Come riconoscere un mobile antico in stile neoclassico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per riconoscere lo stile di un mobile sono necessarie alcune conoscenze di base, soprattutto per quello neoclassico antico. Come ogni movimento culturale, anche lo stile neoclassico si contraddistingue dagli altri per caratteristiche chiare ed evidenti. Nella guida che segue, verranno descritte alcune delle caratteristiche fondamentali dello stile neoclassico, così da essere in grado di riconoscere se un mobile antico appartiene o meno a questa categoria. Nel caso di acquisti di costo significativo, conviene comunque consultare un esperto anche se, con questa guida, si potranno muovere i primi passi ed evitare i falsi conclamati.

26

Occorrente

  • Spirito di osservazione
36

Creare un movimento in contrapposizione allo stile barocco

Il neoclassicismo è una corrente che si sviluppa intorno alla metà del '700 per concludersi agli inizi dell'800. Nasce in contrapposizione allo stile barocco, per opporsi alla sua tendenza estrosa, pomposa, irregolare e fantasiosa, ritornando indietro verso uno stile passato, ovvero quello classico. Il neoclassicismo è costituito dall'idea di ritornare alla semplicità, alla regolarità ed alla compostezza, tutte caratteristiche che sono espressione di una volontà a ritornare alla razionalità ed all'utilizzo di regole rigide. Tutto questo è sinonimo anche di ordine e sono proprio queste particolarità che dominano tutto lo scenario artistico dell'epoca neoclassica antica.

46

Osservare la forma del mobile

In base a quanto precedentemente, un tipico mobile neoclassico presenta una forma davvero semplice e regolare e, sempre in quel periodo, si diffonde la tendenza ad inserire nei mobili un gran numero di cassetti. Il legno che veniva utilizzato per la realizzazione dei mobili proveniva da ambienti esotici e veniva utilizzato in diverse colorazioni e sfumature, in maniera tale da creare dei veri e propri mosaici. Alla tecnica dell'intaglio, tipica del periodo precedente, si contrappone l'abitudine di realizzare dei dipinti sul mobile, raffiguranti scene mitologiche, fiori e rosoni ed utilizzando colori sgargianti come il bronzo e l'oro.

Continua la lettura
56

Individuare il materiale di costruzione

Un mobile neoclassico può presentare anche una struttura in legno e marmo bianco, caratteristica molto apprezzata (ma anche rara) che dona ai mobili di questo tipo un elevato valore economico. Un altro elemento che contraddistingue un mobile neoclassico sono i piedi dello stesso, molto sottili e con una base quadrata. Molto spesso, i piedi del mobile sono realizzati come delle colonne greco romane. Inoltre, a seconda del tipo di mobile, i piedi possono essere abbastanza lunghi oppure molto corti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

10 consigli per arredare casa in stile dandy

Viviamo la vita come fosse un'opera d'arte! Questo deve essere il nostro motto se vogliamo abbracciare la filosofia dandy, e la nostra casa non deve fare eccezione. Dobbiamo darle un'eleganza e un'eccentricità del tutto unica. Deve diventare un inno...
Arredamento

Come arredare una casa con mobili d'epoca

Ci sono moltissimi modi diversi per arredare una casa, dai moderni design che prediligono materiali come l'acciaio, fino ai mobili d'epoca, realizzati in legno massello, dall'aspetto robusto e maestoso. I mobili d'epoca però non devono necessariamente...
Arredamento

Come Riconoscere I Mobili Antichi Neoclassici

Lo stile neoclassico nacque tra il 1770 e il 1800, dopo gli scavi di Ercolano e Pompei. Le influenze maggiori furono quelle francesi, prima lo stile Luigi XVI e successivamente lo stile Impero. I centri di maggiore sviluppo si concentrarono in Piemonte...
Arredamento

5 decorazioni in stile impero

Lo stile impero è una tendenza architettonica e di arredamento che si è andata via via affermando come una delle soluzione decorative più apprezzate in quest'ultimo decennio. In essa rivivono elementi artistici del passato ed antiche suggestioni neoclassiche....
Arredamento

Come arredare in stile georgiano

Lo stile georgiano caratterizzò Londra nel periodo che va dal 1720 al 1840, per poi diffondersi anche nel resto d'Europa. Sinonimo di equilibrio e proporzione, riecheggia nel nome il ricordo dei propri sovrani (da Giorgio I a Giorgio IV). In questa guida...
Arredamento

Come arredare l'ingresso di casa in modo funzionale

Abbastanza spesso, all'interno delle case moderne manca lo spazio e il primo ambiente che viene soppresso è la classica "entrata", incorporata frequentemente nella stanza principale che funge da salone. Nonostante questo, sarà abbastanza interessante...
Arredamento

Come arredare la casa in stile Hollywood

Caratterizzato dallo sfarzo, dal glamour e dall'alta moda, Hollywood è da sempre conosciuto come un luogo dove i sogni prendono vita attraverso la lente di una cinepresa, e gli attori più famosi vivono in maniera più che agiata. Da Marilyn Monroe a...
Arredamento

Come arredare casa in stile direttorio

Arredare la propria abitazione non è mai un impresa molto semplice ed è proprio per questo motivo che la maggior parte delle volte preferiamo richiedere l'intervento di esperti architetti o interior design, che in base ai nostri gusti sapranno trovare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.