Come togliere le macchie di sugo dai vestiti

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

A tutti sarà capitato almeno una volta di ritrovarsi con un'enorme macchia di sugo da smacchiare sui propri vestiti. Sia che vi capiti spesso o raramente, non disperate ma leggete questa guida semplice e veloce su come imparare a smacchiare i propri vestiti dal sugo in modo rapido ed efficace. Non lasciate infatti che le macchie diventino una preoccupazione, ma godetevi la vostra cucina in modo tranquillo e spensierato, al resto ci pensiamo dopo pranzo! I metodi per togliere le macchie sono davvero tantissimi, vediamo alcuni dei più utili ed efficaci.

26

Occorrente

  • Bicarbonato
  • carta assorbente
  • sapone di Marsiglia
  • detersivo per piatti
  • spazzolino con setole morbide
  • aceto bianco
  • smacchiatore
36

Appena vi accorgete della macchia di sugo sui vostri vestiti, non lasciate che essa si secchi ma prendete subito una posata o altro e togliete il grosso del condimento dalla macchia, cercando però di non allargarla. Nel ragù, oltre al pomodoro, c’è anche l’olio per cui bisogna cercare, come prima cosa, di tamponare l’olio perché non penetri a fondo nel tessuto, poi occorre anche eliminare le tracce di pomodoro sul vestito cercando di bagnare il tessuto con acqua fredda. Per fare questo ci sono diversi metodi che verranno descritti di seguito.

46

Per tessuti delicati uno dei metodi per togliere le macchie di unto fresche, come quelle prodotte dal sugo, consiste nell’uso di bicarbonato da spargere abbondantemente su entrambi i lati del capo macchiato. La macchia va ricoperta per 12-24 ore, con carta assorbente: una volta trascorso il tempo necessario, la parte macchiata va strofinata a secco con del sapone di Marsiglia ed infine tutto l'indumento va lavato con acqua tiepida. In qualsiasi caso comunque non esagerate nel pretrattare la macchia o strofinare un qualunque prodotto con troppa energia, potreste infatti finire per rovinare il tessuto o il colore del vostro indumento.

Continua la lettura
56

Il metodo più usato per togliere le macchie di unto e di sugo consiste nel versare un po’ di detersivo per piatti, eventualmente diluito se il tessuto è molto delicato, direttamente sulla macchia e poi cercare di lavorarla con le dita per emulsionare la parte untuosa e rimuoverla dal tessuto. Ci si può aiutare anche con uno spazzolino dalle setole morbide, senza strofinare energicamente. Per tessuti robusti, dopo aver usato il detersivo si può anche provare a lavare la zona con un po’ di aceto bianco, se si intravede ancora qualche alone. Alla fine di questa operazione si può lavare il capo e se la macchia persiste si potranno usare anche prodotti più aggressivi come smacchiatori specifici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come smacchiare la moquette

Quando si parla di moquette si fa riferimento ad un complemento d'arredo molto utilizzato, soprattutto nelle zone anglosassoni. Al giorno d'oggi, la moquette ha assunto un ruolo importante anche nel resto d'Europa. Si tratta di un pavimento alternativo...
Pulizia della Casa

Come smacchiare macchie di fango e di inchiostro

Togliere le macchie dai vestiti in maniera rapida ed efficace è sicuramente un qualcosa di molto importante, che ci consente in alcuni casi anche di salvare i nostri vestiti evitando di buttarli. Le macchie di fango e di inchiostro, sono certamente delle...
Economia Domestica

Come smacchiare il divano

Ci sarà sicuramente capitato di voler pulire le varie superfici di cui sono composti gli arredi presenti nella nostra abitazione ma, sopratutto se non abbiamo molta esperienza con le pulizie, di non sapere quali prodotti utilizzare per eliminare correttamente...
Pulizia della Casa

Come smacchiare i tessuti di lino

Il lino è un tessuto di origine naturale, si ricava infatti dalla corteccia della pianta del lino e si tratta di un prodotto molto apprezzato, che viene utilizzato per biancheria e capi di abbigliamento di qualità. È una fibra piuttosto resistente,...
Pulizia della Casa

Come smacchiare le tende

È risaputo che la casa va mantenuto pulita e ordinata. Come si suol dire, con l'arrivo della stagione in fiore, l'ideale sarebbe di attuare le cosiddette pulizie di primavera. Per farlo però è necessaria molta delicatezza, poiché essendo troppo aggressivi...
Pulizia della Casa

Come pulire e smacchiare sedie, poltrone e divani

Avete mai pensato a quanta polvere e sporco catturano le imbottiture di sedie, poltrone e divani, siano essi in pelle o tessuto? Anche questi complementi di arredo hanno bisogno di essere puliti con regolarità, non solo quando si macchiano. In questa...
Pulizia della Casa

Come smacchiare il linoleum e la moquette

Se siete in possesso un pavimento in linoleum oppure avete la moquette in casa, questa guida fa al caso vostro!. Di seguito infatti vi sarà spiegato in tutta chiarezza come smacchiare questi due tipi di pavimento particolari utilizzando qualche prodotto...
Economia Domestica

Come smacchiare i tessuti delicati

Le macchie sono una minaccia terribile per i nostri capi, specialmente se nuovi di zecca oppure appena indossati per un'occasione importante. Quelli più a rischio sono i delicati: seta, pizzo, organza, chiffon, bisso e batista di lino. Questi ultimi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.