Come legare il pollo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il pollo, fra le carni, si inquadra come tipologia di carne bianca. È leggero e saporito ed in più si presta alla realizzazione di molti manicaretti. Con la carne di pollo, ricca di proteine e povera di grassi, è possibile preparare delle pietanze ripiene. Adeguatamente speziato, il pollo può contenere delle saporite farciture. Tuttavia, prima della cottura, è necessario legare il pollo. Al fine di mantenere meglio l'imbottitura interna, senza il rischio che fuoriesca. Le indicazioni della presente guida spiegheranno come legare il pollo.

27

Occorrente

  • Spago e forbici.
37

Procurarsi lo spago adatto

Legare il pollo serve per il mantenimento della forma del pollastro. In più una buona legatura favorisce la cottura uniforme, evitando eventuali fuoriuscite di farcia. Occorre dunque un pollo giovane, ossia un galletto pulito e privo di piume e zampe. È possibile acquistarlo già pronto dal proprio macellaio di fiducia. Abilmente ed in pochissimo tempo, egli saprà avvolgerlo e speziarlo nel modo più opportuno. In caso di imbottitura casalinga, si può invece acquistare un pollo da farcire nella propria cucina. L'elemento essenziale da procurarsi è dello spago per alimenti. Per legare il pollo ne servirà circa un metro e mezzo. Anche se è sempre consigliabile abbondare nella lunghezza dello spago. Magari a motivo una ricca farcitura, che aumenterà parecchio il volume del pollo.

47

Legare il pollo

Una volta preparato il pollo secondo la ricetta prescelta, si può legare. Dunque disporre la schiena del pollo sul tavolo da lavoro. Prendere le due estremità dello spago e tenderlo. Lasciarlo quindi passare sotto la coda. Stringendo lo spago, nel contempo incrociarlo. Poi legare di nuovo il pollo con un altro giro di spago identico al primo. In questa fase, cercare di comprimere le cosce del pollo verso il centro. Una volta ben stretto, passare lo spago per il centro. Rivoltare il pollo dall'altra parte e creare un nodo ben fermo. Durante tutta l'esecuzione, non tagliare mai il filo. Ripetere il passaggio precedente, salendo verso le ali. Assicurarsi del buon fissaggio delle parti. Una chiusura molto stretta del pollo non dovrà preoccupare. Infatti la carne tenderà a restringersi durante la cottura. Concluso il lavoro, tagliare gli eccessi di filo con le forbici. Adesso il pollo è finalmente pronto per la cottura.

Continua la lettura
57

Liberare il pollo dallo spago

A cottura avvenuta del pollo, prima di servirlo bisogna liberare le carni dallo spago. Infine questa squisita vivanda si potrà disporre su un piatto da portata. Si può lasciare il pollo intero al centro del piatto, accompagnandolo con un buon contorno. Una volta in tavola, si potrà tagliare in porzioni per tutti i commensali. http://www.salepepe.it/tecniche-base/pollame/come-legare-pollo/.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In caso di pollo più grande, avvolgerlo più volte con lo spago al centro, per sostenerlo maggiormente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come scegliere le calamite per le tende

Le ampie vetrate e finestre sono una soluzione ideale per illuminare naturalmente gli ambenti della casa. Spesso però è opportuno corredare queste fonti di luce naturale con delle tende. Tende e drappi, sono decorazioni ideali per ogni stanza che sia...
Esterni

Come isolare i vasi esterni

Nei periodi afosi dell'estate non siamo gli unici a dover soffrire. Infatti, se avete delle piante in casa, saprete che in estate queste necessitano di molta più cura e molta più acqua. Ma tutto questo non elimina del tutto il rischio che le piante...
Esterni

Come costruire una capanna

Quando si ha uno spazio a disposizione, che sia un grande giardino o un bel terrazzo, o semplicemente ci si ritrova in un bosco e si ha necessità di ripararsi, essere capaci di realizzare da soli un rifugio può rivelarsi molto utile. Questa attività,...
Arredamento

Come decorare la tavola di Natale con materiali naturali

Apparecchiare la tavola di Natale è uno dei momenti più magici e al contempo divertenti del periodo natalizio; un lavoro che non richiede particolari investimenti economici, ma solo un po' di pazienza e un minimo di fantasia. Se in particolare desiderate...
Arredamento

Come scegliere i colori del soggiorno

Dipingere le pareti della propri abitazione è il metodo più comune per cambiare l'aspetto della casa senza spendere moltissimi soldi per l'acquisto di nuovi complementi d'arredo ed ogni stanza può essere personalizzata a seconda dei gusti della persona...
Esterni

Come coltivare le piante rampicanti

Come vedremo nel corso di questa guida, coltivare le piante rampicanti non richiede un lavoro lungo e complesso, è sufficiente infatti un po' di pazienza e impegno per coltivare le piante efficacemente e senza errori. Se pertanto avete il pollice verde...
Ristrutturazione

Come Costruire una parete traforata per dividere il giardino

La parete traforata è un'ottima soluzione per formare uno stacco visivo tra le terrazze e le aree a prato, per delimitare i bordi dei vialetti pedonali oppure semplicemente per aggiungere elementi di interesse a zone senza attrattive particolari. Questo...
Esterni

Come costruire un'altalena in giardino

L'altalena è un tipico gioco da giardino che accompagna l'infanzia di milioni di bambini. Il gioco è abbastanza semplice ed inoltre favorisce il movimento all'aria aperta del bambino per cui è un passatempo sano e divertente. Se si dispone di un giardino...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.