Come pulire un tappeto di iuta

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La iuta è una fibra tessile di origine interamente vegetale, molto utilizzata per la produzione di tappeti, di borse e dei famosi sacchi ad uso agricolo o alimentare. Ha una fibra ruvida e resistente che le consente di sopportare pesi rilevanti senza rotture. Molto economica, è interamente riciclabile e biodegradabile, quindi il suo valore d'impatto ambientale è praticamente nullo. La trama non troppo fitta con cui viene solitamente tessuta fa sì che abbia un ottimo grado di traspirazione, anche per questo motivo è la seconda fibra più lavorata al mondo dopo il cotone.
Chi in casa possiede un tappeto di iuta sicuramente ne apprezza la durevolezza e la rusticità, per questo motivo può adoperarlo per arredare gli ambienti più frequentati, come la cucina, la sala, il bagno e le camere da letto, senza timore che si sciupi o si sfilacci, anche se lo si dovrà pulire con una certa frequenza.

26

Occorrente

  • smacchiatore
  • spazzola a setole dure
  • bicarbonato di sodio
  • amido di mais
  • aspirapolvere
  • aceto di vino bianco
36

Per rimuovere la polvere o altri minuscoli residui solidi come capelli o molliche, sarà sufficiente passarvi una spazzola o un aspirapolvere. Se possibile, mettere il tappeto fuori a prendere aria per qualche ora, al riparo dai raggi solari. Poggiarlo sulla ringhiera di un balcone e percuoterlo con un battitappeti non è una procedura molto corretta da un punto di vista igienico-sociale, soprattutto se si vive in un condominio.

46

Se si desidera effettuare una pulizia più approfondita che non rovini i colori del tessuto, si potrà cospargere tutta la superficie con del bicarbonato di sodio a secco, utilizzando una spazzola a setole dure. Lasciare agire tutta la notte e il giorno successivo asportare la patina biancastra con un aspirapolvere.

Continua la lettura
56

In caso di macchie, se sono fresche, si potrà tentare di rimuoverle tamponando con una spugna imbevuta di acqua e aceto di vino bianco. Ripetere l'operazione più volte, anche a distanza di giorni, finché la macchia non scompare o non si attenuta. Evitare di strofinare, perché le fibre potrebbero sfilacciarsi.
Le chiazze di olio o di grasso vanno trattate con polveri capaci di assorbirle, come borotalco o amido di mais, e spugnate con della carta assorbente. I residui andranno poi aspirati.
I tessuti di origine vegetale vanno bagnati il meno possibile, altrimenti rischiano di macchiarsi e di restringersi. La iuta, infatti, tende ad ingiallire a chiazze, ma è possibile intervenire con una soluzione composta per metà da aceto e per metà d'acqua.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non lavare in lavatrice
  • Lavare il meno possibile

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Guida ai tappeti moderni

Sappiamo benissimo quanto i tappeti siano importanti per definire l’aspetto e il carattere dei nostri appartamenti. Premettiamo che quando parliamo di tappeti moderni, ci riferiamo a quelli tessuti o fabbricati non più di trenta anni fa. Se stiamo...
Arredamento

Come Decorare Casa Con Motivi Primaverili

Dopo il lungo e grigio inverno, catturare l'atmosfera della primavera porta un'atmosfera di purezza e una ventata di felicità tra le pareti di casa. L'aria tiepida e la bella stagione che si avvicina, invitano a dare un volto nuovo agli ambienti interni...
Arredamento

Come scegliere un pavimento ecologico

Il pavimento è una parte molto importante della nostra casa, non è solo l'appoggio per i mobili o la parte dove camminiamo, è anche la parte che ci isola dall'esterno, inoltre se vogliamo la casa sia ecologica, deve essere tale anche il nostro pavimento....
Arredamento

Come arredare con le fibre naturali

Le fibre naturali che vengono utilizzate per la produzione di tessuti sono numerose e si distinguono per l'aspetto e la resistenza del prodotto finito. Il tipo di lavorazione e di tessitura permette inoltre di ottenere trame dall'aspetto diverso, più...
Pulizia della Casa

Come lavare un tappeto in lana

La lana è una fibra naturale calda e morbida. Si utilizza soprattutto per la creazione di molti indumenti. Ma i suoi usi si estendono anche alla realizzazione di coperte. Oppure per imbottire i piumoni ed i cuscini. Pertanto anche nell'arredamento della...
Pulizia della Casa

Come pulire un tappeto a secco

Nel momento in cui si arreda una casa, è necessario scegliere accuratamente i mobili, le suppellettili, i vasi e i quadri, in modo da ricreare un'atmosfera di un certo tipo. Alcuni, però, utilizzano un complemento di arredo che non sempre viene scelto,...
Arredamento

Come arredare casa con le fibre naturali

Il processo che prevede la scelta dell'arredamento della propria casa è tutt'altro che semplice. Esso implica, infatti, diversi elementi che determinano la qualità del risultato finale. Tra gli elementi che compongono un arredamento troviamo anche i...
Pulizia della Casa

Come rimuovere l'odore di naftalina dai tappeti

Tutte le fibre tessili, così come il legno, sono soggetti ad usura e deterioramento. Il tempo non è amico né dei mobili, né dei tessuti. Oltre all'invecchiamento naturale della materia, infatti, concorrono nelle operazioni di danneggiamento, sia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.