Come pulire i vasi di terracotta

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le piante crescono straordinariamente nei grandi o piccoli appezzamenti di terreno e, se l’uomo è capace, potrebbe farle sviluppare maestosamente, interrandole in contenitori adatti, come in vasi di terracotta per abbellire e decorare balconi, terrazzi e giardini. L’elemento naturale annesso, in un determinato periodo dell’anno, seguendo il suo genere, necessita della potatura per prosperarsi, per germogliare, fiorire eccellentemente e per mantenere un aspetto sempre gradevole, perché con questa tecnica di giardinaggio, si eliminano parti secche e si effettuano, nel contempo miglioramenti nella sua conformazione. Tra una stagione e l’altra, sempre si sente il bisogno di mettere un po’ di ordine negli spazi esterni ed oltre ad avanzare ciò che si è scritto, si desiderano pulire i recipienti sopra citati.
Vediamo dunque, con questa guida, come pulire i vasi di terracotta.

27

Occorrente

  • Una spazzola per le pulizie
  • Una spugna ruvida
  • Una pezza morbida
  • Acqua e bicarbonato q.b
37

La pulizia dei vasi di terracotta si suggerisce di compierla nei periodi caldi, o nelle giornate di sole perché i vasi lavati devono asciugarsi perfettamente e naturalmente. E’ naturale che la pianta dev’essere tolta, con tutta la terra accorpata e si consiglia di capovolgere l’oggetto d’argomento, per tirare fuori il tutto senza far subire traumi alla creaturina contenuta, mettendola dentro un recipiente più grande o appoggiandola, momentaneamente su una qualsiasi cosa che non danneggia.

47

Bisogna, per pulire dei vasi di terracotta, munirsi di una spazzola per le pulizie, di una spugna ruvida, di un certo quantitativo di acqua e bicarbonato e di una pezza morbida, per poi procedere. Se dovessero esserci residui di terra sul fondo del vaso svuotato, è bene aspettare che si asciughino, se bagnati per poi rimuoverli con l'arnese, illustrato nello stesso passo. Quest’operazione garantisce l’iniziale pulizia interna del vaso che si deve perfezionare, tramite l’utilizzo di una spugnetta granulosa e sabbiata imbevuta di acqua semplice, per poi pulire, con lo stesso criterio, la relativa parte esterna.

Continua la lettura
57

Dopo aver spazzolato e deterso l'elemento trattato, come si è scritto, si potrebbe notare sia dentro che fuori, una patina bianca che solitamente si forma con l’uso dei concimi e per effetto dell’innaffiatura, perché l’acqua contiene sali. A tal proposito, per eliminarla è indispensabile versare un bel quantitativo di bicarbonato che, bagnato gradatamente andrà a formare una cremina particolarmente pulente da strofinare con la spugna usata precedentemente. Fatto questo, è bene sciacquare perfettamente per poter infine, mettere al sole il vaso che si deve asciugare, come scritto inizialmente in modo naturale e riusare.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire le pentole in coccio

Le pentole in coccio hanno sempre avuto un loro fascino, sono utensili antichi ma con i loro vantaggi! Infatti queste pentole mantengono il calore anche dopo che il fuoco viene spento, assicurando una cottura dolce ed omogenea perfetta per i piatti che...
Arredamento

Come arredare la propria casa con piante

Chi di noi non ama, avere nel proprio appartamento delle piante, in maniera tale da rendere tutta casa bella, accogliente ed anche molto interessante da visitare, da parte dei nostri amici ed anche dei nostri parenti? Essendo questo un argomento alquanto...
Esterni

Come costruire una lampada da giardino

Il bricolage, o più comunemente chiamato fai da te, è una delle attività più diffusa negli ultimi tempi. Ormai, quasi tutti quelli che si dilettano con il fai da te sanno che è possibile costruire, creare e realizzare qualsiasi oggetto, anche di...
Economia Domestica

Come sostituire le padelle antiaderenti

Se in cucina abbiamo un set di padelle antiaderenti ed intendiamo sostituirle, lo possiamo fare scegliendone altre di diversa composizione. Le padelle antiaderenti infatti, sono indubbiamente comode, poiché non consentono ai cibi di attaccarsi sul fondo,...
Economia Domestica

Come usare le pentole in coccio

L'uso delle pentole di coccio, o terracotta, è molto antico: grazie al materiale di cui esse sono composte, si presentano come altissimi isolanti termici, adatti a cucinare tutti quei cibi che necessitano della cosiddetta "cottura dolce", ovvero lunga,...
Esterni

Come scegliere i vasi da giardino

I vasi nel nostro giardino sono dei veri e propri elementi di design che aggiungono dei dettagli di forma e colore, dovranno inoltre, essere delle giuste dimensioni per favorire la crescita delle nostre piante. Ecco alcuni consigli su come scegliere i...
Arredamento

Come arredare con la ceramica

La ceramica è un materiale resistente e versatile, perfetto sia per abitazioni dal design classico che per le case con un arredamento contemporaneo e all'avanguardia. Nella seguente guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come arredare con...
Esterni

Come installare un pavimento in pietra da esterno

Per sistemare un pavimento da esterno, come terrazza o giardino, bisogna ricorrere ad alcune tecniche (in verità semplici) di muratura e piastrellatura. Vi sono numerosi materiali reperibili oggi in commercio per svolgere in modo corretto questo lavoro....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.