Come realizzare un marciapiede

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Negli edifici già esistenti molto spesso è necessario rifare il marciapiede perimetrale, perché molti di essi vengono spesso realizzati con una gettata di calcestruzzo che con il passare del tempo si scheggia o addirittura si crepa. Questa tipologia di aggiusto spesso non è una cosa tanto semplice da fare se non si è del mestiere, ma se seguite attentamente la seguente guida che spiega dettagliatamente come realizzare un marciapiede, ci riuscirete sicuramente. Vediamo quindi passo dopo passo come procedere.

27

Occorrente

  • Attrezzi del mestiere
  • Cemento
37

La prima operazione che dovrete compiere consiste nel demolire il marciapiede già esistente; generalmente per far questo si utilizza una piccola ruspa e un martello pneumatico. Mi raccomando, durante l'operazione di demolizione prestate molta attenzione a non danneggiare le tubazioni presenti, ove ce ne dovessero essere. Raccogliete i detriti rimasti ripulendo tutto il perimetro dell'edificio e mettete dei punti di riferimento per ricreare gli scarichi o scivoli dell'acqua. Successivamente scavate un canale di circa venti centimetri di profondità, rassettate il terreno ed inserite delle tavole di legno massiccio fissandole saldamente lungo le sponde.

47

A questo punto potete tranquillamente passare alla gettata di cemento, che potete acquistare già miscelato a buon prezzo nei grandi magazzini del fai-da-te tipo "Leroy Merlin". Se decidete di miscelarlo da voi ricordatevi di aggiungere il quantitativo giusto di acqua, quel minimo indispensabile per renderlo lavorabile. A fine gettata lisciatelo più volte con la spatola per essere sicuri che non ci siano irregolarità. Coprite il tutto con dei teli di plastica e date il tempo necessario al cemento di asciugare (in genere sono necessari almeno un paio di giorni). Ricordatevi di mettere delle transenne e dei cartelli per avvisare la gente dei lavori in corso in quella zona, eviterete così quelle fastidiose stampe di scarpe.

Continua la lettura
57

Una volta asciugatosi completamente il cemento potete togliere le tavole di legno e passare un ultimo strato di isolante. Avete comunque la possibilità di scegliere di posizionarvi sopra delle piastrelle, in modo da dare un ulteriore tocco di professionalità al lavoro, ma in questo caso ricordatevi di riempire, sempre con del cemento, quello spazio che si crea tra il terreno ed il marciapiede. Finalmente avete completato il vostro nuovo marciapiede. Se avrete seguito le spiegazioni precedentemente riportate avrete fatto un gran lavoro!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Mi raccomando, durante l'operazione di demolizione prestate molta attenzione a non danneggiare le tubazioni presenti, ove ce ne dovessero essere.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come installare la roccia decorativa sulle pareti esterne

È tempo di ristrutturare le pareti esterne della nostra casetta. Ogni volta pensiamo e ripensiamo al colore da scegliere. Alla fine scegliamo i classici colori anonimi. Poi arriva l'idea. Perché non installare la roccia decorativa sulle pareti esterne?...
Esterni

Come curare i bordi del prato

Il prato, è un elemento di grande effetto decorativo. Una reggia o una comune abitazione diventa un luogo piacevole e rassicurante se si circonda con questo verde manto erboso. Per un aspetto rigoglioso e ordinato è necessario controllare anche la crescita...
Ristrutturazione

Come rendere abitabile un rustico

Il temine "rustico", deriva dalla parola latina "rus" che significa campagna, ed indica una delle strutture abitative più caratteristiche e ricercate in Italia, non solo da chi intende effettuare un acquisto a costi contenuti, ma anche da chi sceglie...
Esterni

Come collegare i pluviali a gomito

I tubi pluviali insieme alle grondaie sono utilizzati per la raccolta delle acque e per convogliarle negli scarichi della fognatura bianca o altro pozzo di raccolta. I più diffusi sono in rame o in PVC ma si possono trovare anche in alluminio, e acciaio...
Pulizia della Casa

Come smaltire i rifiuti ingombranti a Milano

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori e lettrici, che sono veramente appassionati della pulizia di casa, a capire come poter smaltire, nel migliore dei modi, i rifiuti che sono ingombranti a Milano.Cercheremo di mettere in pratica...
Ristrutturazione

Come ristrutturare una capanna per attrezzi

Se nel nostro giardino o piccolo orto ci si ritrova un piccolo rudere o una piccola casetta, che hanno dimensioni ridotte allora potrebbe tornare utile recuperare quest'ingombro realizzando un ricovero per attrezzi. Riprendere questi vecchi fabbricati...
Pulizia della Casa

Come pulire pavimenti in legno

Nonostante il legno sia un materiale molto robusto e resistente, i pavimenti fatti in questo materiale sono assai delicati e necessitano di cure particolari. Il parquet ha una lunga durata e da un punto di vista estetico crea nelle nostre case un ambiente...
Economia Domestica

Come utilizzare la carta casa

Con la vita frenetica che si conduce giornalmente, barcamenandosi tra figli, lavoro, palestra, spesa, ecc., la donna oggi ha sempre meno tempo da dedicare alle faccende di casa. Per tale motivo sono diventati sempre più numerosi i prodotti disponibili...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.