Come stendere la ghiaia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se avete intenzione di effettuare la copertura di un terreno per realizzare un giardino semplice e moderno ma non volete necessariamente ricorrere alla pavimentazione con piastrelle in cemento o il vostro budget è piuttosto limitato, potrete scegliere di eseguire una copertura con del pietrisco. Una delle maggiori difficoltà, in questo tipo di realizzazioni, è stendere la ghiaia. Nella seguente guida, vi illustrerò come procedere per realizzare una lavoro preciso e corretto.

26

Occorrente

  • Tessuto geotessile
  • Rastrello, asse di legno e livella a bolla
  • Ghiaia
36

Determinare la quantità di pietrisco necessaria

Innanzitutto, dovrete determinare la quantità di pietrisco necessaria. In questo caso, sarà preferibile scegliere uno strato di almeno 15-20 cm. Inoltre, per un risultato migliore e più duraturo, potrete realizzare due strati con inerti di pezzatura e con colori differenti. Per esempio, potrete stendere una prima passata di ghiaia da 3 cm e ricoprire il tutto con del pietrisco da 1 cm monocolore (lo potrete trovare verde, marrone, blu, terracotta, e così via) oppure potrete sbizzarrirvi e creare dei veri e propri disegni colorati.

46

Estirpare tutte le erbacce

Successivamente, dovrete preparare l'area di lavoro estirpando tutte le erbacce presenti. In genere, è consigliabile rimuovere anche il primo strato di terra (almeno 10 cm) e compattare il fondo (per aree piccole, sarà sufficiente picchettare con una pala da giardino, altrimenti potrete noleggiare un costipatore meccanico). Una volta, fatto ciò, dovrete delineare le aree che ospiteranno le vostre piante o fiori con dei piccoli muretti in cotto, con delle rocce oppure con dei tronchetti di pino o larice. Potrete, quindi, procedere con la stesura dello strato di ghiaia da 3 cm (anche detto stabilizzato spaccato medio) distribuendolo in maniera approssimativa, ma omogenea, su tutta l'area. Con l'aiuto di un rastrello, un'asse di legno ed una livella a bolla dovrete poi livellarlo quanto più possibile e, infine, costiparlo a sufficienza.

Continua la lettura
56

Aggiungere uno strato di tessuto geotessile

Dopo aver realizzato questa prima mano, potrete procedere con la stesura di un tessuto geotessile ricoprendolo, in seguito, con l'inerte da 1 cm. Per un buon risultato, sarà necessario livellare bene anche questo strato finale. Uno dei grandi vantaggi dei ricoprimenti in ghiaia, oltre al basso investimento iniziale ed alla gradevole resa finale, è la manutenzione molto ridotta che si limiterà alla rimozione delle erbacce (che potrete prevenire irrorando la ghiaia periodicamente con soluzioni apposite) ed all'integrazione del pietrisco (ogni 3-4 anni) che, inevitabilmente, andrà sprofondando nel terreno (tanto più avrete costipato il terreno, tanto meno dovrete integrare). Tali aggiunte potranno essere eseguite agevolmente acquistando delle piccole sacche di ghiaia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come fare un vialetto di ghiaia in giardino

Avere un grande giardino in casa, è sicuramente un grande vantaggio. Il giardino, è un luogo in cui potersi godere un po' di aria fresca e un po' di verde, lontano dallo smog e lontano da ogni rumore della città. Quando il giardino è molto grande,...
Ristrutturazione

Come attaccare insieme dei pezzi irregolari di muro a secco

I muri a secco sono da molto tempo utilizzati, tra l'altro, nella delimitazione di spazi all'aperto come, ad esempio, i giardini. Spieghiamo rapidamente cosa sono: essi sono costituiti da un numero vario di pietre irregolari sovrapposte tra di loro ed...
Ristrutturazione

Come costruire un muro di contenimento

I muri di contenimento vengono costruiti per evitare che il suolo venga danneggiato a causa dell'erosione o lo spostamento lungo il pendio, e una volta costruito, può anche essere usato come una bella decorazione che arricchirà il vostro giardino. A...
Esterni

Come posare un prato sintetico in terrazzo

Quando si ha la fortuna di aver un terrazzo abbastanza grande, è difficile arredarlo e gestirlo come si deve. Un'ottima idea, può essere però quella di installare un prato sintetico all'interno del terrazzo. In questo modo potrete avere sempre un'area...
Esterni

Come evitare la crescita dell'erba sui vialetti di ghiaino

Chi possiede un possiede un giardino, anche piccolo, sa bene quanto sia fondamentale dargli le giuste attenzioni affinché esso non venga sovrastato da un eccessiva crescita delle piante, che ne minerebbero inevitabilmente l'estetica. A tal proposito...
Esterni

Come lastricare un cortile

Andare a lastricare il proprio cortile, produce ottimi vantaggi. Nel mercato è presente una svariata gamma di materiali differenti per andare a realizzare pavimentazioni di diverso tipo. Prima di andare a lastricare il cortile, bisogna verificare che...
Ristrutturazione

Come realizzare una fondazione di calcestruzzo

Come ben sappiamo, la fondazione è la struttura di base di una costruzione, grande o piccola che sia. Essa ha la principale funzione di trasmettere al suolo il carico totale di un edificio, di un oggetto o di un manufatto e le altre forze di cui esso...
Ristrutturazione

Come finire un muro di sostegno con travi di legno

In questo tutorial vengono date delle indicazioni su come finire un muro di sostegno con travi di legno. Il lavoro da eseguire non è difficile, ma nemmeno da sottovalutare. Infatti, bisogna effettuare ogni passaggio senza tralasciare alcun dettaglio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.