Come pulire e colorare il rame

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Avete delle pentole, degli utensili o degli oggetti antichi in rame rovinati e non sapete come pulirli o da colorarli? Se la risposta è sì, allora non dovete far altro che leggere questa guida, che vi spiegherà come intervenire su questo tipo di prodotti per farli tornare come nuovi, insegnandovi come pulire e colorare il rame. Proseguite con la lettura.

25

Occorrente

  • Sale fino
  • Aceto
  • Spugna morbida
  • Acqua
  • benzina
  • bicarbonato di sodio
  • paglietta d'acciaio
  • limone
35

Prima di colorare il rame dovete pulirlo adeguatamente. Mescolate in parti uguali benzina e bicarbonato di sodio e strofinate tutto il rame, con della paglietta di acciaio fine. Non strofinate con un movimento in diagonale o in cerchio, ma in linea retta, per non rendere evidenti piccole abrasioni. Lavate in acqua corrente e asciugate. Buoni risultati si ottengono anche con aceto mescolato con farina di mais o con un po' di succo di limone.

45

A questo punto non vi resta che colorare l'oggetto. Prendete un contenitore a seconda della grandezza dell'oggetto da colorare e riempitelo di 100cc d'acqua. Dopodiché aggiungete 10g di rame nitrato, argento nitrato in cristalli (aggiungiamone 5 cristalli), acido nitrico (mettete 5 gocce). Appena il composto sarà pronto, immergete l'oggetto per 3 minuti e poi asciugatelo per bene. Passate il colore che preferite con uno spray o con colori acrilici ad acqua, che sono privi di solventi tossici. L'oggetto adesso è pronto. Se usate colori che contengono solventi tossici, ricordatevi di farlo all'aperto oppure in ambienti ventilati.

Continua la lettura
55

In alternativa potete pulire il rame con una miscela composta da siero di latte e un po' di sale, o ancora una miscela di aceto e sale (mezza tazza di aceto e 3 cucchiai di sale). Potete anche preparare una miscela di farina di granoturco, sale fino e aceto. Il procedimento è sempre lo stesso: strofinate molto bene, poi lavate con acqua fredda e asciugate con un panno morbido. Per le pentole in rame, che utilizzate per cucinare, mescolate 3 cucchiai da tè di sale con 6 di aceto, pulite come al solito con un panno morbido. Sciacquate in acqua calda e asciugate bene. Per quanto riguarda gli utensili, tagliate un limone a metà, immergete la parte esposta nel sale e strofinate bene su tutto l'utensile da pulire. Lavate e sciacquate come al solito. Per pulire il rame cesellato, sfregate con mezzo limone o con mezza cipolla cruda, risciacquate con acqua calda e lucidate con un panno di lana caldo. Le nostre nonne rendevano brillanti i paioli della polenta soltanto con la cenere e con un po' di olio di gomito. Se avete un caminetto, provate: non cambierete più sistema.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire un bagno in gres porcellanato

Oggi i bagni sono presenti in commercio in modelli diversi e in stili differenti; inoltre sono costruiti anche con materiali vari come: la ceramica standard o smaltata, il metallo, la porcellana, la resina ecc. I componenti di un bagno possono essere...
Pulizia della Casa

Come pulire il pavimento del garage

Il garage è uno dei posi più amati dagli uomini, è un luogo dove poter parcheggiare la propria automobile e non solo. Solitamente diventa anche una sorta di ripostiglio dove poter riporre vecchi oggetti o conservarne di nuovi, oppure dove poter ralizzare...
Pulizia della Casa

Eco pulizie di casa: eliminare la ruggine

La ruggine è un nemico silenzioso e subdolo che aggredisce le pentole, le stoviglie, gli utensili. Colpisce persino i lavandini ed i sanitari. Se avete deciso di dedicare un po' del vostro tempo a fare delle pulizie di fondo in casa e volete combattere...
Pulizia della Casa

Come pulire una vasca in ghisa

La ghisa è una superficie altamente resistente, è suscettibile alle screpolature e presenta un ottundimento della finitura. Se si utilizzano i prodotti sbagliati, si accelera il degrado della superficie. Detergenti come polveri abrasive, aceto bianco...
Pulizia della Casa

Come pulire un lavello in ceramica

Questa guida può risultare molto utile a tutti coloro che desiderano sapere come pulire un lavello in ceramica in maniera approfondita e senza rischiare di rovinare la superficie in ceramica, essendo essa particolarmente delicata e suscettibile di...
Pulizia della Casa

Come pulire le pentole

Utilizzare il metodo migliore per pulire adeguatamente le pentole è davvero molto importante. Questi utensili vanno infatti puliti nel modo giusto affinché mantengano nel tempo la loro affidabilità in cucina. Le migliori pentole, quelle più affidabili,...
Pulizia della Casa

Come pulire i cristalli Swarovski

Anche se i cristalli Swarovski sono meno costosi rispetto alle pietre preziose, sono considerati il "top-of-the-line" nel regno della bigiotteria. Pertanto, è di fondamentale importanza sapere come pulirli, a prescindere dalla quantità e dalla tipologia...
Economia Domestica

5 modi per pulire l'argento

L'argento è un metallo versatile e bello, grazie alla sua lucentezza aggiunge un tocco di eleganza a piatti, posate, e gioielli. Pulire l'argento è facile, economico e veloce poiché non è necessario alcun attrezzo speciale. È infatti possibile pulirlo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.