Come proteggere piante e ortaggi dal freddo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il freddo e il gelo rappresentano senza dubbio i peggiori nemici per le piante. Numerosi sono anche i problemi che creano ad un orto, soprattutto quando questo è nel pieno della sua fioritura. Ecco perché diventa indispensabile approntare delle protezioni che possano scongiurare i pericoli derivanti dall'azione dannosa degli agenti atmosferici, soprattutto nel periodo invernale. In questa guida vogliamo illustrarvi come proteggere nel modo migliore piante e ortaggi dal freddo, in modo da beneficiare delle delizie del verde e dei prodotti del vostro orto in ogni occasione.

26

Occorrente

  • Cassoni di legno con finestra, teli protettivi in plastica, tunnel di metallo.
36

Costruire finestre in legno

Una delle soluzioni che più di ogni altra è in grado di garantire perfetta protezione alle piante e agli ortaggi è rappresentata da speciali contenitori, dall'aspetto di veri e propri cassoni, in grado di far passare la luce attraverso un'ampia apertura posta sulla propria base superiore. All'interno delle finestre andranno poste le piante di ortaggi, che riceveranno così la protezione dalle intemperie e, allo stesso tempo, potranno beneficiare della luce durante le giornate invernali particolarmente belle e luminose.

46

Applicare teli protettivi

Per chi fosse invece alla ricerca di un rimedio classico ma non meno efficace, il consiglio è quello di utilizzare degli ampi teli in plastica con i quali ricoprire le piante e gli ortaggi, in modo da preservarli dal freddo. L'azione isolante dei teloni, infatti, garantirà alla pianta un habitat corretto nel quale crescere e svilupparsi in modo armonico. Questo particolare accorgimento può essere utilizzato anche per poche ore al giorno, soprattutto negli orari notturni, periodi nei quali solitamente il freddo e il gelo si fanno più intensi. Ricordatevi, dopo l'utilizzo, di rimuovere i teli protettivi con molta attenzione, in modo da non danneggiare le piante.

Continua la lettura
56

Montare tunnel di metallo

Un rimedio molto moderno e di grande successo è quello di realizzare un tunnel di metallo a protezione di piante e ortaggi. Per prima cosa si dovrà procedere al trapianto delle piante particolarmente sensibili o fragili e interrarle in un solco di terreno appositamente predisposto in precedenza. L'intera superficie del solco dovrà quindi essere chiusa con questo speciale tunnel, a forma di un arco, che di solito è in vendita già realizzato in tutti i vivai più forniti. Ecco realizzata, utilizzando metodi diversi, una valida protezione per piante e ortaggi nel periodo di gelate. Per godere del verde e delle delizie dell'orto anche in pieno inverno.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordatevi, dopo l'utilizzo, di rimuovere i teli protettivi con molta attenzione, in modo da non danneggiare le piante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come Costruire Una Serra da Terrazzo

L'inverno è alle porte e se in giardino abbiamo delle piante che non sopportano le basse temperature, bisogna provvedere a salvaguardarle in un locale adatto, sia per temperatura che per illuminazione. Possedere una serra è forse l'aspirazione più...
Esterni

Come coltivare la cipolla rossa

La cipolla rossa è un ortaggio tipico del nostro paese, in cui cresce soprattutto nelle regioni meridionali, in particolar modo in Calabria (famosissima è infatti la cipolla rossa di Tropea). Per questo motivo, non è difficile trovarla nei supermercati...
Esterni

Come riparare le piante del terrazzo in inverno

Le piante conferiscono alla nostra casa un'atmosfera più vitale e accogliente. Decorare l'appartamento con un po' di verde può fare un'enorme differenza. Rientrare a casa dopo una lunga giornata di impegni ha tutt'altro effetto se l'ambiente ci avvolge...
Esterni

Come realizzare un orto a bassa manutenzione

Come vedremo nel corso di questo interessante tutorial, con un po' di impegno e un grande amore per il verde, è possibile realizzare un orto senza preoccuparsi di dover dedicare tempo e fatica per la sua manutenzione, seguendo una serie di dritte basilari...
Esterni

Come risparmiare acqua nell'orto

Soprattutto durante il periodo estivo, diventa una priorità il risparmio dell'acqua. Nel rispetto della collettività dunque, è necessario attuare una serie di comportamenti che conducano in questa direzione. L'esigenza si fa ancora più pressante per...
Economia Domestica

Come lavare la verdura dell'orto

Le verdure che utilizziamo per preparare i nostri cibi vanno pulite con cura, sia quelle acquistate al supermercato che quelle provenienti dall'orto della nostra casa. Anche se non usiamo pesticidi per crescerle dovremo comunque fare attenzione per disinfettarle...
Esterni

Come formare delle aiuole in giardino

L'aiuola è un elemento fondamentale del giardino: serve alla coltura dei fiori e dà un tocco di vivacità generale. Per dare il colore infatti, aiuole e bordure sono fondamentali. Basta solo delimitare un piccolo angolo del giardino con un cordolo....
Economia Domestica

Come curare il giardino e l'orto

Il giardino e l'orto non sono solo un luogo di produzione di ortaggi, ma costituiscono una finestra aperta sulla natura. Se si impara a seguire l’evoluzione delle piante, a conoscere il terreno e le sue varietà si può coltivare al meglio un orto familiare....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.