Come realizzare un laghetto

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Se vogliamo rendere il nostro giardino più originale ed interessante, oltre naturalmente a fornirlo di piante variopinte, staccionate e suppellettili potremo anche decidere per un caratteristico laghetto artificiale, dove potremo inserire delle piantine acquatiche o addirittura dei pesciolini. A prima vista potrebbe sembrare un'operazione complessa, ma seguendo attentamente le dovute istruzioni contenute nei passi successivi, scoprirete come realizzare un laghetto.

28

Occorrente

  • acqua
  • giardino
  • metal detector per tubazioni
  • acqua
  • ghiaia
  • pompa di riciclo
  • filtro
  • laghetto in PVC
  • telo in PVC
  • forbici
  • piante acquatiche
  • pesci
38

Il modo più semplice e sicuro per allestire un laghetto è quello di acquistarne uno preformato in PVC. In questo modo sarà molto più semplice prendere le misure ed effettuare lo scavo, in quanto già abbiamo la forma e la profondità. I laghetti preformati sarà facile reperirli nei negozi di arredamento da giardino, così come il telo in PVC e, tutto l'occorrente, necessario, come la pala e la sabbia edile. Altre cose che potrebbero servirci sono un cutter e un paio di forbici per tagliare il telo.

48

Prima di iniziare è giusto ricordare che lo scavo per il laghetto non potrà essere eseguito tutto in una volta, perché si potrebbe correre il rischio di rovinare il terreno. Sarà opportuno effettuare un determinato numero di prove per posizionare in modo perfetto il nostro preformato. Dopo che avremo eseguito lo scavo perfettamente, non potremo collocare direttamente il laghetto, ma prima bisognerà stendere sulla superficie il telo in PVC e tagliarlo a misura, mettendo ai bordi dei grossi sassi che lo terranno fermo, oltre a fare da decorazione.

Continua la lettura
58

Sistemato in modo corretto il telo in PVC, potremo finalmente passare alla collocazione stabile del laghetto preformato. Questa è un'operazione meno complessa, poiché basterà inserire la vasca in PVC che abbiamo acquistato, nello scavo sopra il telo. Adesso passiamo a riempire i bordi, con sabbia edile o con della malta. Solo a questo punto potremo riempire di acqua il nostro tanto sudato laghetto, ma prima di abbellirlo con apposite piante acquatiche e pesci dovremo aspettare almeno due settimane.

68

Questo tempo consentirà all'acqua di instaurare un equilibrio microbiologico tra alghe e microorganismi che faranno scomparire gli elementi innaturali presenti. Se vogliamo introdurre pesci e piante nel nostro laghetto dovremo anche pensare di mettere una pompa per l’acqua con il filtro, che producendo il ricircolo farà ossigenare l’acqua. Trascorse circa due settimane, potremo inserire già le prime piante acquatiche, ma dovremo darle un’ulteriore settimana di tempo per ambientarsi e per formare il giusto microclima prima di introdurre dei simpatici pesciolini.

78

Guarda il video

88

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come Eseguire Il Rivestimento Di Un Laghetto Decorativo

La costruzione di un laghetto non è difficile, ma bisogna effettuare dei procedimenti con precisione assoluta per ottenere un ottimo risultato. Leggendo questo tutorial si possono avere degli utili consigli su come è possibile eseguire un rivestimento...
Esterni

Come realizzare un laghetto da giardino con la vetroresina

Arricchire il proprio giardino con una ventata di freschezza e originalità, è possibile, senza spendere somme esose, utilizzando un po' di fantasia e buona volontà. Per dare più vitalità allo spazio esterno della tua casa, potrai realizzare un laghetto....
Esterni

Come realizzare una cascata di pietra

Una cascata di pietra è il dettaglio che donerebbe quel tocco di eleganza in più al vostro giardino. Nulla è più calmante del suono dell'acqua che colpisce le pietre sottostanti, e perché no, aggiungere qualche pesciolino nello stagno e trasformare...
Esterni

come costruire un giardino acquatico

Prendersi cura del proprio giardino ci inorgoglisce ma richiede una grande passione, tempo e i materiali necessari. Se siamo delle persone con queste caratteristiche possiamo dedicarci alla costruzione di un giardino acquatico. Naturalmente bisognerà...
Esterni

Le migliori piante acquatiche per il giardino

Il giardino rappresenta lo spazio progettato all'aperto maggiormente importante di qualunque villa o villetta a schiera, ovvero un reale biglietto da visita del proprio appartamento, che ne arricchisce lo stile esterno e lo rende molto gradevole da abitare....
Esterni

Come prendersi cura del laghetto delle ninfee

La ninfea è una pianta acquatica che appartiene alla famiglia delle Nymphaeaceae. Originaria dell’Asia, è ormai diffusa in tutto il mondo, comprendendo circa cinquanta varietà che si adattano a qualsiasi microclima. Alla stessa famiglia della ninfea...
Esterni

Come realizzare un laghetto nel giardino

Se abbiamo un giardino abbastanza ampio ed intendiamo ristrutturarlo in modo adeguato, possiamo abbellirlo con aiuole e bordure, ma soprattutto con un laghetto. Un giardino del genere, se ben allestito, è in grado di donare armonia e benessere, proprio...
Esterni

Come ricreare un mini laghetto sul balcone

Come Ricreare Un Mini Laghetto Sul Balcone. Cosa c'è di più rilassante del gorgoglio dell'acqua di un laghetto o del godersi la vista delle ali di una libellula? Purtroppo non tutti possono permettersi un giardino e non tutti hanno il tempo per una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.