Come Rimuovere Le Bruciature Dalle Pentole Senza Danni

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Cucinare è bello. Mangiare lo è ancora di più. Ma dopo ci sono i piatti e, soprattutto, le pentole da lavare. Spesso è difficile rimuovere le tracce di cibo bruciacchiato o incrostato dal fondo delle vostre pentole. Nulla può l'olio di gomito. Ecco perché vi suggeriamo qualche piccolo trucchetto per far tornare a brillare il vostro pentolame, seguite i passaggi seguenti per scoprire come rimuovere le bruciature dalle pentole senza danni.

25

Occorrente

  • Bicarbonato
  • Spugnetta
  • Fornello
35

Tutto il procedimento che vi andremo a descrivere si basa su un "trucchetto" di cui si servivano le nostre nonne. Iniziate il lavoro versando dell'acqua all'interno della pentola incriminata. Aggiungete del bicarbonato in polvere. Posizionate la pentola così riempita su di un fornello ed accendetelo. Lasciate che l'acqua raggiunga l'ebollizione. Dopodiché spegnete il fornello e lasciate raffreddare la pentola.

45

Una volta che l'acqua ha raggiunto una temperatura tiepida, utilizzate una spugnetta per rimuovere le bruciature e gli eventuali residui di cibo come fate normalmente. Queste ultime si staccheranno velocemente e la pentola potrà essere usata di nuovo per i vostri manicaretti. Potete lasciare l'acqua nella pentola per più o meno tempo a seconda della gravità del "danno". Dopo questa fase, vi suggeriamo di lavare le pentole come al solito, con acqua e detersivo. L'unico punto da tenere ben presente è quello di non lavare le pentole quando l'acqua è ancora bollette o la pentola ancora molto calda, perché oltre a rischiare di scottarvi, potreste danneggiare in maniera irreversibile il materiale della pentola.

Continua la lettura
55

Se desiderate anche che le vostre stoviglie tornino a brillare come nuove, dopo il bicarbonato potete ripetere l'operazione con dell'aceto bianco tradizionale. Lasciate bollire e raffreddare per almeno una notte. Al mattino strofinate la pentola con un panno morbido e vedrete la luce! La vostra pentola sarà brillante tanto da potersi specchiare, come ultimo consiglio, se possedete delle posate alle quali volete ridare splendore, potrete far bollire anche queste ultime nella pentola, otterrete il medesimo risultato, fate però attenzione, le posate dovranno essere completamente di metallo, non è consigliabile far bollire quelle col manico in plastica o legno. Anche in questo caso, ricordate di concludere il lavaggio utilizzando detersivo ed acqua. Come avete potuto leggere nella presente guida, il procedimento da seguire è molto semplice e vi consentirà di recuperare la maggior parte delle pentole che avevate reputato "senza speranza".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come scegliere le pentole per l'induzione

Con lo sviluppo della tecnologia, ogni giorno si introducono in tutti i campi, sistemi sempre più innovativi e prestanti. Anche nel campo della cucina vengono sviluppati nuovi sistemi sempre più tecnologici come il caso del fornello ad induzione. Questo...
Pulizia della Casa

Come far brillare le posate

Se vi siete dimenticate di mettere in ammollo le stoviglie della cena e ora vi sembrano molto più ostinate da pulire, oppure semplicemente desiderare far brillare di nuovo le posate in acciaio, sappiate che, seguendo con attenzione i passaggi successivi...
Pulizia della Casa

Come pulire le pentole in ceramica

Le pentole e le padelle in ceramica sono ormai sempre più diffuse in cucina, dovuto al fatto che il loro rivestimento interno non fa attaccare i cibi e, soprattutto la ceramica è un buon conduttore di calore e, fa sì che il calore si propaghi in maniera...
Pulizia della Casa

Come lavare una pentola in rame bruciata

In realtà, oggi le pentole in rame vengono poco usate. In genere queste pentole si trovano come ornamenti nei locali dallo stile rustico o nelle cucine che vogliono dare un tocco personale all'ambiente. Qualcuno però, utilizza ancora queste pentole...
Economia Domestica

Come pulire una pentola bruciata

La pentola, che sia essa in acciaio inox o realizzata in materiale antiaderente, è soggetta, durante la cottura dei cibi, a bruciature e adesioni del cibo stesso sul fondo. Talvolta potrebbe capitare di dimenticare la pentola sul fuoco, causando la bruciatura...
Economia Domestica

Come usare le pentole di coccio

Le pentole di coccio fanno parte della nostra tradizione culinaria, per anni sostituite dalle pentole in acciaio inox. Ultimamente capita di vedere le pentole di coccio in cucina, non esposte, ma sui fornelli accesi. Diverse sono le motivazioni che giustificano...
Pulizia della Casa

Come pulire le pentole antiaderenti

In cucina si utilizzano molteplici accessori per cucinare. Gli accessori più utilizzati oltre che piatti, bicchieri e posate, sono le pentole. Questo perché è l'accessorio che serve per cucinare le pietanze. Quando dobbiamo pulire le pentole antiaderenti,...
Pulizia della Casa

Come lavare le pentole di ghisa

La pulizia delle pentole di ghisa è molto semplice e facile da eseguire. E’ importante lavare le padelle con la massima cura e la massima attenzione, in quanto la ghisa, è un metallo che se non viene pulito correttamente, tende ad arrugginirsi. In...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.