Come riutilizzare i semi delle mele cotogne

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La mela cotogna è uno dei frutti che contiene più vitamine, minerali, oligo-elementi e altre sostanze molto utili per il benessere del nostro corpo. Sono numerose le ricette che includono tra gli ingredienti questo frutto che, oltre ad essere molto gustoso, ha delle proprietà importanti. Le mele cotogne, più frequentemente, vengono consumate o semplicemente cotte oppure per realizzare la marmellata, comunemente detta cotognata. Spesso però capita di preparare ricette che non prevedono l'uso dei semi ed allora, come riutilizzare i semi delle mele cotogne cosi da ricavare dei prodotti nuovi che altrimenti finirebbero tra i rifiuti?. I semi, così come il frutto dal quale derivano, se lavorati in maniera appropriata ci offrono svariati elementi.

27

Occorrente

  • semi di mela cotogna
37

Impiegare i semi di mela cotogna in diversi settori

Innanzi tutto, è necessario puntualizzare le caratteristiche e le proprietà di questi semi; essi sono ricchi di pectina, un importantissimo addensante che viene utilizzato in molti settori: in campo farmaceutico, culinario, nell'industria cosmetica o per realizzare l'appretto per le stoffe. Ma, oltre alla pectina, questi chicchi contengono mucillagine, una glicoproteina contenuta anche in molti altri semi in grado di aiutare le piante a trattenere l'acqua per evitare l'essiccamento.

47

Piantare i semi oppure creare un gel

Probabilmente il primo procedimento che ci viene in mente per utilizzare i semi della mela cotogna è quello di piantarli. Per fare ciò bisogna avere dei piccoli accorgimenti: anzitutto è consigliabile aspettare la primavera per svolgere questa operazione in quanto hanno bisogno di luce naturale e di una temperatura mite. Un altro modo per utilizzare i semi di cotogna è quello di realizzare un gel per i capelli e si può creare in due modi: l primo consiste nell'inserire un cucchiaio di semi (circa otto g) in un bicchiere di acqua distillata fredda, aspettare 20 minuti e si otterranno 40 g di gel molto denso.

Continua la lettura
57

Realizzare una crema antirughe

Il secondo metodo invece consiste nell'inserire un cucchiaio di semi in un quarto di litro di acqua fredda, riscaldare il tutto a fuoco molto basso finché non giunge ad ebollizione e lasciarli cuocere per un quarto d'ora. Alla comparsa di grosse bolle, bisogna spegnere il fuoco quindi filtrare il composto con un colino. Usando con costanza questo gel, il cuoio capelluto apparirà più sano e meno infiammato. Ma oltre al gel si può realizzare anche una crema antirughe: basterà frullare i semi di mela cotogna poi mischiarli con acqua fino ad ottenere un impasto omogeneo. Quindi lasciare riposare il tutto per un quarto d'ora e applicarlo sul viso.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitiamo di interrare i semi in inverno in quanto potrebbero anche germogliare se vengono tenuti in un ambiente chiuso e con la luce artificiale ma rischierebbero di appassire appena vengono messi all'aperto
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Guida agli utensili indispensabili per intagliare la frutta

La creatività è vasta e non possiede limiti: viaggia dal mondo del fai da te a quello della cucina! Preparare un pranzo o una merenda estiva con la frutta può trasformarsi in un'occasione fantasiosa e divertente grazie ad alcuni utensili, apparentemente...
Economia Domestica

Tecniche di conservazione domestica

Per avere ortaggi, verdura e frutta a disposizione anche oltre il loro periodo di maturazione, possiamo ricorrere ad alcune tecniche di conservazione domestica. Conservare correttamente gli alimenti vuol dire anche mangiare sano: durante il procedimento...
Pulizia della Casa

Come attenuare l'odore di fritto in cucina

Quante volte dopo aver cucinato ci si trova con una fastidiosa puzza in cucina! Un'ottima frittura di pesce vale il prezzo di una casa invasa da un incredibile odore che non vuole proprio andare via? È possibile comunque coniugare il buon cibo con un...
Economia Domestica

5 rimedi naturali per cucinare senza odori

Cucinare può essere a volte uno dei lavori domestici più complicato e stancante e lo diventa ancora di più se quando si rientra stanchi dal lavoro si deve cominciare a preparare il pranzo o la cena. Tutto questo è contornato dal dopo-pranzo in cui...
Pulizia della Casa

Come difendersi dai topi

I topi, insieme agli scoiattoli, ai procioni e ai pipistrelli, sono tra i più comuni parassiti di grandi dimensioni che invadono le nostre case (soprattutto durante i mesi autunnali ed invernali). Questi roditori in realtà non arrecano principalmente...
Economia Domestica

Come conservare le mele

Uno dei momenti più caratteristici dell'autunno è rappresentato dalla raccolta di frutta ed è la tipica stagione in cui abbondano le succose mele, ottime per la salute, croccanti e deliziose per il palato. Si tratta di un frutto presente ogni giorno...
Economia Domestica

Come fare lo strutto in casa

Lo strutto è un prodotto ottenuto dal grasso del maiale ed è un valido ingrediente usato per la panificazione, la frittura e per arricchire molte ricette sia dolci che salate. È di colore bianco e non emana nessun odore in particolare. È possibile...
Economia Domestica

Come conservare i biscotti

I biscotti sono degli alimenti preparati in una vasta gamma di sapori e di stili, con l'impiego di vari ingredienti tra cui zucchero, spezie, cioccolato, noci o frutta secca. La morbidezza del biscotto dipende soprattutto dal grado di cottura. La prima...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.