Come restaurare i mobili da giardino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I mobili da giardino sono soggetti a pioggia, sole, caldo, umidità e forti cambi di temperatura ed è per questo motivo che possono fare in fretta a rovinarsi. Oltre a prestare attenzione alle intemperie (portandoli magari in garage nei periodi di disuso o nei periodi in cui gli agenti atmosferici si inaspriscono), possiamo far tornare in vita anche quelli che hanno sopportato già abbastanza annate. In questa guida ti illustrerò come restaurare i mobili da giardino e farlo diventare come nuovo.

26

Occorrente

  • spatola o tampone abrasivo
  • guanti di protezione
  • pittura o impregnante pennello
  • sverniciatrice termica o sverniciatore chimico
36

Prima di tutto devi sverniciare completamente il mobile. In questo caso prendiamo in esame un mobile in legno. Puoi sverniciare il mobile con la sverniciatrice termica, ma in questo caso bisogna stare attenti a non usarla molto nello stesso punto, perché in questo caso rischi di provocare delle bruciature che rovinerebbero il mobile, in alternativa alla sverniciatrice termica si può usare lo sverniciatore chimico. Prestate maggior attenzione ai punti più danneggiati e agite con più delicatezza per evitare di aggravare la condizione del mobile. È consigliabile operare in un luogo aperto e ventilato ma evitate il sole cocente.

46

Stendi abbondantemente il prodotto da te scelto in precedenza e lascialo agire per il tempo necessario. Ricordati di rimuovere la vernice ammorbidita con una spatola o eventualmente un tampone abrasivo indossare sempre i guanti.
Se eventualmente vedi che rimangano tracce di vernice o di pittura ripetere l'operazione fino a quando non rimane nessuna traccia.

Continua la lettura
56

Quando il legno è stato portato completamente allo scoperto, sciacquatelo con acqua tiepida.
Quando il mobile è asciutto potete puoi procedere per rimetterlo a nuovo, per esempio con della pittura o dell'impregnante, potete divertirvi con dei colori acrilici per esempio. La vernice viene poco utilizzata. Quando il legno è asciutto dalla pittura o dall'impregnante, potete applicare un olio protettivo.

66

Se invece i danni sono troppi e oramai la consistenza del legno è molto danneggiata puoi provare un ultima tecnica; inizia dapprima a passare l'olio paglierino, dopo qualche giorno il mobile avrà assorbito la sostanza e dovrebbe risultare più lucido e più compatto. In extremis prova con un mix di acqua e colla vinilica, da spennellare in modo omogeneo su tutta la superficie del mobile. Una volta asciugato completamente sarà più consistente. Ovviamente pensateci bene perché poi la vinavil non la scollate più dal legno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come Restaurare Le Pareti Di Una Costruzione In Legno

Le costruzioni in legno sono belle ed abbastanza apprezzate. Infatti, ultimamante esse sono diventate di moda e vengono anche costruite delle case interamente in legno. Generalmente le costruzioni in legno sono tipiche delle zone di campagna oppure vengono...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile di legno

Il restauro di un mobile di legno può sembrare, a prima vista, un'impresa difficile. In realtà questa operazione è abbastanza semplice e può essere eseguita anche da quelle persone che sono meno esperte con il metodo fai da te. Leggendo questo tutorial...
Ristrutturazione

Come restaurare superfici in pietra e in cemento

Alcuni oggetti nel corso del tempo possono subire dei piccoli danneggiamenti che sono per certi versi inesorabili e inevitabili. Possiamo a tal proposito adottare delle tecniche che ci possono consentire di ripristinare, seppur anche in parte, lo stato...
Arredamento

Come restaurare un tavolo in legno

In qualsiasi abitazione, al giorno d'oggi, vi è quasi sicuramente, almeno un mobile antico fatto di legno. Quindi che sia stato lasciato dalla nonna in eredità, o dalla propria famiglia, non ha importanza, poiché voi siete in possesso di un arredamento...
Ristrutturazione

Come restaurare il parquet

Un pavimento in parquet ben curato dura per generazioni e può fare la differenza per quanto riguarda l'aspetto estetico dell'intera casa. Dunque, se il parquet sembra avere un aspetto opaco, oppure se recentemente sono stati spostati i mobili e la superficie...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile in stile shabby chic

La maggior parte dei mobili shabby chic si concentra sui cosiddetti colori 'patrimonio' ​​come i bianchi cremosi, il grigio-bianco, il verde-bianco, il blu uovo e i verdi ma non ci sono regole, in quanto va bene tutto. È possibile usare anche due...
Ristrutturazione

Come restaurare un vecchio garage

Il garage, comunemente chiamato anche "box", è uno spazio molto importante dell'abitazione. Infatti, esso non solo consente di parcheggiare una o più automobili, ma a seconda della capienza, anche di scaricare o depositare momentaneamente eventuali...
Ristrutturazione

Come restaurare una sedia del 700

Il restauro è un'attività che riesce a valorizzare dei beni antichi rendendoli nuovamente utilizzabili e non esclusivamente limitandoli a meri oggetti da collezione. Nella guida che svilupperemo, ci concentreremo nella restaurazione delle sedie e, nello...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.