Come riconoscere un mobile antico in stile Luigi XVI

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Esistono diversi stili di mobili che hanno caratterizzato la storia. Per riconoscere un oggetto d'antiquariato e acquistare conseguentemente i complementi di arredo di proprio gusto, è necessario sicuramente seguire alcune piccole e utili indicazioni che vi consentiranno certamente di individuare con molta facilità un mobile antico di un determinato stile. Nella guida che segue, a tal proposito, vi sarà spiegato molto chiaramente come riconoscere un mobile antico in stile Luigi XVI.

26

Occorrente

  • Buon gusto
  • Spirito d'osservazione
36

Individuate il tipo di legno

Innanzitutto è necessario sottolineare che lo stile Luigi XVI si presenta in un periodo storico in cui la moda desiderata a tutti i costi avviare un rinnovamento del suo stile in modo conforme a quello di famosi ebanisti come Adam Weisweiler. Proprio quest'ultimo seguiva modelli francesi ed utilizzava materiali peculiari, impiegando i tipici colori bronzo e dorato. Il legno generalmente usato per la creazione dei modelli di stile Luigi XVI sono soprattutto il noce, il frassino e il rovere. Per rivestire sedie e poltrone invece, vengono generalmente utilizzati tessuti molto raffinati, come ad esempio la seta.

46

Verificate gli ornamenti presenti

Anche i marmi, utilizzati anche per la realizzazione di peculiari tavoli tondeggianti, sono solitamente costituiti da un colore piuttosto chiaro. Lo stesso discorso può essere applicato alle decorazioni e agli ornamenti, che nello stile Luigi XVI appaiono generalmente floreali, accompagnati da festoni e ghirlande che completano disegni variamente realizzati. I toni che predominano sui mobili sono costituiti dal colore bronzo e dorato, che indubbiamente conferiscono alla casa un effetto molto chic ed elegante. Ornamenti di questo genere, appaiono nella quasi totalità dei mobili appartenenti a questo stile, e che dunque contraddistinguono quest'ultimo da diversi stili maggiormente sobri.

Continua la lettura
56

Osservate la loro forma

Per quanto concerne la forma dei mobili, vengono impiegate sinuosità più geometriche e decisamente poco curve, con gambe particolarmente sottili. Anche le sedie e i letti realizzati in questo stile prendono una forma più geometrica e meno morbida. Allo stesso tempo, comunque, acquistano un eleganza particolare grazie al vivo colore dorato e bronzo, di cui sono prevalentemente costituite le sue fibre e le sua struttura. Gli schienali delle sedie risultano essere caratterizzati proprio da una forma sia rettangolare e quadrata e da una curvata decisamente maggiore e piuttosto avvolgente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come Riconoscere E Ambientare I Mobili In Stile Luigi Xv

Il regno di Luigi XV è ben diverso del precedente, meno maestoso, meno cortigiano e formale, reinventa Versailles, dove per anni, sotto la reggenza la corte non aveva più vissuto. Questo con il periodo del trionfo rococò, il classicismo dalle linee...
Ristrutturazione

Come Migliorare Le Condizioni Di Un Vecchio Fregio In Stile Luigi Filippo

Qualsiasi oggetto antico è sempre prezioso. Anche se le sue condizioni non sono tra le migliori, tutto questo non va ad inficiare il suo valore. Infatti il valore di un vecchio oggetto, antico oppure vintage, può essere anche abbastanza elevato. Possiamo...
Arredamento

Come Ambientare Dei Mobili Stile Luigi Quattordici

Lo stile Luigi XIV è nato in Francia sotto il regno dell'omonimo re, come espressione della vita sfarzosa che si conduceva a corte. I legni più usati sono l'ebano, la quercia, il noce e il pero, spesso dorato. Questo stile si caratterizza per le sue...
Arredamento

Come Ambientare Poltrone E Divani In Stile Luigi Xvi

Stile, parola che definisce la scelta di elementi che messi assieme danno forma ed eleganza a un arredamento. In questa piccola guida vedremo come ambientare poltrone e divani in stile Luigi XVI, forma che si è sempre contraddistinta per le linee diritte...
Arredamento

Come Abbinare La Poltrona In Stile Alla Lampada

Dal momento che per molti di noi l'arredamento è una cosa davvero importante, abbiamo pensato di proporre questa guida, semplice e veloce, in cui spiegheremo come abbinare correttamente lo stile della poltrona con la lampada da tavolo, in modo da armonizzarli...
Arredamento

Come Riconoscere Mobili In Stile Barocchetto O Rococò

Il rococò è uno stilo di ornamento che è nato e si è sviluppato principalmente nella Francia della prima metà del diciottesimo secolo. È da molti considerato un'evoluzione del cosiddetto tardo-barocco. Il Rococò si distingue da altri stili per...
Arredamento

Come riconoscere una falsificazione del mobile antico cabinet

Il mondo dell'antiquariato è avvolto dal fascino che pervade i tempi perduti. Un viaggio capace di portarci indietro nel tempo, quasi a toccare con mano i fasti di epoche ormai sepolte sotto la polvere degli anni. Eppure è molto facile cadere prede...
Arredamento

Come arredare la casa in stile neoclassico

Lo stile classico, nell'ambito dell'arredamento, è tipico del periodo greco-romano ed è caratterizzato dalla semplicità delle linee. Dopo il Rinascimento, il classicismo si trasformò nelle forme essenziali, abbandonando le ridondanze degli stili barocco...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.