Come Pulire Il Pavimento Di Cotto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Materiale di antica tradizione e di grande fascino, il cotto rende intimo e accogliente ogni spazio, grazie alle sue tonalità calde e naturali. È oggi adottato anche per la pavimentazione di villette e appartamenti, ai quali promette di donare un aspetto rustico e vissuto. Tuttavia, si tratta di un materiale poroso e, in quanto tale, assorbe lo sporco e tende a macchiarsi con estrema facilità: pulire il pavimento in cotto in maniera ottimale è quindi un'operazione di manutenzione imprescindibile, necessaria per mantenere inalterata la sua bellezza nel tempo. Vediamo quindi insieme come pulire accuratamente tale rivestimento.

26

Occorrente

  • Aspirapolvere o scopa
  • Detersivi specifici
  • Acqua
36

La prevenzione è, come sempre, l'arma migliore. Dopo la posa del cotto è buona norma avvalersi di un trattamento specifico, che renda la superficie impermeabile e antimacchia. Questa accortezza ha inoltre il vantaggio di esaltarne le finiture, migliorando anche la protezione e la durata del rivestimento. Va inoltre ricordato che, più spesso si procede alla pulizia, minore è il rischio di incorrere in sporco e macchie ostinate: per tale ragione questo pavimento richiede una frequente pulizia ordinaria, preferibilmente a cadenza giornaliera.

46

Per prima cosa occorre spazzare o utilizzare l'aspirapolvere per il pavimento, affinché venga rimossa tutta la polvere accumulata. Procedete quindi al suo lavaggio, optando per detergenti neutri o specifici per tale materiale. L'uso di saponi aggressivi, infatti, potrebbe alterare la superficie, rovinandola irrimediabilmente. Se preferite di gran lunga optate per una soluzione ecologica e poco costosa, potete realizzare un detersivo "fai da te" con ingredienti facilmente reperibili: basta aggiungere quattro cucchiai di aceto bianco e tre di alcol ogni due litri di acqua tiepida. Terminata la pulizia è necessario procedere alla completa asciugatura del pavimento, passando sopra un panno morbido e asciutto.

Continua la lettura
56

Almeno una volta al mese mettete in atto una pulizia straordinaria, più profonda e accurata, nonché in grado di ridonare al cotto la sua originaria lucentezza. Anche in questo caso il procedimento è molto semplice: dopo aver eseguito la pulizia ordinaria trattate il cotto con la cera liquida, da scegliere accuratamente in commercio, scegliendo una tonalità più vicina a quella del proprio pavimento. Se non siete in possesso di un'apposita lucidatrice, potete anche utilizzare un grande spazzolone. Per la massima protezione del rivestimento è possibile ricorrere anche una verniciatura protettiva, avvalendovi di un prodotto impregnante specifico per superfici porose. Buon lavoro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Va inoltre ricordato che, più spesso si procede alla pulizia, minore è il rischio di incorrere in sporco e macchie ostinate.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come fare la manutenzione del tetto

Per una casa sicura, è importante controllare che il tetto sia sempre in stato ottimale. Bisogna quindi eseguire dei lavori di manutenzione, al fine di prevenire le infiltrazioni o danni strutturali di sorta. Il tipo di manutenzione da effettuare dipende...
Ristrutturazione

Regole da seguire per ristrutturare casa

La ristrutturazione di una casa è un'operazione che viene eseguita abbastanza spesso. Generalmente quando si compra un nuovo immobile si cerca di apportare delle modifiche al suo interno. Si tratta di ristrutturazione oppure manutenzione che può essere...
Economia Domestica

5 motivi per preferire un monolocale

La casa grande ha un fascino particolare, o meglio ce l'aveva. Perché negli ultimi tempi sta dilagando la tendenza ad acquistare e vivere in monolocali. Non più soltanto pied-à-terre, ma vere e proprie abitazioni in cui riveste un'importanza capitale...
Esterni

Come curare il pavimento in sassi per esterno

Se avete messo un pavimento di sassi per esterno, sarete anche consapevoli che ogni tanto, dovrete intervenire facendo la manutenzione. Se infatti si tratta di una zona di passaggio, ma anche una via di accesso obbligata per andare nel garage, diversi...
Ristrutturazione

Come riparare la muratura attorno alle finestre e alle porte

Come qualsiasi cosa in natura, anche le parti in muratura di casa nostra sono soggette al deterioramento nel tempo. In particolare attorno alle finestre ed alle porte si possono formare delle crepe più o meno profonde che dobbiamo riparare. Per farlo...
Pulizia della Casa

Come curare il parquet

Il parquet è una pavimentazione utilizzata soprattutto nelle case in montagna. Il suo aspetto lucido, rende l'atmosfera di una baita. Non è sempre facile curare il parquet, soprattutto se all'interno di una casa sono presenti dei bambini o degli animali...
Pulizia della Casa

Come pulire il letto imbottito

I letti su cui riposiamo durante la notte o quando non stiamo bene devono sempre essere confrtevoli. In caso contrario, dormiremmo male e potremmo accusare qualche dolore localizzato a collo e schiena. Rispetto a quelli tradizionali in legno o in ferro...
Economia Domestica

Come usare al meglio la cappa della cucina

La cappa della cucina viene posizionata sopra il fornello e il suo scopo principale è quello di eliminare i fumi, gli odori e il vapore prodotti dalla cottura dei cibi. Di norma, viene acquistata al momento in cui si compra la cucina ed è abbinata all'arredamento....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.