Come regolare il pressostato dell'autoclave

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Anche se a primo impatto potrebbe sembrare un lavoro abbastanza complicato, regolare il pressostato dell’autoclave è un lavoretto che possiamo effettuare da soli senza ricorrere all'aiuto di un tecnico specializzato. Trattasi di un’operazione semplice e veloce, che richiede competenze minime di meccanica ed idraulica. In genere esistono diversi modelli di pressostato, ma bisogna ricordare che sono quasi tutti realizzati secondo uno stesso criterio e che è possibile poi tararli seguendo semplici e dettagliate istruzioni. A tal proposito, basterà leggete gli utili suggerimenti di questa guida per sapere come regolare il pressostato dell'autoclave.

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Pressostato, cacciavite, guanti, viti.
37

Per maggiori chiarimenti siamo qui a specificare che il pressostato ha la funzione di aprire e chiudere un contatto elettrico, in base a valori prestabiliti della pressione dell’acqua che riceve e, serve a regolare automaticamente il funzionamento dell’autoclave. Il pressostato in sostanza, è tarato per avviare la pompa del sistema quando la pressione scende al di sotto del “valore utile” o “valore tarato”. Il pressostato è anche solitamente regolato secondo parametri di fabbrica, che possono poi essere normalizzati in base all'uso che se ne deve fare. Tuttavia, possiamo quindi programmarlo affinché entri in funzione in determinate fasce orarie.

47

Per poter regolare o variare la pressione di questo meccanismo è possibile, intervenendo semplicemente sui dadi di regolazione di cui è provvisto. Prima di cominciare ricordiamo che, sicuramente deve esserci installato un manometro funzionante e, tarato. L’impianto si troverà sicuramente in funzione ed in pressione di esercizio. Dobbiamo quindi svuotare l’acqua dal serbatoio e determinare il valore di pressione a cui vogliamo far partire la pompa, ossia la pressione minima. Per tarare il nostro pressostato occorrerà aprire l'involucro dove troveremo due viti con dado di regolazione.

Continua la lettura
57

Il primo dado, è chiamato “differenziale” perché regola la differenza di pressione tra il tasto start e il tasto stop della pompa. Generalmente si trova sulla molla laterale piccola e, varia il punto di avvio della pompa al decrescere della pressione. Il secondo dado, posto sulla molla centrale, determina il valore di pressione su cui vogliamo che la pompa si arresti in salita, ovvero all'aumentare della pressione.

67

Adesso possiamo procedere: innanzitutto, portiamo il differenziale al minimo, svitando il dado piccolo fino ad allentarlo completamente. Dopo, avvitiamo il dado della molla centrale fino ad ottenere il valore massimo desiderato su cui fare arrestare la pompa, sul manometro di esercizio. Arrivati a questo punto, ruotiamo in senso orario (la pressione di avvio aumenta) o antiorario (diminuisce) fino a stabilire il valore di chiusura dei contatti (pressione minima di avvio della pompa).

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Svolgete questo lavoro con delicatezza.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come riparare una caldaia a metano

Se possedete una grande abitazione, è molto probabile che abbiate una caldaia che utilizzi dei termosifoni per riscaldare le vostre stanze. Alle volte, può accadere ...
Pulizia della Casa

Come Regolare Ed Usare l'idropulitrice

L'idropulitrice è una particolarissima che utilizza dell'acqua sparata al alta pressione per riuscire a pulire anche in profondità una determinata superficie.
Questo macchinario ...
Esterni

Come prelevare l'acqua dal pozzo con l'elettropompa

Prelevare l'acqua da un pozzo è un'operazione abbastanza lunga e complessa. Proprio per questo, per eseguire in modo rapido e semplice quest'operazione ...
Pulizia della Casa

Come utilizzare l'idropulitrice

L’idropulitrice è un macchinario versatile, impiegato per operazioni di lavaggio e di pulizia. Il suo getto d’acqua ad alta pressione è in grado ...
Economia Domestica

Come aumentare la pressione dell'acqua senza autoclave

Il problema della pressione dell'acqua, è molto comune negli impianti domestici. Aumentare la pressione dell'acqua spesso è un compito scoraggiante in quanto ci ...
Pulizia della Casa

Come cambiare la pompa della lavastoviglie

All'interno di questa guida, andremo a sviluppare la tematica inerente alle lavastoviglie. Nello specifico, come avrete potuto notare tramite la lettura del titolo stesso ...
Economia Domestica

Come fare la manutenzione di un depuratore ad osmosi inversa

L'osmosi inversa è un processo di depurazione dell'acqua ad uso alimentare. È uno dei metodi più sicuri e diffusi al mondo, dato che ...
Economia Domestica

5 modi per aumentare la pressione dell'acqua

In alcune zone d'Italia specialmente nelle regioni aride e povere di corsi d'acqua come la Sicilia, è facile che, specialmente nella stagione estiva ...
Economia Domestica

Come cucinare il pesce in una pentola a pressione

Le pentole a pressione forniscono un modo celere per cucinare i pasti; risulta infatti essere uno strumento che riesce a rendere fino a dieci volte ...
Pulizia della Casa

Come Pulire il pozzo del giardino

Se avete un pozzo artesiano in giardino costruito da parecchi anni e vi siete accorti che l'acqua ha un odore strano, oppure quando la ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.