Come recuperare i bicchieri rovinati

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La lavastoviglie rappresenta sicuramente un ottimo aiuto per le faccende domestiche, anche se, dopo un certo numero di lavaggi in lavastoviglie i piatti, e soprattutto i bicchieri tendono ad usurarsi, diventando opachi o addirittura rovinandosi presentare dei graffi. Per evitare però tutto ciò, o per recuperare in parte i bicchieri rovinati, esistono alcuni accorgimenti che ne ristabiliscono la brillantezza, e in caso bicchieri nuovi ne possono preservare l’integrità, in modo da farli durare più tempo possibile. Di seguito vengono riportati alcuni metodi per come recuperare i bicchieri rovinati.

26

Occorrente

  • acqua
  • bicarbonato
  • aceto
  • un limone
  • sale fino
  • spugna
36

La prima parte del discorso volge alla prevenzione, cioè cosa fare per non far rovinare i bicchieri di vetro lavati in lavastoviglie, che con il tempo tendono ad usurarsi più facilmente tra un lavaggio e l'altro. Inizieremo a parlare dei detersivi più opportuni per evitare la formazione della patina sui bicchieri. Bisogna evitare di utilizzare le pastiglie, ma prediligi sempre un detersivo liquido o in gel, in quanto le pastiglie contengono polveri alcaline che li possono graffiare. Un’ulteriore accorgimento potrebbe essere quello di utilizza l'aceto di vino al posto del brillantante, in quanto si può ottenere lo stesso effetto, senza rovinare il bicchiere.

46

Se invece i bicchieri si sono già rovinati bisogna correre ai ripari, si può procedere nel seguente modo: Si possono mettere i bicchieri in un contenitore pieno d'acqua bollente, aggiungere cinque cucchiai di bicarbonato ogni 2 litri di acqua, dopo di che bisogna lasciare in ammollo i bicchieri per tutta la notte, il mattino seguente bisogna risciacquare i bicchieri con abbondante acqua corrente fredda.

Continua la lettura
56

Se eventualmente i risultato non sono soddisfacenti, si può procedere a questo ulteriore modo: Si devono mettere i bicchieri in un contenitore, insieme a una soluzione composta per litro d’acqua, da cento ml di aceto di vino, un limone tagliato a fette, e due cucchiai abbondanti di sale fino. Dopo di che, si lasciano i bicchieri per un intera giornata, una volta trascorso il tempo, si prendono i bicchieri e si lavano con del comune detersivo per i piatti, e un po’ di aceto di vino, al termine di tutto ciò per concludere, bisogna risciacquare i bicchieri con acqua prestando molta cura al risciacquo.

66

Un ulteriore metodo molto efficace per la pulizia dei bicchieri consiste nel mettere i bicchieri in un contenitore abbastanza capiente, sia in larghezza che profondità, in modo da poterli mettere tutti insieme e allo stesso tempo cercare di evitare che si tocchino tra loro. Una volta effettuata tale operazione, si riempie il contenitore con circa venti centimetri di acqua, e si aggiunge del comune detersivo dei piatti e dell’aceto di vino. I bicchieri oltre che essere staccati l’uno dall’altro devono essere messi a testa in giù, e lasciati in soluzione per un’intera notte. Trascorsa la notte si prendono i bicchieri e si puliscono con una spugnetta abrasiva, essendo stati tutta la notte, la pulizia dei bicchieri risulta essere un’operazione abbastanza semplice, sia per quanto riguarda lo sporco, sia per quanto riguarda l’eventuale patina.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Pilastri di un cancello rovinati: consigli per la pitturazione

I pilastri di un cancello costituiscono gli elementi portanti della struttura e devono essere mantenuti in perfetto stato per permettere loro di sorreggere adeguatamente i battenti. Purtroppo le intemperie e una scarsa manutenzione possono rovinarli ed...
Ristrutturazione

Come riparare un cassetto rotto

Vedremo in questo tutorial come riparare un cassetto rotto. Spesso capita in casa che avete a che fare con un cassetto di un mobile che appunto non funziona molto bene durante la chiusura e l'apertura. I motivi maggiormente frequenti che provocano tale...
Economia Domestica

Guida alla biancheria del corredo

Il corredo è caratterizzato da una lunga storia: è la dotazione di oggetti necessari alla vita matrimoniale con cui la sposa si presentava al matrimonio (principalmente si tratta di biancheria per la casa). La funzione del corredo è sia pratica che...
Pulizia della Casa

Come rimediare alle bruciature del ferro da stiro

Uno degli imprevisti quando si stira la biancheria è la possibilità di causare macchie di bruciature. Non sempre è necessario buttare via questi capi d' abbigliamento rovinati, anzi, è possibile applicare dei metodi semplici ed efficaci per recuperare...
Economia Domestica

Come risparmiare sulle pastiglie per lavastoviglie

Le spese che incidono di più sul bilancio famigliare sono quelle legate alla pulizia della casa e alla pulizia personale. Se le nuove tecnologie ci consentono, da un lato di risparmiare sul costo dell'energia elettrica e dell'acqua, dall'altro ci obbligano...
Economia Domestica

Come riciclare i vecchi indumenti

Quando si effettua il cambio di stagione e si sistemano gli armadi spuntano fuori vestiti rovinati ed inutilizzabili. In questo caso si hanno borse piene di indumenti e non si ha il coraggio di buttarli via.In alternativa al cassonetto si possono riciclare...
Ristrutturazione

Come rimuovere l'intonaco superficiale ammalorato

L'umidità che affligge le pareti, alla lunga, può ridurre le capacità di un'abitazione di isolare gli interni dal clima esterno e facilitare la formazione di muffa. L'umidità di risalita, in particolar modo, può far emergere attraverso le murature...
Pulizia della Casa

Come eliminare la muffa dagli armadi

La muffa è un fungo che colpisce gli ambienti carichi di umidità, è molto facile trovarla negli angoli dei muri e si manifesta solitamente con macchie che possono essere grigie e tendenti al nero. Oltre alle macchie, la muffa provoca cattivi odori...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.