Come Restaurare Una Cornice Di Fine Ottocento

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Se c'è stato regalato un quadro antico, probabilmente la cornice non sarà in buone condizioni. Col tempo naturalmente qualsiasi cosa si deteriora e perde l'originalità iniziale. Pertanto avrà bisogno di essere restaurata per tornare al suo antico splendore. L'operazione di restauro sarà piuttosto delicata e, deve essere eseguita con particolare cura usando i materiali appropriati. Se abbiamo una certa manualità per questi tipi di lavori potremo cimentarci in questa nuova esperienza, magari seguendo attentamente gli utili suggerimenti contenuti in questa guida su come restaurare una cornice di fine ottocento.

27

Occorrente

  • acetone
  • gesso scagliola
  • acqua
  • carta vetrata sottile
  • plastilina
  • colla di coniglio
  • colla vinilica
  • pennelli
  • bolo nero o acrilico nero
  • missione
  • argento in foglia
  • trancino
  • bisturi
  • mecca
37

Prima di iniziare innanzitutto sarà necessario procurarci tutto l'occorrente che, sarà facilmente reperibile in un negozio di belle arti. Quindi iniziamo il lavoro, la prima e fondamentale operazione che dovremo eseguire, sarà quella di pulire la cornice. Utilizziamo dell'acetone in modo da rimuovere qualsiasi traccia e residuo di sporco e, se necessario, eliminiamo, se ci sono stati, i precedenti restauri. In questo modo risulteranno in evidenza le eventuali spaccature o piccole lesioni della cornice. Quindi, con della plastilina, facciamo il calco delle parti di decorazione mancanti.

47

Intanto, sciogliamo la scagliola o il gesso in poca acqua fino ad ottenere una pastella morbida, quindi coliamola nel calco con l'aiuto di una spatola, e lasciamo consolidare. Una volta asciugato, passiamo a staccare il calco in gesso dalla plastilina. Poi, con l'aiuto di un trancino, eliminiamo accuratamente le parti in eccedenza. Ora rifiniamo aiutandoci, con un bisturi, e levighiamo con carta vetrata a grana sottile.

Continua la lettura
57

Una volta che avremo eseguito anche questa fase di restauro, dovremo fare aderire il calco nelle sacche con l'aiuto di un po' di colla vinilica. Tuttavia, passiamo a stuccare con un po' di gesso le eventuali fessure che si evidenziano. Ora coliamo con il bolo o con l'acrilico nero la parte che avremo ricostruito poi, con un pennello morbido stendiamo la colla di coniglio sul bolo nero.

67

Quando avremo eseguito esattamente questa operazione, dovremo attendere qualche minuto, dopo di che applicheremo la foglia d'argento e, lasciamo quindi asciugare. Una volta asciutto, con un pennello spazzoliamo via l'argento in eccesso e stendiamo un velo di mecca che, servirà a far sparire la congiunzione tra la vecchia e la nuova argentatura. Infine dovremo patinare l'argento dorato con una velatura di colore acrilico nero per uniformare all'originale i pezzi rifatti.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fai asciugare bene la cornice prima di esporla.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come restaurare un tavolino da giardino

Se nel nostro giardino abbiamo un tavolino che risulta visibilmente danneggiato a causa dell'esposizione costante alle intemperie, e che non intendiamo però sostituire per un fattore legato al design impostato, allora possiamo intervenire con delle...
Ristrutturazione

Come restaurare una sedia del 700

Il restauro è un'attività che riesce a valorizzare dei beni antichi rendendoli nuovamente utilizzabili e non esclusivamente limitandoli a meri oggetti da collezione. Nella guida che svilupperemo, ci concentreremo nella restaurazione delle sedie e, nello...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Esterni

Come restaurare un camino antico

I camini in un casa forniscono luce, calore e punti focali nelle camere in cui si trovano. Tuttavia, nel corso del tempo le finiture e le decorazioni originali, specie se si tratta di strutture antiche tendono a sfaldarsi, per cui è necessario intervenire...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare con la gommalacca

Il restauro di un tavolo o di un mobile antico è un'operazione abbastanza delicata. Per poter ottenere dei risultati soddisfacenti da un restauro bisogna avere molta pazienza e seguire dettagliatamente le indicazioni utili per non intaccare il materiale...
Ristrutturazione

Come restaurare una madia

Nella guida che seguirà ci occuperemo di mobili e, più specificatamente, di restaurazione di mobili antichi, in quanto andremo a spiegarvi Come restaurare un madia.Molti di voi non conosceranno la madia, ma essa è semplicemente un mobile antico, che...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile antico

Molto spesso pensiamo che far restaurare quel mobile antico ereditato dai nonni, o comprato al mercatino delle pulci, ci possa costare davvero troppo e ci chiediamo se ne valga proprio la pena. Ma in realtà bisogna sapere che aspettare, facendo passare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.