questa, che si riflette anche nell'ambito del design, sia quello del prodotto (basta constatare come negli...
Economia Domestica

Come scaldare la casa risparmiando

In questo articolo vedremo come scaldare la casa risparmiando. I costi che crescono dei combustibili tradizionali, usati per il riscaldamento di casa, spingono sempre maggiormente i consumatori a ricercare delle soluzioni alternative, che siano non soltanto...
Arredamento

Loft: come dividere un ambiente con i separè

Cavalcando l'onda della popolarità, i loft si sono resi originali e apprezzati fin dalla loro prima realizzazione negli anni '60 negli Stati Uniti. Si tratta di semplici uffici, laboratori, magazzini o in generale degli spazi di natura sia industriale...
Arredamento

Come scegliere lo schema cromatico per la casa

L'estate è la stagione giusta per dare un tocco di colore diverso alle pareti della propria casa, ma decidere lo schema cromatico, per i più indecisi, può essere un'impresa alquanto ardua, poiché la scelta è veramente ricca: le possibili varietà...
Economia Domestica

Riscaldamento in casa: consigli per una perfetta diffusione

Se per il riscaldamento in casa abbiamo intenzione di installare una stufa, una caminetto a legna o a pellet, è importante sapere che esistono dei semplici metodi per ottimizzare la distribuzione del calore, che avviene grazie ad un naturale movimento...
Ristrutturazione

Come costruire una parete divisoria insonorizzante

Se state pensando di aggiungere un muro divisorio in casa, considerate la possibilità di una parete divisoria insonorizzata. Anche se un muro divisorio da solo non creerà una zona completamente insonorizzata, è possibile utilizzare semplici tecniche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.