Come lucidare le pentole d'acciaio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le pentole di acciaio, sono da sempre considerate la miglior scelta per cucinare alimenti in modo sano e genuino. L'importante è che queste, vengano trattate con cura evitando di realizzare graffi sulla superficie. Inoltre la composizione particolare, consente ad esse, di essere particolarmente resistenti all'usura, all'ossidazione e facili da pulire.
Può capitare però che gli anni di utilizzo, i prodotti di pulizia e qualche cibo bruciato, possano deteriorare ed intaccare la superficie esterna. In questa semplice ed intuitiva guida vediamo quindi come individuare qualche giusto metodo per lucidare in maniera perfetta e senza troppe fatiche, le nostre pentole d'acciaio.

26

Occorrente

  • prodotti chimici
  • sabbia
  • aceto e limone
  • rabarbero
36

utilizza prodotti appositi

Sul mercato si trovano una varietà infinita di prodotti che aiutano a pulire e far brillare tutti gli utensili della casa. Per lucidare l’acciaio, potete usare quindi dei prodotti appositi da diluire con acqua e detersivo per piatti; dopodiché è necessario con una spugnetta, risciacquare la pentola con accuratezza ed asciugare con delicatezza.

46

Utilizza i prodotti naturali

Se invece non volete usare dei prodotti specifici per lucidare le pentole in acciaio, esistono metodi naturali che però risultano essere davvero molto efficaci.
Uno di questi è quello di passare la teglia con una pasta composta da sabbia molto fina e con del sapone liquido: prendetene un poco sulla mano e passatela all'interno sulle parti da lucidare. Lasciate riposare una decina di minuti e poi lavatela con abbondante acqua e, alla fine, asciugatela.

Continua la lettura
56

Utilizza l'aceto

Un altro metodo naturale e molto semplice, è quello di utilizzare come detergente l'aceto: prendete quindi dell'aceto, mischiatelo con acqua e un po' di succo di limone e lasciatelo agire per qualche ora. L'aceto è molto utile anche nel caso dobbiate eliminare eventuali bruciature di cibi.

66

Utilizza acqua e rabarbaro

Un metodo che si sta diffondendo tantissimo nell'ultimo periodo è quello di eliminare l'ossidazione dell'acciaio semplicemente bollendo l'acqua con del rabarbaro, una particolare e diffusa pianta erbacea perenne. Il risultato oltre ad essere straordinario è anche profumato: gli acidi di questa pianta officinale eliminano facilmente l'ossidazione e rilasciano un grazioso profumo. Cercate quindi la pianta o il suo estratto nelle migliori erboristerie o tra le più fornite serre di fiori e piante. Scegliete quindi il metodo che più si avvicina alla vostra natura ed esigenza e fate ritornare all'originario splendore tutti gli utensili della vostra casa!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire gli utensili da cucina in acciaio inossidabile

Uno dei materiali maggiormente diffusi nelle nostre cucine è l'acciaio inox. Due sono i principali motivi di questa enorme diffusione: la sua grande resistenza nel tempo, e la bellezza delle sue finiture lucide e caratteristiche. Questo materiale altro...
Pulizia della Casa

Come trattare le pentole in rame

Gli utensili in rame sono molto belli, ma sono meno comuni e moderni delle pentole in acciaio. Forse è questo il motivo per cui hanno un fascino particolare. Essi sono le stoviglie che usavano le nonne, ma per averli sempre lucidi e più duraturi necessitano...
Pulizia della Casa

Come pulire le pentole di ottone

Ormai sono amiche del passato le pentole di ottone, ma il loro fascino è indiscutibile: possono essere ammirate nelle case rustiche di campagna o nei ristoranti come oggetti d'arredamento, in cui decorano mobili e pareti. Come per tutti gli oggetti,...
Pulizia della Casa

Come lucidare l'ottone

L'ottone è un metallo presente in quasi tutte le abitazioni, utilizzato per lampadari, soprammobili ed oggettistica varia. Esso necessita di presentarsi pulito per mostrare tutta la sua brillantezza e la sua lucentezza dato che, la composizione stessa...
Pulizia della Casa

Come lucidare i gioielli d'argento: rimedi casalinghi

L'argento è uno dei cosiddetti metalli nobili: è resistente e duttile, dura nel tempo e riflette la luce meglio di tanti altri materiali. Inoltre, rispetto al suo raffinato collega, l'oro, è decisamente più conveniente e con i tempi che corrono, è...
Economia Domestica

Come disinfettare le stoviglie

Piatti, bicchieri, posate, pentole: li usiamo tutti i giorni, ma come possiamo essere sicuri che siano puliti davvero a fondo? Sia che vengano lavati a mano o in lavastoviglie, il detersivo può non bastare. Ecco allora alcuni trucchi e suggerimenti su...
Pulizia della Casa

Come lucidare l'argento con prodotti naturali

L'argenteria è qualcosa di davvero bello e straordinario, con la sua brillantezza unica e particolare. Peccato che con il tempo l'argento tenda ad ossidarsi, quindi a diventare più scuro. Perdendo la sua brillantezza l'argento perde gran parte del suo...
Pulizia della Casa

Come pulire le pentole in acciaio inox

Le pentole in acciaio inox (dal francese inossidabile), grazie alla loro composizione a base di ferro e carbonio, si caratterizzano per la solidità, per l'intensa resistenza all'usura e all'ossidazione, che le rende adeguate alla cottura di svariate...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.