Come rimuovere le macchie di ceretta dai vestiti

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La ceretta penetra sui tessuti lasciando non solo degli aloni ma, molto spesso capita che anche parte di essa resti attaccata ai vestiti. A molte donne durante la depilazione fatta in casa, può capitare di far cadere qualche goccia di ceretta sui vestiti. Eliminare definitivamente una macchia di ceretta da un tessuto, è apparentemente un lavoro difficile e di scarso successo a causa della composizione chimica della ceretta, che ne rende difficoltosa la rimozione. Esistono tuttavia diversi rimedi efficaci, (sempre tenendo conto della tipologia e della delicatezza del tessuto macchiato) su come rimuovere in modo semplice, le macchie di ceretta. Vediamoli insieme.

25

La prima cosa da fare, è quella di procurasi un semplicissimo ferro da stiro e della carta assorbente (o carta di giornale). Passando lentamente il ferro caldo, la ceretta si attaccherà totalmente e verrà assorbita dal tovagliolo. Questo metodo, è altamente sconsigliato per i tessuti delicati poiché il calore del ferro potrebbe danneggiarli, potrà però essere utilizzato per rimuovere le macchie di ceretta da vestiti/tessuti di pile, cotone, lino, velluto e così via.

35

Con l'aiuto di un'amica, si potrà inoltre tentare di rimuovere la cera con l'aiuto di un coltello, tirando la stoffa e tenendola ben tesa da entrambi i lati. È consigliato versare una quantità limitata di acqua ossigenata sulla macchia (12 volumi), per poi strofinare energicamente (fino a notare lo staccamento della ceretta). Attraverso pochi ed efficaci rimedi semplici da seguire, potrete riuscire a rimuovere ogni traccia di cera dal vostro capo preferito. Cercate di essere tempestive a togliere ogni traccia, far passare troppo tempo potrebbe comunque rovinare il tessuto.

Continua la lettura
45

Per gli indumenti non delicati, si potrà procedere direttamente a un ammollo in acqua piuttosto bollente per sciogliere direttamente la cera attraverso il calore. Non provate mai questi rimedi con cachemire, seta, e tessuti pregiati poiché potreste solo aumentare il danno ampliando la macchia e rovinando definitivamente il tessuto.

55

Sicuramente un rimedio adatto ai capi non delicati, è costituito dall'impiego di alcool etilico e di un comune spazzolino da denti. Quest'ultimo, dovrà essere strofinato energicamente sulla macchia, (dopo aver versato una piccola quantità d'alcool), fino a rimuovere completamente i residui di cera, ormai polverizzati grazie allo spazzolino. Al termine, sarà sufficiente provvedere a un lavaggio accurato dell'indumento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

5 consigli per mantenere pulito lo spazzolino

Alcuni di noi, forse la maggior parte, facciamo dei gesti meccanicamente pensando di fare la cosa giusta ma con i dovuti accorgimenti possiamo affermare l'esatto contrario. Quotidianamente ci occupiamo della cura personale e della propria casa, e quindi...
Pulizia della Casa

Come Disinfettare Lo Spazzolino Da Denti

Curare i denti e soprattutto lavarli tutti giorni, è importante per tenerli sempre sani e senza correre il rischio di contrarre le carie. Tuttavia è altrettanto fondamentale disinfettare lo spazzolino, poiché tra le setole si possono annidare numerosi...
Pulizia della Casa

Come Pulire Lo Spazzolino Da Denti

L'igiene della nostra persona è molto importante. Bisogna a tal proposito utilizzare delle metodiche per cercare di ottenere dei risultati migliori, proprio in questo ambito. Per cui non bisogna mai sottovalutare operazioni quotidiani, come il semplicissimi...
Pulizia della Casa

5 modi (creativi) per riutilizzare gli spazzolini usati

Gli spazzolini da denti sono degli strumenti importantissimi per l'igiene orale oltre al dentifricio e ai vari collutori. Ecco perché hanno bisogno di essere continuamente sostituiti. Fra tutti gli spazzolini in commercio ci sono quelli che hanno le...
Pulizia della Casa

Come pulire l'interno di un tostapane

Il tostapane è un piccolo elettrodomestico in grado di tostare il pane in maniera davvero perfetta. Tutti voi avranno utilizzato il tostapane per fare dei toast al formaggio o al prosciutto o per creare delle bruschette davvero croccanti. Quando si cuoce...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame con il dentifricio

Il dentifricio, è una pasta creata per la pulizia e lo sbiancamento dei denti. In commercio esistono varie tipologie di dentifrici ma, molti non li usano semplicemente per lavarsi i denti, ma li dirottano per altri usi come per esempio pulire scarpe...
Pulizia della Casa

Come pulire lo scolapiatti ad incasso

Gli scolapiatti ad incasso senza dubbio conferiscono un design elegante e un aspetto contemporaneo alla cucina. Ancora più importante è la loro funzionalità che sta nel fatto di avere una superficie liscia, molto più facile da pulire rispetto agli...
Pulizia della Casa

Come rimuovere macchie di grasso dai vestiti

Non hai utilizzato il grembiule quando ti sei proposta per friggere i calamari a casa della tua migliore amica? Naturalmente tutto ciò può aver provocato, sul tuo vestito preferito, delle enormi macchie di grasso molto ostinate da rimuovere. Indipendentemente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.