Come restaurare un scala antica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I progetti di recupero e restauro di edifici antichi si trovano spesso a dover fare i conti con problematiche riguardanti le scale. Queste particolari parti di un'abitazione, infatti, sono sottoposte a specifici vincoli architettonici e normativi. In questa guida vogliamo illustrarvi come restaurare nel migliore dei modi una scala antica, senza intaccare l'ossatura dell'ambiente che la ospita.

25

Occorrente

  • Scala antica, profilato d'acciaio, tiranti a muro.
35

Verificare il solaio

Come detto, le problematiche inerenti alle scale sono numerose. Una di queste potrebbe derivare dal fatto che il solaio sia stato rifatto e che, a causa del passaggio di impianti sotto il massetto, la quota sia cambiata. Anche se di pochi centimetri, questo influisce sulla dimensione dei gradini. Infatti, essendo da escludere la sola modifica dell’ultimo, sarà necessario modificare l’alzata di tutti i gradini della rampa. Ma questa soluzione è da escludere quando si è in presenza di scale monumentali, dove è preferibile di gran lunga mantenere le proporzioni originali del solaio, evitando variazioni di quota dei pavimenti.

45

Consolidare le scale

Ci si trova alle volte a dover affrontare questioni riguardanti il consolidamento delle scale antiche. Come sappiamo esistono varie tipologie di scale ma quelle più interessanti dal punto di vista strutturale sono quelle “alla romana”. Essa è composta da un pianerottolo poggiante su una volta a botte mentre le rampe sono sostenute da una semivolta a botte. Anche se la conformazione di questo tipo di scala può risultare paradossale dal punto di vista del meccanismo strutturale, dati sperimentali ne hanno garantito solidità nel tempo e affidabilità.

Continua la lettura
55

Inserire un profilato d'acciaio

Ma nel caso in cui dovessimo rinforzare questo tipo di scala per ottenere maggior sicurezza, la soluzione più adatta sarebbe quella di mettere un profilato d’acciaio al bordo, ancorato con dei tiranti al muro. In questo modo, se i carichi aumentano eccessivamente la struttura può anche lavorare nella direzione trasversale alla rampa agendo come una vera e propria volta a botte. È importante effettuare un attento rilievo dello stato di degrado di una scala antica, comprenderne il funzionamento strutturale, solo così si potrà giungere alla scelta dell’intervento migliore. L'aspetto dunque da tenere in maggiore considerazione quando occorre restaurare una scala antica, è quello di attenersi scrupolosamente alle normative in vigore, senza fare di testa propria e scegliendo personale qualificato che possa coadiuvarvi nell'opera di restauro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Restaurare una scala di marmo antica

Una scala di marmo antica può essere il vero punto di forza di un bell'appartamento d'epoca o di una villa importante. Una scala antica, infatti, possiede in sé il fascino della sua lunga storia ed il suo aspetto maestoso e nobile rende elegante, raffinato...
Ristrutturazione

Come restaurare un dipinto su parete

L'arte del restauro è una tecnica molto ricercata per conservare tante opere d'arte ed inoltre restituire ai dipinti il loro stato originario, senza però cercare di cancellare del tutto l'invecchiamento che si sono assicurati nel tempo. L'arte di disegnare...
Ristrutturazione

Come restaurare una ringhiera in ferro

Le ringhiere in ferro, specie se battuto, sono molto belle e robuste e tendono quindi a vivere molto più a lungo rispetto ad altri tipi di ringhiere. Queste vengono utilizzate ">non solo per proteggere, ma anche per abbellire scale, terrazze e balconi,...
Ristrutturazione

Come restaurare una sedia del 700

Il restauro è un'attività che riesce a valorizzare dei beni antichi rendendoli nuovamente utilizzabili e non esclusivamente limitandoli a meri oggetti da collezione. Nella guida che svilupperemo, ci concentreremo nella restaurazione delle sedie e, nello...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Esterni

Come restaurare un camino antico

I camini in un casa forniscono luce, calore e punti focali nelle camere in cui si trovano. Tuttavia, nel corso del tempo le finiture e le decorazioni originali, specie se si tratta di strutture antiche tendono a sfaldarsi, per cui è necessario intervenire...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare con la gommalacca

Il restauro di un tavolo o di un mobile antico è un'operazione abbastanza delicata. Per poter ottenere dei risultati soddisfacenti da un restauro bisogna avere molta pazienza e seguire dettagliatamente le indicazioni utili per non intaccare il materiale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.