Come ottenere l'olio di girasoli

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'Italia è uno dei Paesi con la più ricca tradizione enogastronomica del mondo. Tra le sue specialità, note in tutto il pianeta, vi è l'olio di oliva. La ricca produzione di olio d'oliva, in particolare extravergine, consente abbondanti esportazioni all'estero. Ma le conoscenze nel settore non si limitano soltanto ad estratti di oliva, infatti riguardano anche tutti quei semi oleosi da cui trarre dell'ottimo olio alimentare. Uno di questi è l'olio di girasoli, estremamente comune in cucina, soprattutto per fritture. L'olio di girasoli si utilizza anche come condimento leggero per insalate di ogni tipo, inoltre può diventare un ottimo ingrediente per la cura del corpo. Come ottenere l'olio di girasoli in casa? Le procedure non sono affatto complesse.

26

Occorrente

  • Almeno 35 chili di semi di girasole (o 140 piante selvatiche).
36

Acquistare i semi di girasole

Sebbene ottenere olio di girasoli non sia difficile sarà necessaria una grossa quantità di semi (i semi dei girasoli sono di colore nero). Tali semi li vediamo spesso come parte integrante dell'alimentazione di alcuni roditori. Per produrre in casa dell'olio di girasoli avremo bisogno di almeno 35 chili di semi (saranno sufficienti a produrre tre litri di olio di girasoli). Un quantitativo notevole, che dovremo prenotare da un rivenditore.

46

Frullare i semi e cuocerli

Per iniziare la produzione dell'olio dovremo frullare i semi per almeno cinque minuti. Otterremo una pasta oleosa e consistente, che verseremo in una pentola capiente. Accendiamo il gas e cuociamo l'impasto di semi per circa 25 minuti. Noteremo come la parte più oleosa dei semi di girasole inizierà a separarsi dalla pasta. Durante questa fase dovremo mescolare spesso il composto, in modo che non si attacchi. Al termine della cottura trasferiamo il contenuto della pentola in un colino, filtriamo con cura il composto e raccogliamo esclusivamente l'olio di girasoli. Successivamente potremo imbottigliarlo e conservarlo in un luogo fresco.

Continua la lettura
56

Tostare i semi in forno e schiacciarli

Un altro metodo prevede la tostatura in forno a 160°C per venti minuti (anche in questo caso dovremo ricordare di mescolare i semi di frequente). Al termine dei venti minuti sforniamo e facciamo raffreddare, quindi schiacciamo i semi dei girasoli mediante uno schiacciapatate (esercitare una forte pressione permette all'olio di girasoli di fuoriuscire). Per quantità maggiori possiamo utilizzare un torchio, come quelli per la spremitura delle vinacce. Filtriamo attraverso un colino e raccogliamo in un recipiente resistente al calore e freddo. La produzione dell'olio al naturale, senza conservanti, ne accorcia la durata, perciò è fondamentale consumarlo entro tre settimane.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordiamo di indossare indumenti protettivi e guanti: l'olio caldo può creare lesioni e ustioni.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

10 idee per decorare la casa con i fiori secchi

Da sempre i fiori sono ritenuti un importante elemento decorativo per la casa, poiché danno un tocco di colore, eleganza e freschezza. Molto spesso l’utilizzo di fiori freschi può essere poco pratico, dato che richiedono tante cure e appassiscono...
Arredamento

Come arredare un loft in stile provenzale

Se stai pensando di arredare il tuo loft ricordando la Provenza, i suoi colori ed i suoi profumi allora sei nel posto giusto. Qui troverai ma guida su come arredare un loft in stile provenzale adatta agli animi romantici e sognatori, proprio come te....
Arredamento

Arredamento provenzale per il bagno: mobili e accessori

Lo stile provenzale è l'espressione di una forma artistica che si è evoluta in una regione specifica del sud della Francia: la Provenza. Questa è una terra di prodotti tipici mediterranei, come l'olio d'oliva ed il vino, nonché dei campi di grano...
Arredamento

5 semplici idee per decorare le pareti

Quando avete l'esigenza di tinteggiare le pareti, le potrete anche decorare, cercando di evitare di fare un lavoro definitivo. Se la parete infatti è in condizioni discrete, si potrà abbellire in un modo elegante e semplice. Nei passi che seguiranno,...
Arredamento

Come scegliere un tavolo da giardino provenzale

In generale, i giardini francesi celebrano i piaceri e le bellezze della natura, spaziando liberamente in volumi, forme, colori e fragranze. Tessono bellezza ed utilità e non esitano a mischiarsi di frutta, fiori ed ortaggi; questi, infatti, possono...
Ristrutturazione

5 idee per rinnovare la cucina spendendo poco

Ogni tanto la casa ha bisogno di essere rinnovata. Ogni due o tre anni è bene tinteggiare le pareti anche per motivi igienici, cambiare le tende, la moquette o la carta da parati, dare un nuovo look all'ambiente e cambiare qualche complemento d'arredo....
Arredamento

Idee per rinnovare la cucina

Se avete intenzione di abbellire la vostra cucina, potete intervenire con delle tecniche adeguate atte a massimizzare il risultato e a renderla più accogliente. Si tratta in sostanza di lavori facili e divertenti, che se ben eseguiti forniscono degli...
Arredamento

Le migliori decorazioni per pareti

Se dovete mettere su casa nuova o rinnovare i locali di quella vecchia, studiate attentamente le varie soluzioni che riguardano le pareti delle varie stanze. Non è solo l'arredamento che fa accogliente una camera o identifica lo stile di un salotto,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.