Come pulire a fondo un banco da macellaio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il banco del macellaio, ma in particolare tutte le aree di lavorazione del cibo crudo richiedono un po' di attenzione nella loro manutenzione e pulizia. Molto spesso infatti i residui di cibo che possono rimanere accidentalmente sul ripiano, con il passare del tempo diventano un ricettacolo di germi e sporcizia, dovuto al progressivo deterioramento degli stessi. Possono trasferirsi sui cibi più recenti, causando, nel peggiore dei casi, malattie ed altro. Per questo motivo bisogna mantenere il banco da macellaio pulito. In questa guida spiegherò in maniera precisa e dettagliata come pulire a fondo il banco da macellaio.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Aceto, alcool acqua bollente e vapore
  • Soda caustica ed elementi per riparare mani e occhi
36

Fondamentale per ottenere un risultato eccellente la scelta dei materiali, in particolare quando si parla di carne e pesce, per quanto il legno risulti bello, rustico e caldo, è un materiale poroso che assorbe in profondità le eventuali parti liquide che fuoriescono durante le preparazioni e diventano impossibili da raggiungere ed eliminare durante la pulizia, pertanto molto meglio utilizzare materiali sintetici, che si possano trattare anche sostanze aggressive e sterilizzare ad alta temperatura come il teflon.

46

I prodotti per la pulizia sono molteplici: per una pulizia giornaliera delle superfici di lavorazione può andar bene iniziare sgrassando con aceto bianco, in grado di sciogliere buona parte dei residui unti crudi e cotti, seguito da una buona passata di alcol che toglie anche parte dell'odore. In questo modo vanno trattata i coltelli che non possono subire trattamenti termici che ne rovinerebbero il filo. Al posto di aceto ed alcol si possono usare amuchina, sgrassanti ed igienizzanti di ogni marca, meglio però almeno asciugare le superfici trattate evitando che asciugandosi da soli lascino sulle superfici patine di sostanze chimiche, ma francamente se si possiede una igienizzante a vapore è sicuramente meglio.

Continua la lettura
56

Di fronte ad uno sporco ostinato e di vecchia data, nel caso si stesse recuperando il bancone, acciaio e vetro possono al limite essere trattate anche con soda caustica, prodotto estremamente corrosivo e pericoloso. Se possibile, smontare quanti più pezzi removibili, ed immergerli nella soluzione caustica, per le parti inamovibili si possono utilizzare stracci imbevuti: servono in questo caso appositi guanti e protezione per gli occhi, i vapori emessi sono tossici. Ovviamente tali operazioni vanno fatte in ambienti ben areati e mai da soli. A fine lavaggio è necessario un accuratissimo risciacquo. Come si può vedere, per pulire il banco di lavoro esistono molteplici modi. Basta seguire i consigli riportati in questa guida per eseguire al meglio il lavoro richiesto ed avere infine un banco di lavoro pulito e pronto per essere usato.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Pulitori, sgrassatori ecc, sul retro della confezione molto spesso riportano la x dei prodotti tossici, dopo il loro utilizzo si deve eliminarne i residui
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire un forno in acciaio

L’acciaio è un metallo molto comune, utilizzato per la realizzazioni di vari complementi d’arredo e anche di lavelli, frigoriferi, forni e piani cottura ...
Pulizia della Casa

Come pulire i battiscopa in alluminio

L’alluminio è un metallo molto comune, utilizzato per la realizzazioni di vari complementi d’arredo e anche di battiscopa, lavelli, frigoriferi e piani cottura ...
Pulizia della Casa

Come pulire le macchie di tinta dalla ceramica dei sanitari

Molte persone utilizzano la tintura per colorare i propri capelli e la maggior parte esegue questa operazione nel lavandino o nella vasca da bagno senza ...
Pulizia della Casa

Come pulire le pantole di rame

Chi ha la passione per la cucina conosce le qualità delle pentole in rame. Esse sono più "calde" dell'acciaio, cioè hanno una capacità termica ...
Economia Domestica

5 passi per organizzare le pulizie di primavera

Quando arriva la primavera siamo tutti più energici e vitali e abbiamo quasi l'impressione di fiorire con essa, è come se ci fosse un ...
Pulizia della Casa

Come Pulire Il Pavimento Di Cotto

Materiale di antica tradizione e di grande fascino, il cotto rende intimo e accogliente ogni spazio, grazie alle sue tonalità calde e naturali. È oggi ...
Pulizia della Casa

Come fare le pulizie di primavera

Le pulizie di primavera sono una consuetudine molto diffusa. Prima dell'arrivo del gran caldo, è buona abitudine tirare la casa a lustro: intervenire su ...
Economia Domestica

Come pulire e tagliare i porri

Quando al mercato acquistiamo i porri ed intendiamo utilizzarli per sfruttare il loro sapore di cipolla dolce e delicato, e soprattutto preparare delle gustose ricette ...
Pulizia della Casa

Come lucidare il piano laminato

Se in casa sui mobili da cucina o su quelli del soggiorno abbiamo dei ripiani laminati, per evitare di rovinarli durante le fasi di pulizia ...
Pulizia della Casa

Come fare il detersivo per lavatrice in casa

Il bucato in lavatrice comporta costi non solo per quanto riguarda l'energia elettrica, ma anche per i detersivi che vengono utilizzati una sola volta ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.