Come Riutilizzare I Collant Rotti In Casa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

I collant sono elementi indispensabili nell'abbigliamento di una donna, ma per quanto possano essere belli ed eleganti, il loro grande difetto è quello di rompersi facilmente. Nonostante però non possano essere più utilizzati come abbigliamento, è possibile invece impiegarli per altri differenti scopi. Vediamo allora di seguito come riutilizzare i collant rotti in casa.

25

Occorrente

  • collant rotti
35

Cominciamo con la prima idea di riutilizzo che vede i nostro collant rotti impiegati in una battaglia contro le ragnatele. Per questo compito sono ottimi alleati, grazie proprio alla loro conformazione sono in grado di togliere le ragnatele, anche quelle più piccole. Prendiamo la scopa che utilizziamo per il pavimento, inseriamo una gamba del collant poi successivamente anche l'altra direttamente sulle setole. Il nuovo togliragnatele è pronto per essere utilizzato.

45

Se il numero dei collant rotti in nostro possesso è elevato, possiamo provvedere a realizzare un gomitolo, attorcigliando tutti gli elementi uno per uno. Quando il gomitolo è pronto, prendiamo un uncinetto abbastanza grosso e piano piano cominciamo ad intrecciare la trama per un tappeto. Una volta terminata la lavorazione sistemiamo il nostro nuovo tappeto in bagno, in cucina, oppure i un angolo della casa a nostra scelta. Questa tipologia di tappeto, oltre ad essere facile da confezionare, è facile da mantenere pulito in quanto può essere messo in lavatrice tutte le volte che si presenta la necessità.

Continua la lettura
55

Continuando con le idee di riutilizzo, ecco la prossima. Con un collant rotto è possibile creare il giusto sostegno per una pianta di grandi dimensioni. I suoi tessuti molto morbidi ed elastici una volta posizionati attorno al fusto della pianta lo sostengono ma non lo rovinano come invece può succedere con altre tipologie di filo. Se i collant a nostra disposizione sono di diversi colori, è possibile realizzare invece una fascia per i nostri capelli davvero originale. Prendiamo i collant, tagliamo loro le gambe, intrecciamole fra loro formando una sorta di treccia colorata. Con un grosso ago, procediamo poi ad unire le parti finali. In pochi e facili passi la fascia è pronta. Ma le idee di riutilizzano continuano e questa volta andiamo a realizzare un sacchetto per lavare in lavatrice la biancheria delicata. Prendiamo il collant, riponiamo al suo interno la biancheria da lavare e molto tranquillamente riponiamo il tutto all'interno della lavatrice. Al termine del lavaggio possiamo notare come nulla si è rovinato anche nel caso in cui si tratti di biancheria molto delicata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come mantenere ordinato e profumato l'armadio

A quante sarà capitato di sognare una stanza dedicata al proprio guardaroba, dove custodire in maniera ordinata tutti i propri vestiti ed accessori? Sicuramente a tutte, ma la realtà è ben diversa dalla fantasia. Ci si ritrova infatti, a possedere...
Pulizia della Casa

Calcare in bagno: trucchi per prevenirlo

Il bagno, è un luogo in cui si deve star bene, ci si deve rilassare facendo una doccia e deve dunque essere sempre ben pulito e ordinato. Uno dei nemici principali non solo dei sanitari ma soprattutto dei rubinetti del bagno, è il calcare. L'acqua calcarea,...
Economia Domestica

10 soluzioni per fare ordine nei cassetti

Chissà perché i cassetti finiscono sempre per essere in disordine. Probabilmente ciò è dovuto al fatto che quando cerchiamo qualcosa rovistiamo e poi non ci occupiamo di rimettere tutto nello stesso ordine, finisce così che dopo un certo tempo, dipende...
Economia Domestica

6 modi per riutilizzare i vasi rotti

Per decorare giardini, terrazze e balconi generalmente si pensa a grandi e bei contenitori. Purtroppo pochi sono a conoscenza del fatto che si possono riutilizzare in maniera unica ed originale anche i vasi rotti per decorare e non solo, risparmiando...
Arredamento

Come utilizzare oggetti rotti

A tutti capita di avere degli oggetti rotti in casa. La cosa migliore da fare, a seconda degli oggetti in questione, è quella di non buttarli, bensì di riciclarli, magari in modo creativo, dando così vita a oggetti differenti, che possano essere riutilizzati....
Ristrutturazione

Come sostituire dei vetri rotti

A molti di voi sarà sicuramente successo di dover sostituire dei vetri rotti, infatti a volte alcune finestre delle proprie case sono composte da lastre piuttosto sottili e quindi abbastanza delicate: purtroppo possono rompersi facilmente anche con un...
Economia Domestica

10 consigli su come sistemare il guardaroba

Un armadio ben organizzato ti consente, non solo di trovare immediatamente quel capo che stai cercando, ma anche di avere biancheria e vestiario in perfetto ordine. Vediamo allora come sistemare il guardaroba e ti basterà seguire questi 10 semplici consigli,...
Arredamento

Come organizzare un armadio piccolo

A volte capita di aprire il proprio armadio ed accorgersi che non c'è spazio per altri vestiti. Generalmente questo succede quando si dispone di un armadio piccolo; prima di acquistarne uno più grande si può cercare di creare al suo interno uno spazio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.